Il primo FabLab in una scuola pubblica umbra è a Umbertide

Frutto di una collaborazione tra scuola ed enti locali, sabato 7 maggio verrà inaugurato il primo FabLab in una scuola umbra, dentro il Campus L. Da Vinci

I FabLab nelle scuole sono sempre meno un miraggio e più una realtà. Anche l’Umbria vede nascere il suo primo laboratorio digitale all’interno di un istituto scolastico. Il FABLAB-SCHOOL, che rappresenterà un concreto esempio di rete e ponte tra scuola, Università e mondo del lavoro verrà inaugurato sabato 7 maggio, alle ore 10 presso il Campus “L. da Vinci” di Umbertide.

Leggi anche: Il Miur mette 28 milioni per portare fablab, atelier creativi e kit di robotica nelle scuole

fab

Come nasce il progetto FabLab School (e come ha trovato i fondi)

Il FabLab è frutto di un progetto elaborato e realizzato in collaborazione stretta tra l’Istituto Superiore di Umbertide, il Comune di Umbertide e gli imprenditori locali, un’evoluzione e un’espansione dell’idea Fablab (“laboratori di fabbricazione dove creare quasi tutto”) originariamente pensata da Neil Gershenfeld al MIT di Boston e ha come valore aggiunto il fatto che è all’interno di un’istituzione scolastica che ne assume la gestione, l’implementazione, la promozione e lo sviluppo nel territorio. Le risorse necessarie al progettoprovengono in parte da un Bando del GAL Alta Umbria di cui è stato beneficiario il Comune di Umbertide che ha deciso di investire nel progetto a favore dell’imprenditoria giovanile, dal cofinanziamento di aziende locali, dal sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, dall’Istituto Scolastico stesso e da altri imprenditori che sono intervenuti per l’acquisto o donazioni di prestigiose strumentazioni, arredi e riqualificazione degli spazi. La Provincia di Perugia, pur nella fase complessa della sua ristrutturazione, ha fornito materiali, risorse umane, impiantistica, messa a norma degli ambienti e coordinamento dei lavori indispensabili per la realizzazione del Progetto.

continua a leggere…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

A Orvieto un campus modello Google: tra robot e baby park

Vetrya ha aperto un corporate campus all’avanguardia, dove il lavoro incontra la formazione e dove le mamme possono portare i figli in ufficio grazie all’area dedicata all’infanzia

Dopo 18 anni nel container, i bimbi di Nocera Umbra hanno una nuova scuola: super 
hi-tech

A Nocera Umbra è stata inaugurata la nuova scuola a tanti anni dal terremoto che distrusse quella vecchia: ora i bimbi hanno LIM, laboratorio tech e pavimenti riscaldati

Sognatori, imprenditori, innovatori. A Nana Bianca una pizza con StartupItalia! per costruire #SIOS17

Lo startup studio di Firenze ha ospitato l’incontro pizza e birra tra startupper in vista del prossimo Open Summit. Idee, progetti e storie di nuove imprese, tutte insieme allo stesso tavolo

Aumenta la RAM e aumenta pure il prezzo. Ecco il nuovo One Plus 5

È il più costoso smartphone mai venduto dall’azienda cinese che lo equipaggia di tutto punto per cercare di fare il grande salto. Le caratteristiche sono da primo della classe e le differenze con i competitor si riducono

Se la scelta di mangiare verdure dipende da come è scritto il menu

Meglio «bocconcini di zucchine caramellate» o «zucchine verdi nutrienti»? Uno studio pubblicato sulla rivista Jama Internal Medicine ha dimostrato che mettere in risalto le qualità benefiche di alcuni vegetali non sempre invoglia i clienti dei ristoranti a sceglierli

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito