Piacere, mi chiamo iCub: ecco il cucciolo di robot che cambierà il mondo

Il 28 Marzo 2015 è prevista la presentazione a 200 bambini di Genova: l’iniziativa è nata per avvicinare i ragazzi alla tecnologia

E’ alto come un ragazzino e pesa circa 25 chilogrammi. Ha la pelle che ricopre gli arti e il torso, fatta da cinque mila sensori. Il suo cervello è costituito da sei potenti computer. Prima gattonava proprio come un bambino ora cammina ma non ha ancora “imparato” a correre. Però sa parlare, osservare e riconoscere gli oggetti ma soprattutto, come dovremmo fare tutti noi, sa imparare dagli errori. Il suo nome è iCub ed è il cucciolo di robot nato nel 2006 nel laboratorio dell’istituto italiano di tecnologia di Genova. Ha venticinque fratellini sparsi in tutto il mondo ma sabato 28 marzo 2015 alle 11,30 a “La Claque” si presenterà a 200 bambini tra i sette e tredici anni che avranno occasione di stringere amicizia con il piccolo androide.

icub

A organizzare questo evento è il padre di iCub, l’istituto di tecnologia che con il Politecnico di Milano e la rivista “Focus Junior” hanno promosso questo incontro per avvicinare i ragazzi al mondo della scienza e della tecnologia. I robot rappresenteranno la manifattura del domani, saranno studiati e realizzati dai nostri ragazzi, entreranno a far parte della nostra vita. E’ facile pensare che tra qualche anno avremo un robot in aula per aiutare la maestra a fare lezione o in casa per aiutarci nelle diverse faccende quotidiane.

Sabato i bambini potranno toccare con mano il futuro, essere profeti. Oggi iCub è l’umanoide più completo sulla faccia della terra. Assomiglia ad un ragazzino: ha mani di metallo, muscoli, due telecamere per occhi, due microfoni per orecchie, uno speaker al posto della bocca. Quando è stato pensato nel 2004 doveva essere molto diverso ma oggi ha capacità sensoriali, motorie e un’elevata capacità di calcolo. Ebbene sì: ha un cervello in silicio che per funzionare ha dei moduli che riconoscono gli oggetti, estraggono informazioni tattili, archiviano esperienze.

Sabato i duecento bambini genovesi potranno conoscere un robot unico al mondo perché è il più completo di tutti ed è destinato a migliorare ancora. Cinquanta persone più altre cinquecento per le ricerche correlate sono pronte a dare altre possibilità a iCub. Un mondo sconosciuto che l’istituto italiano di tecnologia ha deciso di portare “in piazza” per fare in modo che l’Italia sviluppi curiosità, soprattutto tra i più giovani, rispetto all’innovazione robotica.

Nei prossimi anni avremo bisogno di nuovi ricercatori che possano sviluppare nuove applicazioni e altri progetti scientifici: la robotica potrà essere utile in campo medico. Ma non solo. Gli scienziati di Genova sono convinti che a breve avremo robot che serviranno a controllare il nostro stato di salute o potranno assistere gli anziani. Addio alle badanti: a casa con i nonni ci sarà iCub ormai cresciuto e diventato adulto. I bambini che lo vedranno in azione a Genova, tra una decina di anni, saranno probabilmente compagni di vita di questi umanoidi. Il futuro passa dalla Liguria e ha bisogno dei bambini. A loro gli scienziati passeranno simbolicamente il testimone presentando il baby di casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

RomeCup 2015, cronaca di una giornata tra robot e banchi di scuola

Dal 25 al 27 marzo, a Roma, c’è la competizione nazionale di robotica. La Rome Cup 2015 è arrivata alla nona edizione: studenti provenienti da tutta Italia si sono incontrati all’Istituto L. Da Vinci ed hanno portato le loro invenzioni. Come la serra automatizzata e la cuccia hi-tech

Get-online week: una settimana per mandare l’Europa in rete

In 24 paesi europei si organizzano, per una settimana, eventi e lezioni per diffondere le competenze digitali. L’Italia partecipa con la Fondazione Mondo Digitale e con il progetto Pane e Internet

A Orvieto un campus modello Google: tra robot e baby park

Vetrya ha aperto un corporate campus all’avanguardia, dove il lavoro incontra la formazione e dove le mamme possono portare i figli in ufficio grazie all’area dedicata all’infanzia

Nella scuola materna di Montisi i bambini imparano a programmare i robot

Genitori e insegnanti si sono trasformati in parti di un grande robot vivente, ne hanno simulato le varie attività per far comprendere ai bambini il reale funzionamento

Missione VITA, Paolo Nespoli torna nello spazio

L’astronauta italiano sarà per la terza volta in orbita attorno alla Terra, per la seconda volta ospite della Stazione Spaziale Internazionale. Il suo compito a bordo della ISS sarà svolgere esperimenti di fisiologia e biochimica per studiare il comportamento della vita nello spazio

Google, Facebook e marketing digitale: così il turismo in Portogallo fa numeri e dà lavoro

Visibilità nelle ricerche online e offerte personalizzate. Ecco come il Paese lusitano ha fatto delle proprie bellezze un business, con un fatturato 2016 di 11 miliardi (e 40 mila posti di lavoro in oltre 4 mila aziende)

Un robot subacqueo ha ispezionato i reattori di Fukushima

Per analizzare l’entità dei danni del terremoto del 2011 nella centrale nucleare di Fukushima, gli scienziati stanno usando un piccolo robot a forma di pesce che ha restituito le prime immagini del reattore

Questa startup di Wylab trova borse di studio per atleti | Usa College Sport

Selezionare borse di studio per atleti nelle università statunitensi, questa la mission del progetto di Deljan Bregasi: «Abbiamo relazioni con 2000 diverse università e possiamo comunicare con migliaia di allenatori di 14 sport diversi»

Come rapire Martina, 5 anni, usando i dati su Facebook. Il video da 200mila visualizzazioni in 24 ore

Matteo Flora ha dimostrato com’è possibile che un profilo Facebook creato dai genitori a una bambina possa rivelare dati preziosi utilizzabili come un’arma da un rapitore. Il video è diventato virale in poche ore