Facebook ora racconta le foto ai non vedenti: così il social a scuola diventa inclusivo

Svolta nel social network più grande del mondo: ora anche i non vedenti possono conoscere il contenuto delle tante foto che vengono condivise ogni giorno grazie a una voce che descriverà loro il contenuto. Un’innovazione che può avere risvolti interessanti anche per l’attività didattica

Potrebbe cambiare la vita a molti studenti non vedenti: Facebook sarà accessibile anche a loro. Il “padre” di questa “invenzione” è Matt King, l’ingegnere di Facebook che a causa di una retinite pigmentosa ha perso la vista. Dall’esperienza personale è nata un’operazione che ha lo scopo di abbattere le barriere del social network più usato al mondo. Ogni giorno un miliardo di persone condivide immagini su Facebook: è la modalità più usata sulla piattaforma ed è anche quella che consente maggiore interazione. Numeri che hanno fatto riflettere King e lo staff di Mark Zuckerberg che si sono chiesti come rendere accessibile a tutti questa opportunità.

facebook

Una intelligenza artificiale racconta le foto

La sfida è diventata realtà grazie all’intelligenza artificiale, in grado di decodificare e descrivere le immagini caricate sul sito. La tecnologia in-house usata dal team di King ha sfruttato un software per il riconoscimento degli oggetti, permettendo quindi la descrizione dell’immagine e il riconoscimento di cibo e veicoli. Si tratta di un complesso procedimento che confronta delle foto e una volta accertata la corrispondenza procede ad una breve descrizione vocale. Stiamo parlando di concetti essenziali, di didascalie non sempre dettagliate ma pur sempre utili a chi non ha la vista. Nei giorni scorsi il servizio è stato attivato, in inglese, su IOS, sul sistema operativo di Apple per Iphone, iPod touch e iPad ma nel giro di poco tempo contano di renderlo disponibile anche per Android.

Abbattere le barriere

Lo staff sta lavorando da tempo a questo nuovo “prodotto” di Facebook: in futuro il meccanismo potrebbe essere in grado anche di rispondere ad eventuali domande che porrà l’utente. Un ulteriore passo potrebbe essere quello del riconoscimento facciale della persona ma questa novità sta incontrando diverse resistenze per questioni legate alla privacy. Non è la prima volta che i social network lavorano per l’inclusione degli utenti che hanno una disabilità: in passato anche Twitter aveva permesso di aggiungere una descrizione alle fotografie ma si trattava di un procedimento diverso.

Insegnare l’inclusione anche con i social

E’ un radicale cambiamento: i social network, dopo aver raggiunto larga parte della popolazione, ora puntano ad essere inclusivi, a creare delle opportunità per tutti. Si tratta dell’abbattimento delle barriere digitali che ancora esistono e che non permettono una fruizione per tutti della Rete.

Questa novità può essere molto utile a scuola, dove si potrebbero usare questi strumenti per l’attività didattica con i bambini non vedenti.

I supporti digitali non possono che essere visti di buon occhio da chi ogni giorno sta in classe: anche i social network, in quest’ottica, una volta diventati accessibili a tutti, possono costituire uno strumento di lavoro. Questa innovazione, dunque, potrebbe dare una nuova “veste” all’utilizzo del social durante le lezioni, e i ragazzi ne sarebbero sicuramente coinvolti. Inoltre, è un ottimo esempio di come la tecnologia possa diventare strumento di inclusione.

Un Commento a “Facebook ora racconta le foto ai non vedenti: così il social a scuola diventa inclusivo”

  1. Simone Melis

    Complimenti bell’articolo. Interessante startup. Comunque c’è un refuso, hai scritto “traumi al livello celebrale”. Te lo dico prima che i soliti perditempo ti insultino.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

300 frasi in 28 lingue per aiutare i rifugiati: in Germania nasce Phrasebook

E’ un frasario online che facilita la comunicazione tra rifugiati e volontari. Pensato per essere stampato e diffuso, è stato creato in modalità crowdsourced da un gruppo di volontari tedeschi

Facebook regala agli insegnanti un nuovo software per l’e-learning

«Vogliamo avere un forte impatto sull’istruzione con quello che sappiamo fare meglio: software». Così il social di Palo Alto rinnova il suo impegno nei confronti della scuola e lavora insieme al Summit Public Schools

Ahmed, maker di 14 anni, arrestato per un orologio fai-da-te. Ma Obama e Zuckerberg lo difendono

Si è costruito, da solo, un orologio e l’ha portato a scuola. La polizia di Dallas lo scambia per una bomba e arresta il ragazzo mentre si trovava in classe. La storia di Ahmed ha fatto il giro del web in poche ore e il piccolo maker ha ricevuto messaggi di solidarietà anche dalla Casa Bianca e da Mr. Facebook

Sognatori, imprenditori, innovatori. A Nana Bianca una pizza con StartupItalia! per costruire #SIOS17

Lo startup studio di Firenze ha ospitato l’incontro pizza e birra tra startupper in vista del prossimo Open Summit. Idee, progetti e storie di nuove imprese, tutte insieme allo stesso tavolo

Aumenta la RAM e aumenta pure il prezzo. Ecco il nuovo One Plus 5

È il più costoso smartphone mai venduto dall’azienda cinese che lo equipaggia di tutto punto per cercare di fare il grande salto. Le caratteristiche sono da primo della classe e le differenze con i competitor si riducono

Se la scelta di mangiare verdure dipende da come è scritto il menu

Meglio «bocconcini di zucchine caramellate» o «zucchine verdi nutrienti»? Uno studio pubblicato sulla rivista Jama Internal Medicine ha dimostrato che mettere in risalto le qualità benefiche di alcuni vegetali non sempre invoglia i clienti dei ristoranti a sceglierli

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito