Le lezioni di judo a scuola fanno bene al fisico e al cervello. Il caso dello Scientifico di Vercelli

Il progetto vuole far comprendere i valori che stanno dietro questo sport. Una lezione di vita che è servita ai ragazzi, che sono riusciti ad entrare in contatto con una disciplina ancora troppo poco conosciuta

Il judo entra in classe. Non è più tempo solo di Romani e Fenici, di formule chimiche e frazione, dal 2017 al liceo scientifico “Avogadro” di Vercelli si sono insegnate anche le arti marziali. Nessuno pensi ad un corso di auto difesa: l’idea, infatti, nasce per comprendere i valori che stanno dietro questo sport.  Una lezione di vita che è servita ai ragazzi della seconda Els che grazie alla società Marmar di Trino-Vercelli, al direttore tecnico della nazionale Master Giuseppe Macrì e alla professoressa di matematica, Andretta Bortone che è anche campionessa europea e vice campionessa mondiale Master di judo, sono riusciti ad entrare in contatto con una disciplina ancora troppo poco conosciuta. Abbandonate le espressioni e il teorema di Pitagora, l’insegnante di matematica ha organizzato una serie di lezioni che hanno permesso ai ragazzi di allenarsi su un tatami, il luogo dove è concesso l’utilizzo delle tecniche. Ecco cosa è successo.

judo

wikimedia.org

In cattedra è salito un esperto, Davide Martuzzi che ha preparato i ragazzi con rigore e professionalità al punto da sostenere persino l’esame che ha permesso loro di portare a casa la cintura bianco-gialla, il primo step per un judoka. Ma non solo. Una volta entrati a far parte di questo mondo i giovani ci hanno preso gusto e sono stati a Prato per allenarsi con Macrì in una vera e propria palestra dove hanno potuto anche confrontarsi con i colleghi di un altro liceo.

Allenamento del fisico ma anche del cervello perché con Macrì, i giovani studenti, hanno dibattuto sull’importanza di conciliare sport e scuola, di fare sacrifici per ottenere un risultato sia sui banchi sia sul campo di gioco.

Un modo senz’altro diverso di fare scuola che ha permesso a questi ragazzi di capire uno sport da combattimento e un metodo di difesa personale formalmente nato in Giappone ma diffuso in tutto il mondo. Il tutto rientra senz’altro nel dare competenze a questi ragazzi ben oltre le materie scolastiche. E’ la scuola che vorremmo, quella che non fa solo verifiche e interrogazione ma insegna la vita.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

SeaSeeker, la maschera realizzata con Snapchat che scatta foto sott’acqua

È la versione subacquea degli occhiali Spectacles del social network del fantasmino. Può essere immersa per 30 minuti e fino a 45 metri di profondità per regalare ai turisti ricordi esclusivi delle loro esperienze in vacanza

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti