Lo studente maker che ha stampato in 3D il suo stesso sorriso

Un apparecchio per i denti economico, trasparente ed efficace: lo studente Amos Dudley l’ha realizzato usando la stampante 3D della sua università

Molti di noi, da piccoli, hanno dovuto indossare l’apparecchio per i denti. Amos Dudley, studente di 24 anni, ha dovuto fare lo stesso: fin da quando era alle scuole superiori, è dovuto ricorrere ad apparecchi per correggere un sorriso “storto”. Da piccolo, però, si rifiutava di indossare l’apparecchio: lo riteneva brutto e scomodo. “Nel tempo, però, mi sono accorto che avevo smesso di sorridere – ha detto Amos alla CNN – perché non amavo l’aspetto dei miei denti, e non mi sentivo a mio agio a mostrare il sorriso”. Gli apparecchi odontoiatrici solitamente hanno dei costi molto alti, fino a 8 mila dollari. Ma il giovane Amos ha trovato il modo per fabbricare un apparecchio per i denti trasparente che lo facesse tornare a sorridere con soli 60 dollari. Usando la stampa 3D. 

Leggi anche: Elena, la studentessa che ha stampato in 3D un gioco che insegna ai bimbi la lingua dei segni

amos

In realtà ne ha realizzati 12, di apparecchi, per avere un sorriso smagliante. Tutti low-cost: Amos, infatti, ha dovuto pagare solo il costo dei materiali di realizzazione e non per la produzione, fatta con la stampante 3D della sua università. Lui stesso è un maker, che si è costruito da solo la propria stampante 3D. Per realizzare il suo apparecchio, però, ha optato per la stampante più precisa in dotazione al suo istituto, il New Jersey Institute of Technology.

Usando gli strumenti del NJIT, ha fatto una scansione dei suoi denti ed ha stampato in 3D una riproduzione della sua dentiera: così è riuscito a costruire con una plastica non tossica un set di apparecchi per ogni suo dente. Nel farlo, lo studente è stato molto attento a determinare la giusta distanza tra un dente e l’altro, usando metodi simili a quelli degli odontoiatri. La parte più difficile è stata proprio reperire i materiali adatti e capire come si muovono i denti per costruire al meglio il suo apparecchio. Quando finalmente l’ha indossato, però, era entusiasta.

dentiera

La stampa 3D può essere adattata bene al settore medico: molti semplici consumatori, però, che non sono dei maker come il giovane Amos, ancora non sanno bene come trarne beneficio. Ad ogni modo la storia dello studente che ha stampato il suo sorriso in 3D è la dimostrazione di come potrà essere facile, in futuro, realizzare quello di cui abbiamo bisogno anziché acquistarlo. Amos Dudley ha avuto delle richieste da altre persone di realizzare altri apparecchi ma non vuole: “Non mi interessa l’odontoiatria, né farci dei soldi: ho solo agito da hacker e da maker quale sono”.

stampa 3D

Ti potrebbe interessare anche

“Ho costruito una stampante 3D per la libertà dei miei figli”

Lettera di un papà che racconta come una stampante 3D abbia svegliato la creatività e la voglia di fare dei propri figli. E dell’importanza che questo strumento può avere nei contesti scolastici

Cesare Cacitti (16 anni): “Con i 100 mila euro del Veneto aprirò il mio primo Fablab”

Il giovane maker Cesare Cacitti a soli 13 anni ha costruito una stampante 3D. Questo mese ha ottenuto, con la Cooperativa “Il Mosaico” di Dueville, un finanziamento della Regione Veneto di 100 mila euro per aprire un fablab nel suo paese. In questo contributo racconta la sua esperienza

Elena, la studentessa che ha stampato in 3D un gioco che insegna ai bimbi la lingua dei segni

MANIpolare per comunicare è un kit ludico-educativo a basso costo realizzato con tecnologia 3D e Arduino, pensato come sussidio all’apprendimento della LIS

Così Airbnb ha smesso di essere il volto simpatico della sharing economy

Dopo un inizio a sostegno del ceto medio in cerca di redditi integrativi, la piattaforma di hosting online si è trasformata nella quarta società tech al mondo: molti oppositori e diverse controversie legali per un business pronto a quotarsi in borsa

L’app di Google per la tua sicurezza (e quella dei tuoi cari). Contatti Fidati

Contatti Fidati è un’app che permette ad una cerchia ristretta di persone di sapere dove ci troviamo. Ma possiamo chiedere anche di essere virtualmente accompagnati durante percorsi pericolosi. Magari di notte e in zone poco sicure.