Oltre metà dei ragazzi sceglie ancora il liceo, all’istituto tecnico ci va 1 su 3

Iscrizioni per il nuovo anno scolastico, il 53,1% dei ragazzi si è iscritto ad un Liceo, mentre 1 su 3 opta per un Istituto tecnico. Ecco tutti i numeri delle domande ricevute dal Miur per l’anno scolastico 2016-2017

I licei fanno ancora breccia nel cuore degli studenti, e forse il greco e il latino non sono poi lingue così morte se ancora tanti studenti ne riconoscono l’utilità e scelgono di iscriversi a questi indirizzi scolastici. Dai dati sulle iscrizioni al nuovo anno scolastico 2016-2017 emerge che il 53,1% degli studenti che da settembre affronteranno la scuola superiore ha scelto un indirizzo liceale. Uno su tre, il 30,4%, ha optato per l’istruzione tecnica, mentre a scegliere un istituto professionale è stato il 16,5% degli studenti.

augusto

Sempre più “liceali”

Licei confermano un trend in crescita, come lo scorso anno. A scegliere i licei è il 53,1% degli alunni rispetto al 51,9% del 2015-2016. Stabili gli iscritti al Classico: sono il 6,1% a fronte del 6% dell’anno scorso.

Lo Scientifico (fra indirizzo “tradizionale”, opzione Scienze Applicate e sezione Sportiva) resta in testa alle preferenze: è scelto dal 24,5%, per un totale di oltre 110 mila ragazzi (erano il 23,7% lo scorso anno).

Scendendo nel dettaglio, l’indirizzo che ha registrato la crescita più grande è quello in Scienze Applicate con il 7,6% delle preferenze a fronte del 6,9% del 2015-2016. Invariato l’indirizzo scientifico “tradizionale” (15,5% delle scelte, erano il 15,4% nel 2015/2016), così come l’indirizzo scientifico, sezione Sportiva, scelto dall’1,4% dei ragazzi. Il Liceo linguistico si conferma stabile nelle preferenze (lo ha scelto il 9,2% contro il precedente 9,4%), come anche il Liceo artistico (4,1% per il 2016-2017, 4% nel 2015-2016), il Liceo europeo/internazionale (0,7% ora e 0,6% un anno fa) e quello delle Scienze umane (7,6% rispetto al 7,4% delle precedenti iscrizioni). Licei musicali e coreutici a quota 0,9% delle scelte contro lo 0,8% del 2015-2016: l’indirizzo Musicale passa dallo 0,7% di preferenze nel 2015-2016 allo 0,8% di quest’anno, resta invariato quello Coreutico (0,1%).

Uno su 3 va all’istituto tecnico

Stabili nelle preferenze gli indirizzi Tecnici con il 30,4% delle iscrizioni al primo anno raccolte per l’anno prossimo. Sebbene il settore Economico continui a registrare un decremento (dall’11,9% dello scorso anno all’11,4% di quest’anno), quello Tecnologico, con i suoi indirizzi, attrae maggiormente i ragazzi (dal 18,6% delle preferenze di un anno fa al 19%). In flessione gli Istituti professionali con il 16,5% delle preferenze contro il 17,6% dello scorso anno. In particolare il settore dei Servizi ottiene il 10,5% delle iscrizioni rispetto al 10,9% di un anno fa. Ha scelto un percorso di Istruzione e Formazione Professionale (Ie FP), presso gli Istituti professionali, il 3,9% dei neo iscritti.

I dati per Regione

Il Lazio è la regione ad avere la maggiore percentuale di iscritti agli indirizzi Liceali con il 64,9% (contro il 63,3% dell’anno scorso). Seguono Umbria (58,4%), Liguria (57,8%) e Abruzzo (57,7%). Il Veneto chiude con il 44,9%, ma apre la classifica regionale delle preferenze per i Tecnici (con il 37,5%), davanti a Friuli Venezia Giulia (36,4%) e Lombardia (35,4%). Per i Professionali: in Basilicata le maggiori scelte con 1 ragazzo su 5 iscritto (20,1%) a questi percorsi, subito dopo Campania (19,1%) e Puglia (18,4%). Oltre il 90% degli utenti si è detto soddisfatto di come si è svolta la procedura di iscrizione online, il 64,3% ne valuta “molto” efficiente il funzionamento, il 26,4% “abbastanza”. Il 70,1% degli utenti considera “molto” vantaggiose in termini di risparmio di tempo le iscrizioni online e il 22,3% “abbastanza”. Quasi il 90% ritiene il servizio di semplice utilizzo e lo valuta molto o abbastanza vantaggioso, in termini di risparmio di tempo. Quasi 7 famiglie su 10 (il 68,4%) ha effettuato l’iscrizione online per conto proprio, senza il supporto delle scuole.

Bill Gates che fa lo spot del Macintosh. Nel 1984

Gira negli sgabuzzini della rete un video promozionale di 32 anni fa, dove il papà della Microsoft tesse le lodi del pc che cambierà la storia di Apple e dell’informatica: il Macintosh

Il ragazzo che ha vissuto (per più di un anno) con il cuore nello zaino

Stan Larkin, 25 anni, soffriva di una malattia genetica rara, la cardiomiopatia familiare, trasmessa dai parenti di primo grado. Ha battuto il “record” sopravvivendo con il suo cuore artificiale per 17 mesi, portato dentro uno zaino. Poi il trapianto di successo.

Tornano i Trojan di stato: ma quanto sono sicuri?

Una proposta di legge non ancora presentata fa discutere sulla legittimità dei Trojan di stato per perseguire i criminali. Non si tratta solo di tutelare i diritti costituzionali, ma anche quelli delle aziende