La maturità si avvicina e nelle sale arriva Classe Z, il film della community di ScuolaZoo

Il 30 marzo esce il nuovo film sull’esame di maturità diretto da Guido Chiesa, una storia di un gruppo di ragazzi che combatte per riavere il suo prof di italiano…

Far passare il linguaggio dei giovani, al cinema come in televisione, è un compito per specialisti, per persone che hanno a che fare quotidianamente con un mondo in continua evoluzione. Per questo il regista Guido Chiesa, nel momento in cui ha avuto l’idea di girare un film sulla vita di alcuni studenti all’ultimo anno di liceo, ha deciso di rivolgersi a ScuolaZoo, la community studentesca tra le più frequentate in Italia, con oltre 2,7 milioni di fan su Facebook e e 2,3 milioni di utenti unici sul sitoPaolo De Nadai, startupper e fondatore della piattaforma, ha accettato subito di partecipare al progetto, collaborando con la casa di produzione Colorado Film e con Medusa, che si occupa della distribuzione.

Dalla community al cinema

Il risultato di questo sforzo collettivo sarà visibile nelle sale a partire da giovedì 30 marzo, data di uscita di Classe Z. «In realtà quella di fare un film era un’idea che noi di ScuolaZoo avevamo già da qualche tempo – spiega Paolo De Nadai – ma ancora non avevamo trovato il progetto giusto per partire con un’impresa del genere. L’idea di Guido Chiesa, invece, ci è piaciuta da subito. Si tratta di un esperimento interessante, finalmente cinema e comunità digitale si uniscono per cercare di raccontare l’universo giovanile». Il ruolo della community è stato fondamentale in fase di stesura della sceneggiatura, con i ragazzi della redazione che hanno collaborato soprattutto ai dialoghi e alle situazioni tipiche del linguaggio giovanile.

Il film

Classe Z racconta la storia di un gruppo di ragazzi che interviene in difesa di Marco Andreoli, giovane insegnante di italiano che è stato costretto ad abbandonare la classe a pochi mesi dall’esame di maturità. Un professore rivoluzionario che, un po’ come Robin Williams ne “L’attimo fuggente”, adotta metodi innovativi per far crescere i propri  allievi. I giovani spingeranno per reinserirlo nell’organico, nonostante il parere contrario di preside e professori, rivendicando così il proprio ruolo di studenti con il diritto di imparare e di avere le stesse possibilità rispetto agli altri. Un modo per uscire dal “ghetto” di ignoranza in cui sono stati relegati dal sistema scolastico. «E’ una commedia, quindi leggera e divertente, ma il messaggio di fondo che vuole far passare è chiaro:  la scuola deve riuscire a far venire fuori il talento di tutti, dal più al meno bravo, perché forma quelli che saranno i cittadini della società di domani» conclude Paolo De Nadai.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

SeaSeeker, la maschera realizzata con Snapchat che scatta foto sott’acqua

È la versione subacquea degli occhiali Spectacles del social network del fantasmino. Può essere immersa per 30 minuti e fino a 45 metri di profondità per regalare ai turisti ricordi esclusivi delle loro esperienze in vacanza

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti