Linkedin compra Lynda per 1,5 miliardi, l’e-learning fa il boom

L’acquisizione miliardaria è stata annunciata dal Ceo di Linkedin Jeff Weiner ed ha segnato il successo dell’imprenditrice sessantenne Lynda Weinman

Linkedin ha comprato il sito di e-learning Lynda.com per 1,5 miliardi di dollari. Ora, i 300 milioni di utenti del social network professionale possono accedere ai corsi di formazione online della piattaforma. Lo ha annunciato lo stesso Jeff Weiner, ad di Linkedin, dal suo account, con un post intitolato “always be learning”. Detto in altre parole: c’è sempre da imparare. La cascata di dollari, però, questa volta non è andata a uno startupper ventenne, ma a una signora sessantenne con gli occhiali da gatta. Di nome Lynda.

lynda

credits: Wall Street Journal

 

Lynda Weinman ha fondato la sua piattaforma nel 1995, assieme al marito Bruce Heavin. Weinman è stata una delle prime donne a interessarsi e ad insegnare il web design, e quando ha aperto il suo sito di e-learning intendeva diffondere la cultura digitale. Su lynda.com, infatti, ci sono corsi di design, tecnologia e impresa. Secondo la società i corsi sul sito sono seguiti oggi da più di 4 milioni di persone.

“Erano vent’anni che cercavo una strada per cercare di riformare il sistema educativo, ed in realtà questo è stato uno dei fattori di spinta più grandi del mio lavoro: speravo che un giorno avrei avuto i mezzi e l’influenza per fare la differenza” ha scritto il Ceo di Linkedin Jeff Weiner sul social. Secondo Weiner, i metodi educativi di oggi sono “antiquati” rispetto alle competenze richieste dalla nostra economia. “Entrambe le compagnie hanno la missione di aiutare il miglioramento professionale”, continua Jeff Weiner, secondo il quale Lynda.com “permette alla gente di sviluppare le competenze che servono per fare carriera”.

linkedin

Ti potrebbe interessare anche

Istruzione a costo zero con i MOOC, corsi aperti a tutti

Stella Fumagalli di Axura spiega cosa sono i MOOC, la loro l’origine, i vantaggi e quattro piattaforme italiane di corsi online aperti a tutti

Book in Progress si evolve, ora punta all’e-learning

Salvatore Giuliano: “Book in progress è a una svolta, apriremo piattaforme per la creazione e la condivisione di contenuti, per portare la didattica online”

I Mooc europei in un’unica piattaforma: ecco il progetto Emma

Emma è la prima piattaforma che aggrega i Mooc, cioè i corsi online aperti a tutti, di università e istituti europei. Capofila del progetto l’Università Federico II di Napoli

Benedetta Arese Lucini (Oval, ex Uber) collabora col MISE su venture e startup

Benedetta Arese Lucini, ex general manager di Uber Italia, da luglio quindi sta collaborando con il ministero dello Sviluppo economico su innovazione, startup e venture capital. Il compenso annuo ammonta a 16.000 euro lordi

Storia (triste) di 2 startupper che stavano sfondando coi bitcoin. Poi li hanno arrestati

Avevano successo e un grande futuro. Hanno rubato i dati di 80 milioni di clienti di JP Morgan, usandoli per vendere azioni truffa e riciclando soldi sulla loro piattaforma di scambio bitcoin

Come funziona (e perchè fa discutere) Magnus, lo Shazam delle opere d’arte

Invece di riconoscere i titoli delle canzoni, questa app identifica le opere d’arte di cui non conosciamo l’autore. Basta puntare lo smartphone sull’opera per visualizzare titolo, nome dell’artista, materiale e dimensioni. Ma c’è di più. Magnus mostra anche il valore dell’opera: una funzionalità che ha già generato polemiche.