Maker Faire Rome, call aperta per progetti da scuole e università

Alla Fiera di Roma spazi espositivi dedicati a scuole e università e ai loro progetti di digital manifacturing. Candidature aperte fino al 15 giugno per gli istituti superiori e fino al 9 giugno per gli atenei

La Maker Faire Rome apre le sue porte alle scuole. E lo fa attraverso un bando per i progetti di innovazione migliori nati tra i banchi di scuola. L’iniziativa si chiama “Call For Schools”. Le idee più valide e gli studenti che le hanno elaborate potranno avere uno spazio espositivo per farsi conoscere: un tavolo, delle sedie e tutto il pubblico della Fiera di Roma che tra il 14 e il 16 ottobre si riempirà di visitatori e makers per l’evento dedicato all’innovazione. Al bando possono partecipare tutti gli istituti scolastici di secondo grado, italiani e europei. A ogni scuola basterà inviare la propria proposta online entro il 15 giugno 2016. Non solo: anche le università possono presentare i propri progetti, grazie alla Call for Universities. 

Maker-Faire-Roma-

Il digital manifacturing delle scuole

Gli argomenti sui quali elaborare il progetto di innovazione sono diversi. Dalla stampa 3D alla biologia, dalla sostenibilità alla robotica. Saranno selezionate le 55 idee più convincenti che avranno la possibilità di vedersi assegnato uno spazio in un padiglione della fiera, in un’area interamente dedicata alle scuole. La giuria valuterà soprattutto quei progetti che sapranno mettere in evidenza i processi del digital manufacturing con l’applicazione della nuova intelligenza a prodotti e processi tradizionali. In più dovranno potezialmente essere in grado di generare profitto, essere sostenibili, inclusivi e interattivi. L’anno scorso erano stati protagonisti della Maker Faire un braccio robotico realizzato con una stampante 3D che si muove con la forza del pensiero chiamato The Brain Arm, My Way, un innovativo bastone per non vedenti e Ricordati di me, il seggiolino salva-bimbi collegato all’auto e al cellulare. I 55 posti a disposizione saranno ripartiti tra le scuole secondarie di secondo grado, gli istituti tecnici e le scuole straniere.

Una call anche per le università

Chiamate a raccolta anche le università e gli istituti di ricerca pubblici con la Call for Universities and Research Institutes. Anche loro potranno candidarsi per avere uno spazio espositivo alla Maker Faire. La data ultima per presentare il modulo di iscrizione è il 9 giugno per loro. Dovranno anche fornire una descrizione dei progetti che intendono esporre. E accompagnare il tutto con un prototipo fisico funzionante. Esclusi quindi i progetti teorici o di solo software.

A 06 Intel in areakids MakerFair2014-Shoot4change - Bianca Ferraiolo

Un Commento a “Maker Faire Rome, call aperta per progetti da scuole e università”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Negli Stati Uniti arriva il primo avvocato-robot al mondo. Ed è gratuito

Il robot, che si chiama DoNotPay, in realtà è un’intelligenza artificiale in forma di chatbot e offre consulenza gratuita a chi non può permettersi un legale in carne e ossa. Nei due anni di sperimentazione ha contestato 375mila multe per il parcheggio

McDonald’s firma una linea di abbigliamento e la consegna a casa con UberEats

La famosa catena di fast food ha pensato per il 26 luglio a una campagna per celebrare il Global Delivery Day: in quella data chi ordinerà con UberEats si verà recapitare a casa un articolo con riferimento al marchio del Big Mac

I vincitori della prima edizione: “Siamo cresciuti grazie a Start To Be Circular”

Grazie alla call di Fondazione Bracco la startup Orthoponics ha acquisito le giuste competenze per conquistare il mercato. Scadenza il 3 di novembre. In palio un premio del valore di 10.000 euro e l’ingresso nell’incubatore SpeedMiUp

Botnet, Microsoft combatte Fancy Bear in tribunale

Per fronteggiare l’offensiva cibernetica che si presume giunga dalla Russia, a Redmond hanno scelto un’arma non convenzionale. I cyber-criminali sono colpiti a suon di carte bollate, e la loro botnet smantellata in tribunale