Le app per bimbi di Turutu, la startup di una mamma e di un papà, con un nome un po’ così

Dalle Tabelline Parlanti alle storie della buonanotte, con Zofia Kosarzycka e Paolo Godino parliamo di app, di impresa e di una passione che si è trasformata in business

Zofia Kosarzycka è partita da questa idea: quello fra i bambini e la tecnologia è un rapporto intuitivo e che i nuovi strumenti digitali possono aiutare i piccoli a crescere e a sviluppare capacità e intelligenze. Le app di Zofia nascono così. Lei le pensa e Paolo Godino le programma. Dal lavoro di squadra sono nati diversi titoli, tutti in multi lingua: italiano, inglese, francese, spagnolo e naturalmente polacco. Zofia è una mamma, come dire, digitale. E’ nata in Polonia e si è trasferita in Italia quando ha conosciuto proprio Paolo, l’uomo che poi è diventato suo marito. Appassionata di tecnologia, dopo una laurea e un master ha sempre lavorato nel mondo dell’informatica e da quando ha sposato Paolo, laureato in Ingegneria informatica al Politecnico di Torino, ha iniziato a guardare i computer e le app con occhi diversi. Nel frattempo è nato Gabriele e qualche tempo dopo, nel 2015, anche Turutu, la sua startup. A questo punto la passione si è trasformata in business. Abbiamo incontrato proprio Zofia e Paolo. Ecco cosa ci hanno detto.

L’idea è creare app colorate, divertenti, educative e offrire a mamme e papà ciò che loro stessi avrebbero voluto trovare in rete per il proprio figlio.

Turutu

Zofia e Paolo, com’è organizzata l’attività di Turutu?
«La produzione si suddivide in due categorie: app di intrattenimento ed utilità per tutti e app ludico educative per bambini. Il ciclo di sviluppo delle app tiene conto delle piccole dimensioni del team: realizziamo una nuova app ogni circa sei mesi. In alcuni casi per velocizzare lo sviluppo ed incrementare l’offerta acquisiamo semilavorati o app complete che sono in linea con le linee guida che ci siamo dati. Per quel che riguarda le app per bambini, per esempio, ci siamo dati la regola di non inserirvi pubblicità o acquisti all’interno dell’app. Prima di essere imprenditori siamo infatti genitori e non produciamo app che noi stessi per primi non faremmo usare a nostro figlio».

Parliamo del team.
«Turutu è un’attività di famiglia. La nostra formazione ed esperienza lavorativa ci permette di realizzare le app con la necessaria professionalità: dalla definizione dei contenuti, alla grafica, allo sviluppo vero e proprio fino alla comunicazione e marketing.

Come si sostiene la startup e quanto fattura?
«Abbiamo partecipato al programma BizSpark di Microsoft con l’idea di realizzare app anche per la piattaforma Windows Phone visto che il nostro focus principale è sulle piattaforme Apple e Google. Il fatturato dell’anno scorso è stato circa pari a 10k e prevediamo di chiudere a 15k il 2017».

I prossimi passi.
«Quest’anno abbiamo deciso di concentrarci sulla realizzazione di una versione completamente rinnovata di Bus Torino nella grafica, nelle funzionalità e nel modello di business. Continueremo inoltre con la produzione di nuovi pacchetti di gioco per l’app Enigmistica Cruciverba. Ci piace molto quanto realizzato con Tabelline Parlanti e quindi vorremmo produrre altre app che sfruttano le potenzialità del riconoscimento vocale e le tecniche di intelligenza artificiale oggi disponibili anche sui dispositivi mobili. Ci teniamo inoltre sempre aggiornati sulle possibilità offerte dalle nuove versioni di iOS ed Android in modo da sfruttarle al meglio nelle nostre app».

Tabelline Parlanti e Ditamatte

La app di Turutu sono tante. Si va da quelle per i più piccini, a partire da tre anni, fino a quelle per la scuola primaria. Le hanno pensate Zofia e Paolo a mano a mano che Gabriele cresceva, affrontando insieme a lui i problemi e le conquiste di ogni età. C’è Turutu-Tabelline Parlanti, uno strumento per tutti i bambini (e non solo) che devono imparare le tabelline. «Quando realizziamo una app – hanno spiegato sempre Zofia e Paolo – partiamo dalle funzionalità che vorremmo avere e che non si trovano già sul mercato. Un esempio del nostro approccio si può avere con l’ultima arrivata Tabelline Parlanti: sentivamo la necessità di un’app per far esercitare nostro figlio Gabriele con le tabelline ed abbiamo sfruttato le possibilità di riconoscimento vocale di iOS ed Android ottenendo un’app unica sul mercato». Ma nell’indice di Turutu ci sono anche tante storie, quelle che tutte le mamme e i papà hanno raccontato ai loro bimbi prima di addormentarsi. Raperonzolo, Biancaneve, I tre Porcellini, Cappuccetto Rosso. Le fiabe prendono vita e i bambini, magari aiutati dai genitori, possono giocare con i protagonisti, esplorare, sfogliare, inventare e anche abituarsi al suono delle lingue straniere, dal momento che tutte le fiabe sono disponibili anche tradotte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Missione VITA, Paolo Nespoli torna nello spazio

L’astronauta italiano sarà per la terza volta in orbita attorno alla Terra, per la seconda volta ospite della Stazione Spaziale Internazionale. Il suo compito a bordo della ISS sarà svolgere esperimenti di fisiologia e biochimica per studiare il comportamento della vita nello spazio

Google, Facebook e marketing digitale: così il turismo in Portogallo fa numeri e dà lavoro

Visibilità nelle ricerche online e offerte personalizzate. Ecco come il Paese lusitano ha fatto delle proprie bellezze un business, con un fatturato 2016 di 11 miliardi (e 40 mila posti di lavoro in oltre 4 mila aziende)

Un robot subacqueo ha ispezionato i reattori di Fukushima

Per analizzare l’entità dei danni del terremoto del 2011 nella centrale nucleare di Fukushima, gli scienziati stanno usando un piccolo robot a forma di pesce che ha restituito le prime immagini del reattore

Questa startup di Wylab trova borse di studio per atleti | Usa College Sport

Selezionare borse di studio per atleti nelle università statunitensi, questa la mission del progetto di Deljan Bregasi: «Abbiamo relazioni con 2000 diverse università e possiamo comunicare con migliaia di allenatori di 14 sport diversi»

Come rapire Martina, 5 anni, usando i dati su Facebook. Il video da 200mila visualizzazioni in 24 ore

Matteo Flora ha dimostrato com’è possibile che un profilo Facebook creato dai genitori a una bambina possa rivelare dati preziosi utilizzabili come un’arma da un rapitore. Il video è diventato virale in poche ore