Su Instagram c’è una collezione di emoji dedicati a Frida Kahlo

Un designer ha creato 160 “Fridamoji” ispirati alle opere dell’artista messicana

L’arte di Frida Kahlo entra anche nel mondo digitale. Un designer ha dedicato alla famosa pittrice messicana un progetto su Instagram, creando 160 emoji basati sugli autoritratti e sui dipinti dell’artista. Che sono stati chiamati, naturalmente, Fridamoji.

Non è la prima volta che Sam Cantor, designer della Canter Fine Art gallery di Los Angeles, trasforma le opere di un artista in una grafica digitale: sempre su Instagram ha diffuso immagini ispirate a Andy Warhol e Yayoi Kusama. “Frida era perfetta per il nostro progetto – ha detto Cantor ad Artsy – metteva le sue emozioni in modo molto onesto nel suo lavoro, quindi quale miglior artista si poteva scegliere da trasformare in emoji, che altro sono che simboli con i quali oggi si esprimono le emozioni?”.

Il gallerista ha chiesto collaborazione alla Frida Kahlo Corporation per realizzare emoji quanto più vicini all’artista. Si voleva evitare l’effetto “stereotipo” (quello delle sopracciglia folte o dei copricapi fiorati) e riprodurre anche altri tipi di opere, molto importanti per la vita di Frida. Sono stati realizzati 400 emoji, ma sono 160 sono stati scelti: tra questi ce n’è uno ispirato al quadro in cui Kahlo veste abiti maschili (Self-Portrait with Cropped Hair del 1940) oppure l’autoritratto con le scimmie del 1943.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I 100 milioni di growITup per le startup italiane. Intervista

Fondazione Cariplo, Intesa Sanpaolo e Fondo Italiano di Investimenti tra i primi nomi impegnati nella fase due della piattaforma. Nuove opportunità per l’ecosistema della digital transformation

I tre progetti che hanno vinto il Pitch Day del Lean Startup Program di Peekaboo

La open innovation community partner di Enel per la formazione aziendale ha scelto Mecenuts, Yoyot e Dream Cave. Napolitano (Pekaboo): «Pronti a partire con la quarta edizione del programma, preceduta da uno speciale hackathon di due giorni»