6 progetti per la scuola da non perdere alla Maker Faire Rome 2015

Dal 16 al 18 ottobre 2015 c’è la Maker Faire Rome presso l’Università Sapienza di Roma. Ecco alcuni progetti in mostra da non perdere

Ormai manca poco. Venerdì 16 ottobre 2015, negli spazi dell’Università Sapienza di Roma si svolgerà la terza edizione della Maker Faire Rome, il più grande evento europeo dedicato all’innovazione dei maker. I maker sono i cosiddetti “artigiani digitali”, coloro che applicano il “do it yourself”, il fai-da-te, alla tecnologia, mischiando processi di fabbricazione tradizionale a sistemi completamente innovativi. Una grandissima parte dei maker è composta da studenti e teenagers: proprio l’apertura della Maker Faire, il 16 ottobre, sarà dedicata alle scuole che possono partecipare gratuitamente all’evento. L’Educational day ha incontrato tantissime richieste di partecipazione, che hanno costretto l’organizzazione a chiudere in anticipo le iscrizioni: oltre 400 scuole e più di 15 mila studenti hanno chiesto di prendere parte alla fiera, che metterà in mostra oltre 600 invenzioni. Ma le innovazioni per la scuola si potranno vedere per tutta la durata della Maker Fair. Dal sito di Make in Italy ne abbiamo selezionate 6 da non perdere.

maker faire rome

1. CubeCode

Imparare a programmare senza computer: è questo l’obiettivo di CubeCode, cubetti colorati creati per insegnare il linguaggio del coding ai bambini. I cubi colorati si devono posizionare su una griglia, divisi in 4 livelli di difficoltà. Si parte dalle operazioni aritmetiche e si arriva ai concetti più complessi della programmazione. CubeCode ha tre output (luce, suono, e schermo), e tramite la connettività bluetooth è possibile scrivere app per mobile e per smart devices in generale.

2. Spaghetti Prop

Problemi a trovare il materiale per le recite scolastiche? Ci pensa Spaghetti Prop, un laboratorio di scenografia, produzione di oggetti di scena e prototipi. Il progetto è open source, pensato per la fabbricazione low cost, usando materiali e tecnologie di produzione presenti in qualsiasi Fab Lab (stampa 3D, fresatura CNC). Spaghetti Prop utilizza il metodo del rotocasting, attraverso la macchina Rotocast-it: un grosso cuscinetto a sfera con 100 biglie in acciaio da 14 millimetri, comandata da una scheda Satshakit (Fabduino) che permette di controllare il movimento con un’app dal desktop. Lavorando con stampi di gomma siliconica vengono prodotti oggetti di resina poliuretanica vuoti all’interno.

3. Intoino

Avvicinare i più giovani al mondo della tecnologia e della progettazione in modo divertente è l’obiettivo di Intoino, che si basa sull’approccio “Learn by doing”. La startup, premiata da più parti (dalla Maker Fair 2014 a Leweb), realizza kit che permettono a studenti e creativi di ogni età di imparare le basi della programmazione ed Arduino, costruendo progetti elettronici interattivi e connessi ad internet. Usare Intoino sui banchi di scuola permette di esplorare la propria parte creativa e magari gettare le basi per una futura professione.

4. KidsPad

Il digitale per piccoli: KidsPad è un dispositivo interattivo per apprendere il funzionamento del mondo tecnologico. Grazie ad una base e dei moduli funzionali, quali la batteria, i dispositivi di input, output e quelli di condivisione, il bambino andrà a comporre l’hardware per la prestazione desiderata. In base a come questi verranno connessi richiameranno delle funzionalità, come ad esempio inviare messaggi vocali. Il dispositivo è pensato per spingere il bambino a ragionare sulle singole funzioni dei componenti, e come queste concorrano alla “performance” di uno strumento tecnologico.

5. Mostra LOfficina

Il mondo dell’elettrostatica e dell’elettricità, un Planetario optomeccanico portatile e un dispositivo di proiezione portatile utilizzabile come strumento didattico durante le attività all’interno della cupola del Planetario. Sono i temi e le invenzioni che l’associazione LOfficina porterà alla Maker Faire 2015. Oltre a realizzare esposizioni di varia natura l’associazione opera anche nel settore della didattica proponendo alle scuole laboratori scientifici.

6. Colorize

Colorize permette capire il funzionamento di Arduino attraverso il gioco. E’ un’istallazione interattiva con vernice conduttiva, sensori capacitivi e led strip RGB: tutti i componenti sono in bella vista e corredati da descrizione. I bambini possono interagire grazie a tre antenne che fungono da sensori di prossimità: muovendo le mani sopra di esse può variare la gradazione delle componenti Rosso, Verde e Blu della lampada realizzata con la strip led RGB.

maker faire

Foto: abafablab.it

Ti potrebbe interessare anche

“Ho costruito una stampante 3D per la libertà dei miei figli”

Lettera di un papà che racconta come una stampante 3D abbia svegliato la creatività e la voglia di fare dei propri figli. E dell’importanza che questo strumento può avere nei contesti scolastici

#Agenda | In tutta Europa c’è la settimana del coding mentre a Roma al via la Maker Fair

Una settimana tra programmazione e makers: in tutta Europa sono previsti eventi sul coding, mentre nella capitale al via la Maker Fair Rome, la fiera europea dell’innovazione

10mila studenti alla Maker Faire per imparare come cambiare il mondo

Ecco i dettagli dell’Education day della Maker Faire dove alcuni grandi (piccoli) innovatori hanno raccontanto come stanno cercando di cambiare il mondo

OBI, il robot che aiuta i malati di SLA a mangiare da soli

OBI è un robot che vuole restituire la capacità di nutrirsi da soli ai malati di Sclerosi Laterale Amiotrofica. Pesa poco più di 3 kg e le parti dove viene posato il cibo possono essere messe in lavastoviglie. La batteria ha un’autonomia di 4 ore.

La frutta brutta ora è sugli scaffali di Walmart (per ridurre gli sprechi alimentari)

Il colosso americano del grocery ha lanciato delle linee di frutta e ortaggi dalle forme non “convenzionali”: per trasmettere il messaggio che una mela bitorzoluta è buona comunque, e non va sprecata