Redazione

Feb 19, 2016, 5:11pm

Redazione

Feb 19, 2016, 5:11pm

La serra di Palazzo Barberini a Roma diventa un laboratorio per avvicinare i piccoli all’arte

Una collaborazione tra la Galleria Nazionale di Arte Antica e AXA Italia ha permesso il riallestimento della serra di Palazzo Barberini: diventerà un luogo dedicato a bambini e scuole

Trasformare la serra ottocentesca di uno dei palazzi più importanti di Roma in un luogo dove bambini e ragazzi possano sporcarsi le mani e scoprire l’arte non dev’esser stata impresa semplice. Eppure, una collaborazione tra la Galleria Nazionale d’arte antica e AXA Italia ha reso possibile il riallestimento della serra posta nel grande giardino di Palazzo Barberini, fatto costruire da Urbano VIII nel 1625. Parte dell’edificio sarà utilizzata proprio come laboratorio espositivo e didattico per i giovani visitatori (e per i loro genitori) della Galleria. L’obiettivo è offrire uno spazio che riesca a trasformare la visita al museo in un’esperienza che i ragazzi vivano e ricordino, grazie all’aspetto pratico offerto dal gioco e dalle attività del laboratorio.

951384816002

La serra era in disuso: per questo la Galleria Nazionale ha deciso di valorizzare questo spazio e dedicarlo ai bambini. Al di là delle vetrate trasparenti verranno accolti i visitatori e i gruppi provenienti dalle scuole, in particolare le classi della scuola d’infanzia e delle scuole elementari e medie. I piccoli studenti potranno prima fare un giro nella Galleria con una visita tematica alla collezione o alle mostre temporanee in corso, e poi recarsi nella serra per i laboratori didattici. Qui saranno coinvolti in attività manuali e creative, in cui potranno rielaborare i temi emersi durante la visita, applicare le tecniche artistiche dei pittori che hanno conosciuto nella Galleria e realizzare piccole opere. D’estate, perché no, le attività si potranno svolgere anche all’aperto, nel grande giardino davanti alla serra.
Non è la prima volta che AXA Italia e la Galleria Barberini si trovano insieme in progetti di interesse artistico: la loro collaborazione, avviata nel 2008, ha visto nel tempo il restauro di diverse opere, nonché nel sostegno all’intervento conservativo dell’Appartamento del Settecento della Galleria, e al rifacimento dei divani del Salone nobile di Pietro da Cortona.