“Riciclo e coltivo”: a Milano un orto verticale in ogni scuola dell’infanzia

Ogni scuola riceverà un kit composto da uno scaffale a più ripiani, da dodici vasi e da un annaffiatoio. Il tutto in plastica riciclata. Si chiama “Riciclo e coltivo” ed è il progetto per portare un orto verticale nelle scuole dell’infanzia di Milano.

Che si può fare con un piatto o un bicchiere di plastica? Nulla se non viene raccolto e riciclato correttamente. Così vale per il cibo non consumato. La “magia” avviene quando con un gesto d’educazione civica si riesce a ridare vita a questi oggetti. A dare la possibilità ai bambini di toccare con mano questa opportunità è il progetto “Riciclo e coltivo” nato dalla collaborazione tra Milano Ristorazione, Comune, Corepla (il Consorzio di Riciclo Plastica) e Amsa, per ridare nuova vita alle stoviglie di plastica, ancora in uso nei refettori scolastici delle scuole d’infanzia.

orto_verticale

Un kit per ogni scuola dell’infanzia

Tutto parte da una constatazione: già da tempo in alcune scuole della città, ove lo spazio lo consente, le insegnanti hanno investito energie per realizzare un orto ma non tutti gli istituti hanno spazi adeguati, un terreno da dedicare ad un orto.

Da qui l’idea di portarne uno verticale in aula grazie al materiale riciclato dai piatti di plastica.

Ogni scuola dell’infanzia riceverà un kit composto da uno scaffale a più ripiani, da dodici vasi e da un annaffiatoio, il tutto in plastica riciclata. Insieme a terra e compost, saranno destinati alla coltivazione di piante orticole e aromatiche le cui sementi sono fornite da una storica azienda florovivaistica milanese.

I bambini potranno così seminare e veder crescere le piante aromatiche più comuni, potranno apprendere cosa vuole dire riciclare, la trasformazione di un prodotto, in questo caso il piatto di plastica, che una volta utilizzato, può essere riassemblato e trasformato in un altro oggetto, ovvero un grande contenitore per piante.

orto_verticale2

Il valore di un gesto civico

L’idea, ben rappresentata dal nome del progetto “Riciclo e Coltivo, l’orto verticale a scuola” non è solo simbolica, infatti, offrirà uno spunto didattico molto significativo agli educatori che potranno insegnare ai bambini più piccoli il valore di un semplice gesto di educazione civica come la raccolta differenziata e la magia del ciclo della vita.

L’operazione ha garantito il recupero ed il riciclo di 12mila chilogrammi di imballaggi in plastica.

«Promuovere la raccolta differenziata e il riciclo degli imballaggi in plastica in ambito didattico porta i bambini a confrontarsi con il futuro – sottolinea Giorgio Quagliuolo, Presidente Corepla – Ogni orto verticale, realizzato in plastica riciclata, dà loro modo di verificare concretamente la rinascita dei materiali. E questo è ancora più vero per Milano, prima in classifica tra le grandi città italiane nella raccolta differenziata della plastica».

Il progetto è stato apprezzato per due ragioni

La prima: è stata coinvolta la scuola dell’infanzia. Spesso i progetti partono dalla primaria ma finalmente ci si è resi conto che le fondamenta dell’educazione civica vanno costruite nei primi anni di vita, quando i più piccoli assorbono le regole fondamentali alla crescita umana.

La seconda: con l’orto verticale si accresce l’interesse per la cultura green, per la natura. Non è facile per chi vive in città apprezzare il verde ma questi bambini lo potranno fare.

Ti potrebbe interessare anche

Pannelli solari, lampadine smart e zero impatto sull’ambiente: a Caltagirone la scuola sostenibile

L’Istituto Gobetti di Caltagirone è diventato completamente autosufficiente per l’energia grazie a un nuovo impianto fotovoltaico e una serie di tecnologie che l’hanno trasformato nella scuola più green della Sicilia

Conchiglie in polvere contro l’inquinamento degli oceani: il metodo di Isabella, 13 anni

La ragazza è tra i 20 finalisti della Google Science Fair. Ha presentato un progetto che contrasta l’acidificazione degli oceani riciclando i gusci di cozze, vongole e ostriche

350 bambini a H-Farm hanno immaginato la scuola del futuro (e ce l’hanno mostrata)

Il 2 aprile, a H-Farm, si è tenuta “La scuola che vorrei”: bambini dai 10 ai 15 anni hanno progettato la scuola dei loro sogni. Ci siamo stati, scoprendo che i ragazzi d’oggi vorrebbero soprattutto 3 cose: più tecnologia, più spazi verdi e più materie (compreso il cricket)

Queste studentesse hanno sviluppato un batterio che mangia la plastica negli oceani

Miranda Wang e Jeanny Yao hanno sviluppato un processo che scompone i composti chimici del materiale e li trasforma in anidride carbonica e acqua. Le sperimentazioni dovrebbero iniziare già la prossima estate

Baroni all’università: “Questo è mio, questo è tuo, questo è coso”

L’indagine di Firenze dimostra che i feudi sono ancora troppi ma anche che l’Abilitazione scientifica nazionale funziona: costringe i baroni a esporsi più che in passato, mettendoli all’angolo

L’app che trova e ti mette in contatto con l’avvocato giusto | JustAvv

Il ceo Mariano Spalletti entra nel dettaglio della piattaforma online che dà la possibilità agli utenti di trovare l’avvocato adatto per risolvere ogni tipo di problema legale