Una stampante 3D in ogni scuola elementare (cinese)

Il Ceo della XYZ Printing ha annunciato la possibilità che il governo cinese acquisti una stampante 3D per ognuna delle 400 mila scuole elementari del Paese

Il governo cinese sarebbe sul punto di introdurre una stampante 3D in tutte le scuole elementari del paese, che significa rifornire oltre 400 mila istituti. La notizia l’ha data Simon Shen, Ceo del gruppo Kinpo, che comprende la XYZ Printing, azienda che si occupa di stampanti 3D nata tre anni fa. Il governo della Repubblica Popolare Cinese non ha ancora ufficializzato il progetto che, se dovesse essere realizzato, significherebbe una svolta per gli studenti cinesi. Un po’ come ha cambiato la scuola l’introduzione dei computer o dei dispositivi mobili, anche la stampante 3D potrebbe avere degli effetti dirompenti sul modo di fare lezione in classe.

fablab-stampanti-3d

Secondo Simon Shen, c’è un’alta probabilità che gran parte delle stampanti che il governo acquisterà per le scuole saranno targate XYZ Printing, per ragioni sia economiche (costano intorno ai 500 dollari) sia pratiche, data la loro facilità d’utilizzo. Come riporta il Taipei Times, la XYZ Printing ha proprio in questi giorni lanciato un nuovo modello di stampante molto semplice da usare dedicata agli studenti.

Lo scorso anno l’azienda ha venduto più di 30 mila stampanti, ma il Ceo assicura che è un settore “in continua crescita”. D’altronde la XYZ Printing è già diventata partner di un e-commerce nel settore dell’infanzia del gruppo Lenovo, che punta a distribuire quest’anno dalle 100 alle 120 mila stampanti 3D.

stampante cina

credits: Tipei Times

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

INDIRE (MIUR): «Porteremo le stampanti 3D a scuola»

Lorenzo Guasti di INDIRE, spiega in questa intervista gli obiettivi e i futuri sviluppi del progetto “stampanti 3D nella scuola dell’infanzia”

Maker Faire Rome 2014: ecco i 17 istituti vincitori della Call4School

Ecco gli istituti della Call4School che parteciperanno alla Maker Faire Rome 2014 e maggiori informazioni sulla giornata del 3 ottobre dedicata alle scuole

La rivoluzione dei piccoli makers e perché la scuola ha bisogno di loro

Un diario della Maker Faire di Roma e la rivoluzione dei makers: perché la scuola ha bisogno di loro

Missione VITA, Paolo Nespoli torna nello spazio

L’astronauta italiano sarà per la terza volta in orbita attorno alla Terra, per la seconda volta ospite della Stazione Spaziale Internazionale. Il suo compito a bordo della ISS sarà svolgere esperimenti di fisiologia e biochimica per studiare il comportamento della vita nello spazio

Google, Facebook e marketing digitale: così il turismo in Portogallo fa numeri e dà lavoro

Visibilità nelle ricerche online e offerte personalizzate. Ecco come il Paese lusitano ha fatto delle proprie bellezze un business, con un fatturato 2016 di 11 miliardi (e 40 mila posti di lavoro in oltre 4 mila aziende)

Un robot subacqueo ha ispezionato i reattori di Fukushima

Per analizzare l’entità dei danni del terremoto del 2011 nella centrale nucleare di Fukushima, gli scienziati stanno usando un piccolo robot a forma di pesce che ha restituito le prime immagini del reattore

Questa startup di Wylab trova borse di studio per atleti | Usa College Sport

Selezionare borse di studio per atleti nelle università statunitensi, questa la mission del progetto di Deljan Bregasi: «Abbiamo relazioni con 2000 diverse università e possiamo comunicare con migliaia di allenatori di 14 sport diversi»

Come rapire Martina, 5 anni, usando i dati su Facebook. Il video da 200mila visualizzazioni in 24 ore

Matteo Flora ha dimostrato com’è possibile che un profilo Facebook creato dai genitori a una bambina possa rivelare dati preziosi utilizzabili come un’arma da un rapitore. Il video è diventato virale in poche ore