“Ma Basta!”, il movimento anti-bullismo creato a Lecce da 14 studenti

Dall’istituto tecnico “Galilei Costa” di Lecce si alza la voce di 14 studenti per dire no a bullismo e cyberbullismo. Per diffondere il loro movimento stanno usando la rete: un sito e una pagina social

Stavolta a dire stop al bullismo non sono i “grandi”, non è lo psicologo di turno, ma sono nove ragazzi e cinque ragazze dell’istituto tecnico economico “Galilei Costa” di Lecce. Si chiamano Giorgio, Martina, Mattia, Mirko, Jacopo, Patrick, Niki, Simone, Francesca, Michela, Edoardo e Alice. Il caso della ragazzina di Pordenone che ha tentato il suicidio dopo le continue vessazioni dei compagni è stato la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Di fronte a quella loro coetanea che non aveva più voglia di vivere, hanno deciso di metterci la faccia, di fare sul serio, di far qualcosa. E lo hanno fatto con i loro strumenti: Facebook e Internet. Dal basso, dalla Rete hanno creato “MaBasta!”, Movimento Anti Bullismo Animato da Studenti Adolescenti. 

Leggi anche: “Aspetta, non scriverlo!”. Ecco Rethink, l’app contro il cyberbullismo

12715268_450078485193610_7368140527420155443_n

Ora ad intercettare le vittime, a dare loro una mano, a sensibilizzare anche chi apparentemente “non c’entra”, ci pensano i ragazzi. Giovani che conoscono bene il problema. sono loro a viverlo da vicino ogni giorno: secondo l’Istat il 63,3% dei ragazzi e adolescenti è stato testimone di comportamenti vessatori di alcuni ragazzi verso altri e il 26,7% dichiara di avervi assistito una o più volte al mese. Al di là dei numeri, i ragazzi di Lecce, conoscono il fenomeno e lo hanno dimostrato con questa iniziativa. Il loro scopo è di associarsi per formare una grande voce contro la prepotenza e il sopruso. Stanno realizzando un sito, una campagna di sensibilizzazione attraverso dei video-spot e intanto hanno conquistato la Rete e i media nazionali con uno dei social network più frequentati da quelli della loro età: Facebook.

Hanno aperto la pagina del movimento e ora puntano a coinvolgere i ragazzi di tutt’Italia: dalla scuola primaria alle superiori. Sulla pagina del social network hanno già trovato alleati in tutt’Italia: a Amantea hanno avuto il sostegno dai ragazzi della classe quarta C; da Brescia hanno condiviso la campagna dell’ufficio scolastico provinciale e della Prefettura. Ogni giorno pubblicano notizie, ricerche sulla tematica.

Una risposta concreta ad un fenomeno che negli ultimi anni è diventato preoccupante: nel 2014, poco più del 50% degli 11-17enni ha subito qualche episodio offensivo, non rispettoso e/o violento da parte di altri ragazzi o ragazze nei 12 mesi precedenti. Il 9,8% è vittima assidua di una delle “tipiche” azioni di bullismo: subisce più volte al mese. Per il 9,1% gli atti di prepotenza si ripetono persino con cadenza settimanale. Le prepotenze più comuni consistono in offese con brutti soprannomi, parolacce o insulti (12,1%), derisione per l’aspetto fisico e per il modo di parlare (6,3%), diffamazione (5,1%), esclusione per le proprie opinioni (4,7%) ma anche aggressioni con spintoni, botte, calci e pugni (3,8%). I dati ufficiali del ministero parlano di 18 tentati suicidi all’anno ma le associazioni che seguono gli adolescenti parlano di migliaia di casi che non emergono.

  • Fernando Dell’Agli

    Meraviglioso! Bravissimi i ragazzi di Lecce, una reazione “dall’interno” ad un fenomeno realmente preoccupante. Fernando Dell’Agli

  • Rita

    Complimenti ragazzi…continuate a coinvolgere i ragazzi di tutte le scuole…un fenomeno dilagante sempre più devastante…Bravissimi..:)

  • Deborah

    Buon giorno, ieri a striscia ho visto il servizio che vi riguardava, sono felice che un gruppo di ragazzi suxgiu’ coetanei di mio figlio abbia creato un movimento super validissimo. Mio figlio avendo un disturbo della sfera autistica talvolta e’ preso di mira dai suoi ”amichetti” e questo lo fa star male e non vi dico quanto fa star male me.. ho paura che un giorno possa non farcela piu’.. io piu che parlare con le insegnanti ecc non posso fare.. purtroppo questa lotta alla sensibilizzazione deve partire dai genitori ma come sappiamo oggi gran parte dei genitori reagiscono contro insegnanti e altriggenitori qualvolta un figlio avesse ”torto marcio” io vi vorrei sostenere come posso fare?? Continuate ragazzi non mollate mai

  • Agostino

    ciao

  • Agostino

    siete dei grandi!!

Ti potrebbe interessare anche

#RingraziaUnDocente| La settimana dedicata ai super-prof in uno storify

I ragazzi di MasterProf hanno promosso la “settimana dell’insegnante” dall’11 al 16 maggio per ringraziare sui social i professori migliori d’Italia: usando lo stesso hashtag di Obama

Al “Galilei-Costa” di Lecce gli studenti hanno creato 21 startup: eccole

In occasione della settimana dedicata alla scuola digitale, il liceo salentino ha presentato tutte le idee di micro-imprese nate tra i suoi banchi: da tenere d’occhio

Gli studenti di Lecce invitano Checco Zalone a scuola: «Oggi il “posto fisso” lo creiamo da soli»

Gli studenti dell’Istituto “Galilei-Costa” di Lecce hanno diretto un invito a Checco Zalone affinché li vada a trovare nella loro scuola, dove sono nate 21 micro-imprese innovative

Storie di ex calciatori che oggi fanno startup. Bonetti, Ponzo e gli altri

Ivano Bonetti, ex centrocampista bianconero, smessi i panni di calciatore (e poi di manager) ha lanciato Mobisafe, startup che si occupa di tecnologia applicata alla salute. Ma non è il solo.

I tassi di interesse negativi delle banche, spiegati

Che senso ha mettere soldi in banca con la certezza che varranno di meno? Figuriamoci se è la Bce a chiedere alle banche di farlo. Coi loro soldi. Eppure un senso ce l’hanno, questi tassi d’interesse a margine negativo. Vi spieghiamo perché

Toronto, la città multiculturale che consuma poco e innova tanto

Sistemi per il controllo dei consumi nelle case, produzione di energia dal gas ricavato dai rifiuti, stampa in 3D alla portata di tutti: la capitale economica del Canada entra così a pieno titolo tra le smart city più importanti del mondo

Gioia e cibo a cielo e (cuore) aperto. Vi racconto il mio Salone del Gusto

È la prima edizione che si svolge a cielo aperto e senza biglietto d’ingresso. In tutta Torino. Con sapori, sorrisi ed eccellenze enogastronomiche da tutto il mondo. Ma soprattutto è la possibilità di scacciare via la paura e capire quanto è bello, insieme, voler bene alla Terra.