5 app per studiare le lingue straniere e prepararsi alla seconda prova

Ripassa le lingue straniere della seconda prova con qualche comoda app. Abbiamo scelto per te le migliori 5 su iOs e Android

La maturità è alle porte, e per gli studenti del liceo linguistico (ma non solo) è il momento di dimostrare quanto si è padroni di una delle lingue straniere studiate durante il quinquennio. Uno scampolo delle capacità linguistiche è richiesto in alcuni istituti tecnici anche per la terza prova. Il tempo stringe, e cosa c’è di meglio di una comoda app per ripassare nei tempi morti vocaboli, costruzioni grammaticali e magari qualche phrasal verb? Ecco come tenere il cervello e la lingua allenati in attesa della fatidica seconda prova.

lingue

1. Phrasal verbs machine

Chi ha studiato inglese sa che ad esempio il verbo get può assumere moltissimi significati a seconda di qualche particella sta accanto. Ecco che l’app Phrasal verbs machine (gratis e disponibile per iOs e Android) offre l’opportunità di metterci alla prova con i verbi composti. Ci sono due sezioni: una in cui costruire e studiare il significato dei phrasal verbs e un’altra in cui esercitarsi ad associare la giusta costruzione alla situazione suggerita. Oltre a una grafica accattivante, l’app è gratis e molto divertente. Vi può aiutare solo con l’inglese.

phrasal1

2. Babbel

Per chi ha bisogno di studiare francese, spagnolo o tedesco, meglio puntare su Babbel. Si tratta di una delle app migliori per l’apprendimento delle lingue straniere. Con 14 idiomi disponibili, l’app è scaricabile in 190 paesi e ha raccolto oltre 20 milioni di utenti. L’app è gratuita, ma per attivare i corsi è necessario acquistarli con una formula di abbonamento mensile (a partire da 9,95 euro) fino ai 59,40 euro in un anno. Ci si può mettere alla prova con esercizi di pronuncia e completamento di frasi, dialoghi e verifiche grammaticali. Ad oggi è una delle app più complete. Disponibile per iOs e Android.

babb

3. Busuu

Inglese, spagnolo, francese e altre 8 lingue non avranno più segreti per voi se sceglierete di studiarle su Busuu. Quest’app gratuita permette di imparare una nuova lingua studiando anche solo pochi minuti al giorno: l’ideale per ripassare durante lo studio matto e disperato della maturità. Vocabolario, grammatica, dialoghi audio e questionari interattivi caratterizzano questa app. Inoltre è possibile inviare gli esercizi completati a una comunità di parlanti nativi che permettono di perfezionare le
proprie conoscenze. Disponibile per iOs e Android.

busu

4. ABA English

Questa app che ha sedotto gli investitori, raccogliendo 10,5 milioni di euro, e che piace a oltre 10 milioni di utenti, ha introdotto nel mondo delle app il metodo di apprendimento contestuale dell’inglese, trasportando nell’ambiente digitale i principi dell’apprendimento naturale e intuitivo della lingua madre. Il metodo ABA English si basa su cortometraggi sviluppati per l’insegnamento dell’inglese: quindi sarà come vedere tanti piccoli film che vi permetteranno di assimilare senza sforzo le costruzioni e i vocabili della lingua della terra di Albione. Disponibile per iOs e Android.

aba

5. Dizionario inglese italiano

Scaricate l’applicazione di movin’App: oltre ad essere gratis, è consultabile offline. È possibile inoltre salvare le proprie traduzioni preferite e copiare negli appunti di sistema ciò che ci serve in altre applicazioni. Ovviamente durante la seconda prova i cellulari sono vietati, ma nulla vi impedisce di esercitarvi prima. Disponibile per iOs e Android.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L’incredibile storia di Mashape e Augusto Marietti (che ha fatto bene a lasciare l’Italia quando gli dicevano “sei troppo giovane”)

A 18 anni aveva inventato Dropbox prima di Dropbox, ma nessuno lo finanziò. Poi, quando con 2 amici ha lanciato Mashape, un marketplace dove gli sviluppatori vendono “pezzi” di software, ha scelto di lasciare l’Italia, destinazione San Francisco. L’idea piace, e ci credono anche il papà di Uber e quello di Amazon e oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari. No, non è un film: è la storia di Augusto Marietti

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup