Adesso l’omino Lego corre anche in carrozzina

Un personaggio Lego su sedia a rotelle è apparso per la prima volta al mondo durante una fiera di giocattoli internazionale. L’azienda danese ha così ceduto alle pressioni dei genitori di bambini disabili attraverso la campagna #ToyLikeMe

“Ciao Lego! Per favore, fai che questo sia l’ultimo Natale in cui i bambini disabili restano culturalmente esclusi dai tuoi amati giocattoli”. Questo è l’incipit di una lunga letterina di Natale apparsa lo scorso dicembre sul sito Change.org, nella quale si chiedeva alla Lego – l’azienda danese produttrice dei famosi mattoncini di plastica – di ispirarsi di più alla realtà nella costruzione dei suoi giochi, invece che continuare a rappresentare un mondo ideale.

Leggi anche: Il lavoro dei sogni esiste davvero. Lego assume “costruttori” per i suoi luna park

Lego_sedia_a_rotelle-1

Una realtà fatta, purtroppo, da disabilità e malattie che colpiscono anche i più piccoli. Per questo mesi fa un gruppo di genitori di bambini disabili ha lanciato una petizione su internet per chiedere alle aziende produttrici di giocattoli di creare bambole, barbie e, appunto, Lego più vicini alla realtà, in modo da non far sentire esclusi tutti quei bambini che convivono con la disabilità. #ToyLikeMe (giocattoli come me) è l’hashtag col quale è stata lanciata la petizione, firmata fino a questo momento da 20.235 persone che oggi si sono prese la loro prima grande soddisfazione.

Alle Nuremberg and London toy fairs – fiere del giocattolo internazionali – è stato infatti esposto il primo personaggio Lego in sedia a rotelle. Si tratta di un sorridente ragazzo che indossa felpa e berretto e si muove autonomamente in un parco, circondato da un cane, un ciclista, un gelataio, una mamma col proprio bambino.

In realtà già ad agosto 2015 Lego aveva presentato il suo primo “omino” sulla sedia a rotelle ma questo, contrariamente alle aspettative dell’azienda, era risultato offensivo agli occhi dei genitori di bambini disabili. Il Lego in questione, infatti, era un uomo anziano spinto da una giovane ragazza. Questo – hanno detto i sostenitori della campagna #ToyLikeMe – non era ancora rappresentativo della realtà perché lasciava intendere che la malattia e la disabilità appartengono solo al mondo degli adulti.

Lego_sedia_a_rotelle_parco-1

#toylikeme

Ti potrebbe interessare anche

Il lavoro dei sogni esiste davvero. Lego assume “costruttori” per i suoi luna park

Il “Lego model builder” costruisce sculture con i mattoncini Lego da inviare ai parchi divertimento a tema nel mondo. In Florida se ne cercano 20 (ma le selezioni sono dure)

La protesi fatta con i Lego che aiuta i bambini disabili (giocando)

Arriva dalla Svezia IKO, un sistema di protesi modulabili e personalizzabili con i Lego direttamente dal bambino che le indossa. E’ stato realizzato nell’Istituto di design di Umeå

Spiegare la matematica con i Lego: il metodo di Alycia Zimmermann

A New York c’è un’insegnante che ha trovato un modo divertente per far amare la matematica ai bambini: usando i famosi mattoncini danesi

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Petit Pli, gli abiti progettati per crescere insieme ai bambini

Petit Pli è una tuta sportiva neutra e impermeabile il cui tessuto si allunga e si adatta perfettamente a bambini dai 6 mesi ai 3 anni. In questo modo i genitori non saranno costretti a comprare di continuo vestiti per i loro figli in crescita

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti