Da 5 studenti dell’Università di Buffalo arriva “Peace”, la scarpa stampata in 3D per la pace

Unisce arte e tecnologia la scarpa “Peace”, stampata in 3D da un gruppo di studenti maker che per il loro progetto hanno vinto 10 mila dollari

All’Università di Buffalo cinque studenti hanno creato delle scarpe stampate in 3D. Il progetto ha fruttato ai cinque ragazzi la vincita del primo premio nel contest 2016 International 3D Printing Competition: una borsa di 10.000 dollari. Il modello, chiamato “Peace”, è un mix di promozione sociale, tecnologia e moda. La scarpa, infatti, è pensata per promuovere la pace nel mondo.

3dshoeteam

Per progettare il modello che verrà poi stampato, i ragazzi hanno utilizzato dei dati relativi ai principali punti di pressione del piede che caratterizzano la pianta del soggetto. In questo modo,  la scarpa offrirà al suo utilizzatore il massimo confort possibile, perché progettata sulle specifiche caratteristiche della persona. Per stampare le scarpe, il team si è avvalso della tecnologia Polyjet Technology della Stratasys, che lavora i foto polimeri grazie a speciali luci UV. La scarpa è stata inoltre progettata perché possa essere utilizzata sia come calzatura sportiva sia come sandalo, grazie a una composizione modulare.

Peace-Shoe-Buffalo-NY-1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Giordania è stato realizzato il primo impianto fotovoltaico in un campo per rifugiati

I pannelli solari installati ad Azraq assicureranno elettricità 24 ore al giorno a circa 20mila persone e consentiranno di migliorare le loro condizioni di vita. L’obiettivo è portare questa innovazione anche in campi più grandi come quello di Zaatari

AXA Innovation Hub, la startup interna ad AXA che trasforma le idee in servizi concreti

20 collaboratori di AXA Italia diventano startupper e si mettono alla prova degli esperti del settore. Patrick Cohen “E’ un nuovo modo di lavorare agile e innovativo per liberare l’energia e la creatività. Senza paura di sbagliare”