Lucia Lorenzini

Lucia Lorenzini

Nov 9, 2017

Con Boundless l’insegnante può avere più tempo libero per sé. Il gruppo

Per molti professori la pressione del lavoro può mettere a rischio lo stato di salute. In Inghilterra è nato Boundless, un gruppo per l'organizzazione del tempo libero

In un mondo sempre più frenetico, in cui tutti andiamo sempre di corsa, paradossalmente il tempo libero a disposizione è sempre di meno. Vale in tutte le professioni, compresa quella dell’insegnante. Tra lezioni a scuola, corsi di aggiornamento, correzioni e recuperi la vita del professore lascia ben poco spazio per hobby, vacanze o escursioni. Per questo è nato Boundless, un gruppo dedicato all’organizzazione e alla valorizzazione del tempo libero degli impiegati del settore pubblico.

boundless
«Ci siamo specializzati nel dare opportunità a chi ha poco tempo libero a disposizione – spiega James Robertson, responsabile marketing di Boundless – organizziamo eventi, proponiamo offerte, tutto con l’obiettivo di aiutare le persone ad ottenere il massimo del relax e del divertimento fuori dagli orari di lavoro».

Il sondaggio

L’equilibrio tra lavoro e tempo libero è sempre più instabile. Secondo un sondaggio dell’associazione nazionale degli insegnanti in Inghilterra, la mancanza di tempo libero è il problema principale del 90% dei lavoratori delle scuole. Quasi tutte le persone intervistate hanno aggiunto di aver visto aumentare il proprio livello di stress e addirittura l’85% ha detto di ritenere che il carico di lavoro affrontato ha ripercussioni negative sul proprio stato di salute.

La mancanza di tempo libero è il problema principale del 90% dei lavoratori delle scuole

Ritagliarsi dello spazio per sé e per la propria famiglia diventa insomma fondamentale. Uno studio del 2013 in Svezia ha dimostrato che avere un hobby è di grande aiuto per la propria salute. Le piccole attività, dal giardinaggio al bricolage, riducono il rischio di infarto o comunque di problemi cardiovascolari. Non solo, perché le attività creative riducono lo stress accumulato e permettono di avere prestazioni migliori quando si torna al lavoro.

Il problema delle ferie obbligate

Insomma, è ormai evidente che un equilibrio tra lavoro e tempo libero è fondamentale per stare bene e in salute. Soprattutto in un ambito molto particolare come quello dell’insegnamento scolastico. Purtroppo, sappiamo benissimo che non è sempre così facile.
Il problema, nel caso dei professori, è spesso quello delle ferie obbligate. Con l’anno scolastico che lascia scoperte solo le vacanze estive e quelle natalizie, trovare il modo di fare qualcosa a buon prezzo è davvero difficile. Un viaggio può arrivare a costare cifre esorbitanti, se non prenotato con largo anticipo. Boundless cerca di risolvere anche questo problema, aggiunge Robertson: «Non è un problema se ci sono solo alcuni periodi dell’anno per andare in vacanza, le nostre offerte rimangono stabili. Abbiamo delle fantastiche opportunità tutto l’anno, da un weekend a Firenze a un viaggio in Sri Lanka».