Come si fa un pitch? Lo insegna (a scuola) lo Startup Super School

Lo Startup Super School è un evento di due giorni per insegnare ai ragazzi delle scuole superiori l’abc delle startup. Il primo esperimento, in provincia di Enna

Studiare da startupper, già dalla scuola superiore. Lo Startup Super School è nato per questo: dare ai ragazzi gli strumenti base per avviare un’impresa innovativa. All’Istituto Majorana di Piazza Armerina (Enna) si è svolto in questi giorni il primo incontro dello Startup Super School, l’evento organizzato da Andrea Giarrizzo, digital champion di Valguarnera Caropepe (provincia di Enna). Nelle due giornate di formazione gli studenti imparano a strutturare le loro idee, lavorare in team, e presentarsi in un pitch. L’obiettivo, dice Andrea Giarrizzo, è trasformare lo Startup Super School in un format, un metodo da adottare e diffondere nelle scuole (qui i contatti per proporre uno Startup Super School nella propria scuola).

startup school

Il primo appuntamento all’Istituto Majorana di Piazza Armerina si è svolto il 14 aprile e il prossimo sarà i primi di maggio. “Nel secondo incontro i ragazzi dovranno competere tra loro, con team misti composti da ragazzi e professori, costruendo il pitch della loro idea. I vincitori? Potranno godere di alcuni premi messi a disposizione dai partner”. I partner in questione sono GdgCataniaWorking Capital, YoutHub, Beentouch, StartupCt. Lo Startup Super School è stato avviato come esperimento, ma l’obiettivo è farlo diventare un modello da portare in tutti gli istituti. Secondo Giarrizzo è un buon punto da cui partire per portare la cultura dell’imprenditorialità tra i banchi di scuola, partendo dalle basi.

“È un format per far conoscere ed avvicinare al mondo delle startup, i professori e gli alunni delle scuole superiori. Penso che più si è piccoli e più si riesce ad ideare qualcosa di incredibile”. Le giornate dello Startup Super School si svolgono così: la prima è dedicata alla formazione e la seconda alla competizione. Nel primo incontro ci sono dei formatori che spiegano ai ragazzi cos’è una startup e come si fa a creare un’impresa di questo tipo partendo da una semplice idea.

I ragazzi, poi, durante la seconda giornata, vengono coinvolti in prima persona in un Elevetor pitch, per mettersi alla prova in una competizione con gli altri team. In questa occasione dovranno esporre la propria idea in un minuto davanti ai loro professori e compagni, che sceglieranno l’idea che loro pensano sia la migliore. Sul sito di Digital Champion è possibile leggere il racconto in prima persona di Andrea Giarrizzo della prima giornata di Startup Super School a Piazza Armerina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

“L’impresa è come l’inglese: va insegnata a scuola”

Parla Miriam Cresta, Ceo di Junior Achievement Italia. L’organizzazione non profit parteciperà al GEC 2015 con un evento sull’imprenditoria a scuola che riunirà a Milano 150 insegnanti

A scuola dopo la campanella per realizzare una startup

I Giovani Imprenditori di Confindustria con il programma “L’impresa dei tuoi sogni” hanno premiato le idee imprenditoriali di 3 scuole siciliane

600 studenti al GEC2015 per il primo hackaton della scuola italiana

Il 17 e 18 marzo prossimi, all’interno del GEC2015 – Global Entrepreneurship Congress – Congresso mondiale dell’imprenditorialità, si terrà H-ACK SCHOOL, il primo hackathon completamente dedicato al mondo della scuola. Una gara di idee che vede protagonisti gli studenti