Per trovare lavoro c’è Thumbs Up Map: associa il vostro profilo alle richieste delle aziende

Una nuova piattaforma suddivide il profilo degli studenti in quattro parti, per trovare l’associazione perfetta con l’offerta di lavoro

Il 36,9% dei giovani tra i 15 e i 24 anni, secondo i dati Istat 2016, è disoccupato. Una percentuale persino in aumento dello 0,2%. Numeri che conosciamo cui sembra non poter dare risposta nessuno. In quest’ultimi mesi a proporre una possibile via d’uscita a questo labirinto è “Thumbs UP Map”: una piattaforma di recruiting online realizzata dall’omonima associazione per valutare i profili e il livello di motivazione di studenti e neolaureati al fine di verificarne l’allineamento con le richieste del mondo lavoro.

job

Cinquecento giovani hanno avuto la possibilità di sperimentare questo portale: il panel di studenti considerati per la prima sperimentazione proviene da tre diversi corsi, self-entrepreneurship all’interno del corso di laurea di ingegneria gestionale del Politecnico di Milano; master in HR e master in digital innovation dell’Università Milano “Bicocca” e corso di marketing all’interno di Economia e Commercio dell’università di Bologna. Una risposta concreta data puntando tutto sull’orientamento e sul legame tra università e mondo del lavoro. Gli ideatori di “Thumbs UP Map” non si sono limitati a guardare ai numeri, ai rapporti presentati dalle società di statistica ma hanno voluto dare una possibilità ai giovani di capire e di comprendere quali possono essere le vie da percorrere per raggiungere l’obiettivo ovvero l’occupazione.

L’idea di sviluppare un portale per ridurre il gap tra education e mondo del lavoro, con l’ambizione di diventare una vera e propria community di coaching online per giovani dai 16 ai 25 anni, nasce proprio dopo la consultazione dei trend in fatto di occupazione. I ragazzi che decidono di usare questo strumento alla fine del percorso hanno in mano una sorta di “carta d’identità” del proprio profilo che presenta quattro caratteristiche che derivano dalle domande poste ai candidati: My Story include domande inerenti al percorso formativo dello studente; My Skill comprende sei competenze (Entrepreneuship, Flexibility, Innovation, Interpersonal, Organization e Numerical agility).; My Will valuta la motivazione e My Job si concentra sull’individuazione di una particolare capacità rispetto a una specifica funzione professionale (vendita, numeri, processo, esperto, gestione del personale).

Il tutto è stato studiato guardando ben oltre i nostri confini: “Thumps Up Map” è un percorso formativo suddiviso in quattro prove sulla base delle skills richieste a livello europeo, in modo da considerare l’individuo nella sua completezza, con l’obiettivo finale non solo di valutare ma anche di sostenere la persona. Un’“impresa” nata grazie al progetto “A bridge for your future” con cui “Thumbs Up” è risultata tra i 18 vincitori di “Digital for Social”, il bando per la digitalizzazione del terzo settore promosso e sostenuto da Fondazione Vodafone Italia, in collaborazione con Gruppo 24 ORE. Nei prossimi mesi altri 2.500 studenti provenienti dalle scuole superiori e 2.500 universitari avranno l’opportunità di fare il test e riceverne gratuitamente il report.

2 Commenti a “Per trovare lavoro c’è Thumbs Up Map: associa il vostro profilo alle richieste delle aziende”

  1. AndyT

    Un progetto molto promettente, che prende atto del fatto che la preparazione al mondo del Lavoro deve iniziare ben prima del dopo-Laurea!

    Sarebbe interessante estenderne l’uso anche a lavoratori e disoccupati over 24, comunque.

    Rispondi
  2. Giorgia

    concordo con andyT, purtroppo il precariato va ben oltre i 25 anni, e potrebbe essere una rete interessante anche più estesa.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Smart e integrata nell’ambiente urbano. L’estetica innovativa della torre Dicecell

L’azienda italiana Calzavara ha creato un’antenna per reti cellulari e sistemi IoT che si adatta allo stile cittadino. Può combinare illuminazione intelligente, una panchina riscaldata, interazione con strumenti digitali informativi e la possibilità di ricaricare smartphone e bici elettriche

Cibo e risorse naturali. Le 6 aree in cui la scienza può salvarci dalla catastrofe

L’Istituto per il cibo, la scienza e la tecnologia di Londra ha definito “chiara ed urgente” la necessità che scienza e tecnologia trovino delle soluzioni ai problemi di coltivazioni sicure e sostenibili