Una stampante 3D in ogni scuola elementare (cinese)

Il Ceo della XYZ Printing ha annunciato la possibilità che il governo cinese acquisti una stampante 3D per ognuna delle 400 mila scuole elementari del Paese

Il governo cinese sarebbe sul punto di introdurre una stampante 3D in tutte le scuole elementari del paese, che significa rifornire oltre 400 mila istituti. La notizia l’ha data Simon Shen, Ceo del gruppo Kinpo, che comprende la XYZ Printing, azienda che si occupa di stampanti 3D nata tre anni fa. Il governo della Repubblica Popolare Cinese non ha ancora ufficializzato il progetto che, se dovesse essere realizzato, significherebbe una svolta per gli studenti cinesi. Un po’ come ha cambiato la scuola l’introduzione dei computer o dei dispositivi mobili, anche la stampante 3D potrebbe avere degli effetti dirompenti sul modo di fare lezione in classe.

fablab-stampanti-3d

Secondo Simon Shen, c’è un’alta probabilità che gran parte delle stampanti che il governo acquisterà per le scuole saranno targate XYZ Printing, per ragioni sia economiche (costano intorno ai 500 dollari) sia pratiche, data la loro facilità d’utilizzo. Come riporta il Taipei Times, la XYZ Printing ha proprio in questi giorni lanciato un nuovo modello di stampante molto semplice da usare dedicata agli studenti.

Lo scorso anno l’azienda ha venduto più di 30 mila stampanti, ma il Ceo assicura che è un settore “in continua crescita”. D’altronde la XYZ Printing è già diventata partner di un e-commerce nel settore dell’infanzia del gruppo Lenovo, che punta a distribuire quest’anno dalle 100 alle 120 mila stampanti 3D.

stampante cina

credits: Tipei Times

 

Ti potrebbe interessare anche

INDIRE (MIUR): «Porteremo le stampanti 3D a scuola»

Lorenzo Guasti di INDIRE, spiega in questa intervista gli obiettivi e i futuri sviluppi del progetto “stampanti 3D nella scuola dell’infanzia”

Maker Faire Rome 2014: ecco i 17 istituti vincitori della Call4School

Ecco gli istituti della Call4School che parteciperanno alla Maker Faire Rome 2014 e maggiori informazioni sulla giornata del 3 ottobre dedicata alle scuole

La rivoluzione dei piccoli makers e perché la scuola ha bisogno di loro

Un diario della Maker Faire di Roma e la rivoluzione dei makers: perché la scuola ha bisogno di loro

Al via a Milano la Fashion Week. Cinque startup che vogliono innovare nella moda

Dal 20 al 25 settembre nel capoluogo lombardo eventi e passerelle per mettere in mostra le ultime tendenze in fatto di abiti, scarpe e accessori. Ma non bisogna perdere di vista chi cerca di modernizzare il settore con la tecnologia. Qui qualche esempio

A ottobre debutta Aml bitcoin, la criptovaluta che contrasta i crimini finanziari

Marcus Andrade ha proposto di introdurre questa modalità di pagamento nel porto di San Francisco. La trasparenza e la sicurezza garantite dal sistema hanno attirato l’attenzione delle istituzioni negli Stati Uniti che potrebbero portare alla sua legittimazione

Il brevetto di Harvard arriva in Italia con la batteria di Green Energy Storage

Il sistema, basato su una molecola estraibile dai vegetali, consente di accumulare energia, riducendo l’impatto ambientale e i costi di produzione. L’idea di business è diventata un caso di successo anche per l’overfunding su Mamacrowd

Food delivery, cosa ordinano gli studenti | La ricerca

Al vertice delle preferenze svettano i piatti americani seguiti dalla cucina asiatica e da quella italiana. In Italia trionfano pizza, burger e sushi. E il 75% spende oltre 20 euro per un ordine

L’Open Innovation Contest 2018 di NTT Data fa tappa anche in Italia

Aperte fino al 10 ottobre le candidature per le startup che vogliano partecipare al processo di selezione italiano. Dieci imprese si presenteranno al pitch day del 16 febbraio 2018 a Milano e una sola arriverà alla finale del 22 marzo 2018 a Tokyo