Al via la Settimana dell’insegnante: con una margherita si #Ringraziaundocente

Dal 2 all’8 maggio una campagna su twitter accompagna l’iniziativa degli studenti dell’Istituto Galilei-Costa di Lecce: famosi e meno famosi si fotograno per dire che “Gli insegnanti sono importanti”. L’hashtag è #Ringraziaundocente

Una margherita multicolore che rappresenta la primavera del sapere e la pazienza nel linguaggio dei fiori. È il logo del 2016 per la seconda edizione della Settimana italiana dell’insegnante, dal 2 all’8 maggio. L’hashtag per la promozione social dell’iniziativa è lo stesso dell’anno scorso #Ringraziaundocente, che dà la possibilità a tutti di fotografarsi per sostenere il lavoro di maestri e professori della Penisola. Tante persone comuni che credono molto nella dignità di questa professione hanno aderito alla campagna social. E molti vip hanno prestato il loro volto per pubblicizzare l’iniziativa: il giornalista Franco Di Mare, il comico Pintus, Paolo Ruffini e anche Carlo Verone che già aveva difeso in molte altre occasioni il lavoro dei prof. Il messaggio che tutti hanno voluto trasmettere è: “Gli insegnanti sono importanti”.

Leggi anche: 1500 euro al mese per un insegnante? Per Verdone sono «una mortificazione»

#ringraziaundocente

Un premio Nobel per l’insegnante

Tutto parte anche quest’anno da Lecce. E precisamente dalla classe IV A dell’Istituto Galilei-Costa. Questi ragazzi hanno ideato il progetto MasterProf per valorizzare la professione del docente. E la settimana dell’insegnante è una delle occasioni per metterla al centro. L’idea è arrivata dagli Stati Uniti, dove esiste già un Global Teacher Prize, un premio Nobel per l’insegnante. La competizione aveva visto proprio un insegnante della scuola leccese arrivare tra i finalisti. L’intenzione non è solo riportare all’attenzione di tutti il lavoro silenzioso di chi ogni giorno cerca di conciliare concetti e nozioni con l’educazione a un mondo che cambia. Ma anche riconoscere chi per qualche ragione riesce ad essere un insegnante fuori dall’ordinario. Perché ha ricevuto un riconoscimento internazionale, perché ha promosso l’educazione dei cittadini globali, perché si batte per un’istruzione di qualità. Il sito raccoglie le segnalazioni di chiunque voglia rispondere all’invito «Conosci un prof “speciale”? Faccelo conoscere!».

Sconti e agevolazioni per i docenti

Per l’edizione del 2016, oltre al nuovo logo, la settimana dell’insegnante ha lanciato anche un’altra iniziativa per favorire gli insegnanti. Una serie di agevolazioni in musei, sale cinematografiche, librerie e sconti in negozi di tecnologia. Cinema, tv e radio sono stati poi invitati a prevedere nella loro programmazione film o trasmissioni che celebrano l’insegnamento. Ma la proposta è ancora aperta a chiunque voglia offrire ai docenti un’agevolazione per la settimana, compilando un semplice form sul sito di Master Prof.

Schermata 2016-05-02 alle 15.10.08

logo

Un Commento a “Al via la Settimana dell’insegnante: con una margherita si #Ringraziaundocente”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L’incredibile storia di Mashape e Augusto Marietti (che ha fatto bene a lasciare l’Italia quando gli dicevano “sei troppo giovane”)

A 18 anni aveva inventato Dropbox prima di Dropbox, ma nessuno lo finanziò. Poi, quando con 2 amici ha lanciato Mashape, un marketplace dove gli sviluppatori vendono “pezzi” di software, ha scelto di lasciare l’Italia, destinazione San Francisco. L’idea piace, e ci credono anche il papà di Uber e quello di Amazon e oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari. No, non è un film: è la storia di Augusto Marietti

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup