Mattel lancia la stampante 3D per bambini

Si chiama “ThingMaker” la nuova stampante 3D per i piccoli di Mattel: collegata a una semplice app permette di realizzare giocattoli e singole parti. In futuro si potranno stampare anche intere Barbie

Lo scorso weekend, durante la New York Toy Fair, Mattel ha presentato la sua nuova ed economica (costa solo 300 dollari) stampante 3D “ThingMaker” che permetterà ai bambini di stampare i propri giochi a casa, seguendo la loro creatività e fantasia. Il gioco funziona con un’app per la stampa 3D sviluppata in collaborazione con Autodesk che ha un’interfaccia molto semplice, e che permette di progettare oggetti che possono poi prendere vita in tre dimensioni grazie alla “ThingMaker”.

Leggi anche: La nuova Barbie curvy mostra alle bimbe un altro tipo di bellezza

akrales_160213_0934_0411_A.0.0.0

L’applicazione, disponibile per iOS e Android è la chiave che Mattel ha usato per rendere la stampante accessibile a un pubblico molto vasto, come quello dei bambini (anche quelli più piccoli). L’app ThingMaker Design, infatti, permette di progettare un’ampia gamma di giochi e personaggi, anche da Scratch, con vari colori e texture. I progetti possono poi essere salvati come immagini o caricate su Drive.

Con la stampante 3D di Mattel, comunque, i bambini potranno realizzare giochi completi oppure singole parti e assemblarle per creazioni più grandi come bambole, robot, dinosauri, collanine o braccialetti. A questo proposito, infatti, la Mattel ha annunciato che potrà realizzare, in futuro, dei progetti speciali per stampa 3D, con i suoi stessi brand: le bambine si potranno stampare le Barbie in casa? Sembrerebbe proprio di sì, e lo stesso varrebbe per altri marchi come Hot Wheels.

Quando la stampa comincia, le porte della stampante si chiudono per sicurezza, ma i bambini possono comunque assistere al processo attraverso la finestrella trasparente. Mattel ha dichiarato che la ThingMaker è un gioco “pensato per i bambini dai 13 anni in su”, ma la semplicità con cui è stata pensata l’app indica che la stampante si presta anche ad un uso da parte di bambini più piccoli. “ThingMaker allarga i confini dell’immaginazione nel gioco, dando alle famiglie innumerevoli modi per personalizzare i giocattoli e lasciare che la loro immaginazione corra senza limiti” ha detto Aslan Appleman, senior director Mattel. La stampante sarà in vendita solo dal prossimo autunno, ma sono già scattati i pre-ordini su Amazon.

thingmaker

1

  • micheledipaola

    sul sito non vedo traccia delle possibili connessioni con Scratch a cui si fa riferimento nell’articolo… potreste indicare la fonte? oppure era “progettare giochi e personaggi from scratch” con la minuscola? 🙂 Grazie.

Ti potrebbe interessare anche

Adesso l’omino Lego corre anche in carrozzina

Un personaggio Lego su sedia a rotelle è apparso per la prima volta al mondo durante una fiera di giocattoli internazionale. L’azienda danese ha così ceduto alle pressioni dei genitori di bambini disabili attraverso la campagna #ToyLikeMe

La nuova Barbie cicciottella mostra alle bimbe un altro tipo di bellezza: servirà?

Il 28 gennaio Mattel ha lanciato per la prima volta nella storia una Barbie “curvy”. Nella nuova linea di Barbie Fashionistas 2016, infatti, l’iconica bambola è disponibile in 4 diverse corporature, 6 tonalità di pelle e 19 colori degli occhi

Ecco la bambola col “cervello”: Hello Barbie parla, pensa e ti risponde

Questa è l’era dei giocattoli intelligenti (e pensanti). A dicembre Mattel lancerà la prima bambola capace di dialogare per davvero con i bambini, senza ripetere le solite 4 frasi registrate, ma rispondendo con precisione alle loro domande. Questo succede quando l’intelligenza artificiale e il riconoscimento vocale incontrano il mondo dei giocattoli

Cosa vuol dire fare una «startup» per il digitale a Palazzo Chigi

Il nuovo Commissario del governo per il digitale e l’innovazione Diego Piacentini ha aperto le candidature per il nuovo team, dicendo di voler creare una sorta di «startup» all’interno della Pubblica Amministrazione

Copenaghen, la prima città al mondo a emissioni zero

La capitale danese punta entro il 2025 a far spostare il 50 per cento dei suoi abitanti in bicicletta e a produrre energia pulita attraverso le biomasse. Tutto in un contesto urbano moderno e iperconnesso

Un modello virtuoso di Open Innovation: l’accordo Lanieri lanifici biellesi, spiegato

Il ceo del lanificio biellese spiega la scelta della sua società di investire in una startup: «È una mossa strategica per presidiare un mercato nuovo e portare in azienda stimoli e idee che altrimenti non avremmo potuto conoscere»