Al liceo Parini di Milano gli studenti entrano a scuola col badge

Da questa settimana gli studenti del liceo Parini di Milano dovranno strisciare il proprio badge personale per entrare a scuola: la loro presenza verrà registrata automaticamente nel registro elettronico

“Benvenuto a scuola!” dice il monitor. La scuola dove studiarono Alessandro Manzoni e lo stesso Giuseppe Parini diventa hi-tech. Da questa settimana, infatti, gli studenti del liceo classico Parini di Milano quando entrano a scuola strisciano il proprio badge sui totem che la società Infoschool  la piazzata all’entrata. Segnando così, automaticamente, la loro presenza in aula. L’appello, in classe, non serve più: una volta passato il badge personale le informazioni vengono trasmesse dalle colonnine dell’atrio al registro elettronico in cattedra.

badge

Come funziona il badge

Sul monitor all’entrata appare la scelta “entrata” o “uscita”, e i ritardatari non potranno più appellarsi al buon cuore del personale scolastico che tiene il cancello aperto un minuto in più. Col badge tutto è monitorato, e la tolleranza per chi fa tardi è di 5 minuti. Chi sfora dovrà presentare la giustificazione per il ritardo. Anche se il badge snellisce il tempo dell’appello, i prof dovranno comunque fare attenzione che ai nomi sul registro corrispondano, poi, i banchi pieni, per evitare che il sistema del badge dia spazio ai “furbetti” che potrebbero farsi strisciare la tessera dai compagni per poi non presentarsi in classe.

Chi è l’azienda che distribuisce il servizio

Il Parini è il primo liceo milanese a dotarsi del badge scolastico. Ma è la prima scuola a farlo. Infoschool, la divisione del Gruppo Spiaggiari Parma che si occupa di prodotti per la digitalizzazione delle scuole,  ha già distribuito badge in altre scuole e vari tipi di prodotti hi-tech. I badge erano arrivati al Liceo Scientifico Morin di Mestre già nel 2012, mentre all’Istituto Majorana di Brindisi la società ha fornito gli e-desk e altri dispositivi per la didattica digitale.

badge1

Ti potrebbe interessare anche

Anno 1986: «E’ il momento del registro elettronico ». Oggi ancora 1 scuola su 2 non lo usa

Giovanni Degli Antoni, accademico e informatico, era stato profetico ma ancora oggi molte scuole non hanno il registro elettronico e neanche la rete

Banco interattivo, wireless e stampanti 3D: all’IC9 di Bologna la classe 3.0

L’Istituto Comprensivo 9 di Bologna ha innovato la didattica e inserito videoproiettori, aule digitali e wi-fi in tutte le classi. «Per prima cosa, però, abbiamo pensato a formare i docenti»

Da Minecraft al coding: all’Edu Day la scuola 3.0 secondo Microsoft

Microsoft e il Miur hanno organizzato l’Edu Day, una giornata di formazione sulla scuola digitale dedicata a ragazzi e insegnanti, per parlare delle ultime frontiere di didattica innovativa

Baroni all’università: “Questo è mio, questo è tuo, questo è coso”

L’indagine di Firenze dimostra che i feudi sono ancora troppi ma anche che l’Abilitazione scientifica nazionale funziona: costringe i baroni a esporsi più che in passato, mettendoli all’angolo

L’app che trova e ti mette in contatto con l’avvocato giusto | JustAvv

Il ceo Mariano Spalletti entra nel dettaglio della piattaforma online che dà la possibilità agli utenti di trovare l’avvocato adatto per risolvere ogni tipo di problema legale