Il volante anti-sonno che ti salva la vita è roba da studente

Il dispositivo Helios, da montare in auto, emette un suono se si staccano le mani dal volante per un tempo prolungato. L’idea ha vinto la prima puntata della competizione tra startup giovanili promossa da Repubblica Next

Ti addormenti mentre sei alla guida. Il volante ti sveglia, e ti salva la vita. Ci ha pensato un gruppo di studenti di Bergamo, realizzando il primo dispositivo sul mercato che ci avverte quando stiamo allentando la pressione delle mani dal volante, ovvero quando stiamo perdendo il controllo dell’auto. Si chiama Helios, che in greco significa sole: un richiamo alla luce, al risveglio, insomma al momento in cui siamo vigili. Il progetto è il primo vincitore uscito da The Innovation game, il programma ideato da Riccardo Luna per Repubblica Next. Una parte del programma, infatti, è dedicata allo Next Junior Club, una competizione tra startup formate da studenti under 20: ogni settimana si sfidano due idee nate sui banchi di scuola. Chi arriverà in finale, avrà l’opportunità di volare in Silicon Valley. La prima puntata, andata in onda il primo aprile (qui il video integrale), è stata vinta dal team dell’Istituto Cesare Pesenti di Bergamo.

sonno

Il dispositivo è molto semplice: consiste in un coprivolante che funge da sensore e in una centralina elettronica dotata di un interruttore. Nel momento in cui il sensore del coprivolante (che funziona attraverso due fili di rame) rileva la diminuzione della pressione delle mani, o non la percepisce più per un tempo prolungato, invia il segnale alla centralina che emette un segnale acustico. Il suono “sveglia” il conducente e lo avverte del pericolo. Questo sistema evita che il guidatore si addormenti, e lo richiama ad una guida senza distrazioni.

“L’idea del volante è nata perché volevamo creare e produrre un dispositivo che migliorasse la vita e la sicurezza delle persone, stando attenti al rispetto dell’ambiente” spiega Mirko Tribbia, 20 anni, uno dei 21 ragazzi dell’Istituto Pesenti che hanno ideato e prodotto Helios. “Abbiamo analizzato i dati statistici degli incidenti stradali e la percentuale di quelli causati da colpi di sonno è allarmante: così abbiamo cercato una soluzione. Abbiamo puntato a un prodotto di facile utilizzo, tutti possono montarlo con facilità sulla propria auto. E sul mercato non c’è niente del genere”. Helios è stato realizzato nel rispetto dell’ambiente: “Il nostro colpo di genio è stato creare un sensore capacitivo con due fili di rame, realizzando un sensore molto economico con materiale riciclabile”.

pesenti

Gli studenti dell’Istituto Cesare Pesenti di Bergamo

Ti potrebbe interessare anche

RNext cerca studenti da trasformare in startupper

Dal 1 aprile partirà il nuovo programma di Repubblica.it, dove si sfideranno idee imprenditoriali nate sui banchi di scuola. La migliore idea vincerà la Silicon Valley

10mila studenti alla Maker Faire per imparare come cambiare il mondo

Ecco i dettagli dell’Education day della Maker Faire dove alcuni grandi (piccoli) innovatori hanno raccontanto come stanno cercando di cambiare il mondo

“L’impresa è come l’inglese: va insegnata a scuola”

Parla Miriam Cresta, Ceo di Junior Achievement Italia. L’organizzazione non profit parteciperà al GEC 2015 con un evento sull’imprenditoria a scuola che riunirà a Milano 150 insegnanti

Google lancia Tez, l’app per pagare via smartphone (anche a ultrasuoni)

Esordisce in India una nuova app per pagare e trasferire denaro attraverso il conto bancario sfruttando le onde sonore che identificano il pagatore e il beneficiario. Presto la tecnologia arriverà in altri Paesi emergenti

Il brevetto di Harvard arriva in Italia con la batteria di Green Energy Storage

Il sistema, basato su una molecola estraibile dai vegetali, consente di accumulare energia, riducendo l’impatto ambientale e i costi di produzione. L’idea di business è diventata un caso di successo anche per l’overfunding su Mamacrowd

L’Open Innovation Contest 2018 di NTT Data fa tappa anche in Italia

Aperte fino al 10 ottobre le candidature per le startup che vogliano partecipare al processo di selezione italiano. Dieci imprese si presenteranno al pitch day del 16 febbraio 2018 a Milano e una sola arriverà alla finale del 22 marzo 2018 a Tokyo