Linkedin compra Lynda per 1,5 miliardi, l’e-learning fa il boom

L’acquisizione miliardaria è stata annunciata dal Ceo di Linkedin Jeff Weiner ed ha segnato il successo dell’imprenditrice sessantenne Lynda Weinman

Linkedin ha comprato il sito di e-learning Lynda.com per 1,5 miliardi di dollari. Ora, i 300 milioni di utenti del social network professionale possono accedere ai corsi di formazione online della piattaforma. Lo ha annunciato lo stesso Jeff Weiner, ad di Linkedin, dal suo account, con un post intitolato “always be learning”. Detto in altre parole: c’è sempre da imparare. La cascata di dollari, però, questa volta non è andata a uno startupper ventenne, ma a una signora sessantenne con gli occhiali da gatta. Di nome Lynda.

lynda

credits: Wall Street Journal

 

Lynda Weinman ha fondato la sua piattaforma nel 1995, assieme al marito Bruce Heavin. Weinman è stata una delle prime donne a interessarsi e ad insegnare il web design, e quando ha aperto il suo sito di e-learning intendeva diffondere la cultura digitale. Su lynda.com, infatti, ci sono corsi di design, tecnologia e impresa. Secondo la società i corsi sul sito sono seguiti oggi da più di 4 milioni di persone.

“Erano vent’anni che cercavo una strada per cercare di riformare il sistema educativo, ed in realtà questo è stato uno dei fattori di spinta più grandi del mio lavoro: speravo che un giorno avrei avuto i mezzi e l’influenza per fare la differenza” ha scritto il Ceo di Linkedin Jeff Weiner sul social. Secondo Weiner, i metodi educativi di oggi sono “antiquati” rispetto alle competenze richieste dalla nostra economia. “Entrambe le compagnie hanno la missione di aiutare il miglioramento professionale”, continua Jeff Weiner, secondo il quale Lynda.com “permette alla gente di sviluppare le competenze che servono per fare carriera”.

linkedin

Ti potrebbe interessare anche

Istruzione a costo zero con i MOOC, corsi aperti a tutti

Stella Fumagalli di Axura spiega cosa sono i MOOC, la loro l’origine, i vantaggi e quattro piattaforme italiane di corsi online aperti a tutti

Book in Progress si evolve, ora punta all’e-learning

Salvatore Giuliano: “Book in progress è a una svolta, apriremo piattaforme per la creazione e la condivisione di contenuti, per portare la didattica online”

I Mooc europei in un’unica piattaforma: ecco il progetto Emma

Emma è la prima piattaforma che aggrega i Mooc, cioè i corsi online aperti a tutti, di università e istituti europei. Capofila del progetto l’Università Federico II di Napoli

Al via a Milano la Fashion Week. Cinque startup che vogliono innovare nella moda

Dal 20 al 25 settembre nel capoluogo lombardo eventi e passerelle per mettere in mostra le ultime tendenze in fatto di abiti, scarpe e accessori. Ma non bisogna perdere di vista chi cerca di modernizzare il settore con la tecnologia. Qui qualche esempio

A ottobre debutta Aml bitcoin, la criptovaluta che contrasta i crimini finanziari

Marcus Andrade ha proposto di introdurre questa modalità di pagamento nel porto di San Francisco. La trasparenza e la sicurezza garantite dal sistema hanno attirato l’attenzione delle istituzioni negli Stati Uniti che potrebbero portare alla sua legittimazione

Il brevetto di Harvard arriva in Italia con la batteria di Green Energy Storage

Il sistema, basato su una molecola estraibile dai vegetali, consente di accumulare energia, riducendo l’impatto ambientale e i costi di produzione. L’idea di business è diventata un caso di successo anche per l’overfunding su Mamacrowd

Food delivery, cosa ordinano gli studenti | La ricerca

Al vertice delle preferenze svettano i piatti americani seguiti dalla cucina asiatica e da quella italiana. In Italia trionfano pizza, burger e sushi. E il 75% spende oltre 20 euro per un ordine

L’Open Innovation Contest 2018 di NTT Data fa tappa anche in Italia

Aperte fino al 10 ottobre le candidature per le startup che vogliano partecipare al processo di selezione italiano. Dieci imprese si presenteranno al pitch day del 16 febbraio 2018 a Milano e una sola arriverà alla finale del 22 marzo 2018 a Tokyo