#PNSD, un piano da 8 milioni di euro per gli animatori digitali nelle scuole

La ministra Valeria Fedeli ha firmato un decreto che mira a un cambiamento dell’intero sistema educativo: “Gli investimenti non si fermano qui”.

Un investimento da oltre 8 milioni di euro per cambiare l’intero sistema educativo nazionale e aumentare i fondi a disposizione delle scuole per le attività supervisionate dagli animatori digitali. È questo l’obiettivo della ministra Valeria Fedeli che ha annunciato l’attuazione del Piano Nazionale Scuola Digitale (#PNSD) a Bergamo, nel corso dell’evento “Verso gli Stati Generali della scuola digitale”.

Il Piano Nazionale Scuola Digitale era stato lanciato ad ottobre 2015. Grazie agli 8,4 milioni di euro stanziati, il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca assicurerà alle scuole italiane 1.000 euro da utilizzarsi per diverse attività, tra cui l’organizzazione di laboratori, corsi di formazione per la comunità scolastica e degli animatori digitali sui temi del Piano Nazionale.

L’obiettivo è migliorare o creare piattaforme di apprendimento, nonché svecchiare i siti internet scolastici, ma soprattutto innestare e diffondere la cultura digitale nelle scuole di tutto il Paese. Elementi chiave di questa operazione sono gli studenti, menzionati nel Pnsd, nonché gli animatori e le animatrici digitali.

Chi sono gli animatori digitali

Il lancio del Pnsd al convegno di Bergamo è stata l’occasione per annunciare anche la creazione di una piattaforma di confronto e comunicazione per gli animatori digitali, che li aiuteranno anche ” a fare comunità”. “Crediamo molto nel ruolo degli animatori digitali – ha sottolineato la Ministra – e nell’importanza di seminare l’innovazione in ogni scuola”.

Gli animatori digitali sono figure previste dal Pnsd, incaricate di digitalizzare la vita scolastica e le attività, nonché per stimolare e coltivare la cultura digitale. Ad gennaio 2016 il Miur ha comunicato che a svolgere questo ruolo ci saranno 8.303 insegnanti. Hanno un’età media di 45 anni, sono per lo più donne (4.594 le Animatrici, 3.709 gli Animatori). Inoltre, 5.443 docenti appartengono al I ciclo d’istruzione, mentre 2.860 sono del II ciclo.

Primo passo: la formazione digitale

“Ci saranno nuovi investimenti e nuove azioni, nella consapevolezza che, con il Piano Nazionale Scuola Digitale, stiamo ponendo le basi per un cambiamento sistemico che riguarda i tempi, i modi e gli spazi della scuola, il rinnovamento pedagogico, – ha concluso Fedeli -. Il digitale interviene trasversalmente a tutto il sistema educativo, è un campo gravitazionale che traina e informa ogni processo, ma che deve essere governato”.

Per far sì che il Pnsd venga eseguito al meglio, si lavorerà soprattutto sulla formazione del corpo docenti e sulla produzione di contenuti per le scuole certificati e riconosciuti. Inoltre, come già annunciato insieme con la Presidente della Camera Laura Boldrini, verranno proposti percorsi di “educazione civica digitale” che coinvolgeranno anche le istituzioni e la società civile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Missione VITA, Paolo Nespoli torna nello spazio

L’astronauta italiano sarà per la terza volta in orbita attorno alla Terra, per la seconda volta ospite della Stazione Spaziale Internazionale. Il suo compito a bordo della ISS sarà svolgere esperimenti di fisiologia e biochimica per studiare il comportamento della vita nello spazio

Google, Facebook e marketing digitale: così il turismo in Portogallo fa numeri e dà lavoro

Visibilità nelle ricerche online e offerte personalizzate. Ecco come il Paese lusitano ha fatto delle proprie bellezze un business, con un fatturato 2016 di 11 miliardi (e 40 mila posti di lavoro in oltre 4 mila aziende)

Un robot subacqueo ha ispezionato i reattori di Fukushima

Per analizzare l’entità dei danni del terremoto del 2011 nella centrale nucleare di Fukushima, gli scienziati stanno usando un piccolo robot a forma di pesce che ha restituito le prime immagini del reattore

Questa startup di Wylab trova borse di studio per atleti | Usa College Sport

Selezionare borse di studio per atleti nelle università statunitensi, questa la mission del progetto di Deljan Bregasi: «Abbiamo relazioni con 2000 diverse università e possiamo comunicare con migliaia di allenatori di 14 sport diversi»

Come rapire Martina, 5 anni, usando i dati su Facebook. Il video da 200mila visualizzazioni in 24 ore

Matteo Flora ha dimostrato com’è possibile che un profilo Facebook creato dai genitori a una bambina possa rivelare dati preziosi utilizzabili come un’arma da un rapitore. Il video è diventato virale in poche ore