Sicurezza online: il portale dei ragazzi che insegnano ai ragazzi. Educationline 2.0

Un gruppo di ragazzi ha creato la pagina Educationline 2.0 con l’obiettivo di rendere più consapevoli i giovani dei rischi che si corrono quando si sta dietro lo schermo di un tablet, di uno smartphone o di un personal computer

C’è chi li definisce “sdraiati”, qualcun altro “bamboccioni” ma loro, i giovani, si danno da fare. Eccome. E’ il caso del gruppo nato in Rete per sensibilizzare alla sicurezza online. Stanchi di sentire le solite parole e di leggere notizie drammatiche come quella di Tiziana Cantone, la giovane che si è suicidata a causa dei video hard pubblicati a sua insaputa, un gruppo di ragazzi ha creato Educationline 2.0, una pagina Facebook nata per aiutare a comprendere la Rete. E cosa c’era di meglio che usare proprio uno strumento a loro vicino per diffondere qualche buona pratica, per raggiungere i coetanei, per parlare attraverso loro anche ai genitori che ancora faticano a capire le dinamiche che si sono nel Web.

Ragazzi che insegnano ai ragazzi…

Il gruppo ha creato la pagina Educationline 2.0 con l’obiettivo di rendere più consapevoli i ragazzi  dei rischi che si corrono quando si sta dietro lo schermo di un tablet, di uno smartphone o di un personal computer.  E se non è la scuola ad assumersi questo ruolo e questa responsabilità questi ragazzi hanno dimostrato di potercela fare da soli facendo tesoro, magari, proprio di quanto hanno appreso tra i banchi.

Presentazione Educationline 2.0 – Videotrailer

Una settimana fa presentavamo il progetto Educationline 2.0, in una serata stimolante e ricca di riflessioni!📱❤Riviviamo l'adrenalina, gli interventi e le emozioni della conferenza in questo video-trailer. Stay tuned for more!📆🔜❤

Geplaatst door Educationline 2.0 op zondag 14 mei 2017

…e anche ai genitori

Per ora siamo agli inizi di questo progetto. Trascorsa la fase di gestazione, il nuovo nato, sta facendo i primi passi ma ha già l’ambizione di raggiungere contatti in tutt’Italia. Non solo: i ragazzi di Educationline 2.0 vorrebbero arrivare a parlare anche ai genitori realizzando per loro degli incontri, delle lezioni con degli esperti che li aiutino a comprendere come rendere più sicuro il rapporto tra i figli e la Rete. La scommessa non è da poco ma proprio grazie alla Rete questi ragazzi sono determinati a portare a termine il loro progetto raggiungendo l’obiettivo che si sono dati. In pentola le idee sono tante e tutte belle. Uno stimolo anche per i grandi. Non è la prima volta, infatti, che dei ragazzi si organizzano per dare delle risposte concrete su questo tema che sta sempre più disorientando chi s’affaccia per la prima volta al virtuale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Missione VITA, Paolo Nespoli torna nello spazio

L’astronauta italiano sarà per la terza volta in orbita attorno alla Terra, per la seconda volta ospite della Stazione Spaziale Internazionale. Il suo compito a bordo della ISS sarà svolgere esperimenti di fisiologia e biochimica per studiare il comportamento della vita nello spazio

Google, Facebook e marketing digitale: così il turismo in Portogallo fa numeri e dà lavoro

Visibilità nelle ricerche online e offerte personalizzate. Ecco come il Paese lusitano ha fatto delle proprie bellezze un business, con un fatturato 2016 di 11 miliardi (e 40 mila posti di lavoro in oltre 4 mila aziende)

Un robot subacqueo ha ispezionato i reattori di Fukushima

Per analizzare l’entità dei danni del terremoto del 2011 nella centrale nucleare di Fukushima, gli scienziati stanno usando un piccolo robot a forma di pesce che ha restituito le prime immagini del reattore

Questa startup di Wylab trova borse di studio per atleti | Usa College Sport

Selezionare borse di studio per atleti nelle università statunitensi, questa la mission del progetto di Deljan Bregasi: «Abbiamo relazioni con 2000 diverse università e possiamo comunicare con migliaia di allenatori di 14 sport diversi»

Come rapire Martina, 5 anni, usando i dati su Facebook. Il video da 200mila visualizzazioni in 24 ore

Matteo Flora ha dimostrato com’è possibile che un profilo Facebook creato dai genitori a una bambina possa rivelare dati preziosi utilizzabili come un’arma da un rapitore. Il video è diventato virale in poche ore