Sulla sonda Juno ci sono anche Giove, Giunone e Galileo. Fatti con i Lego

Sono partite 5 anni fa con la sonda, e sono arrivate anche loro nell’orbita di Giove: sono tre statuine del progetto che la Lego ha avviato per avvicinare i bambini alla scienza

Il dio romano Giove, sua moglie Giunone e il padre della scienza Galileo Galilei. Anche loro sono a bordo della sonda spaziale Juno che è entrata questa mattina nell’orbita del pianeta Giove dopo un viaggio di 5 anni. Le tre statuette Lego  fanno parte del progetto “Lego Bricks in Space project”, che è stato sviluppato in partnership con la Nasa per ispirare i bambini a esplorare la scienza, la tecnologia e la matematica.

 juno

Le statuette sono state pensare per sensibilizzare i più piccoli sulla storia e sull’evoluzione di Giove: la Lego ha aperto anche un sito appositamente per questo. Su LegoSpace.com, infatti, vengono pubblicate informazioni e materiali per bambini sullo Spazio e sui pianeti. Sul sito si possono scaricare anche video, giochi e immagini.

Nella mitologia greca e romana, Giove disegnò un velo di nuvole per nascondersi, ma dal monte Olimpo Giunone era comunque in grado di vedere attraverso le nuvole e di rivelare la vera natura di Giove. Prendendo esempio dal mito, anche la sonda Juno (Giunone, appunto) avrà il compito di “guardare” attraverso le nuvole per aiutare la Nasa a capire la vera struttura e storia del pianeta.

Nella riproduzione della Lego, la statuetta di Giunone tiene in mano una grande lente per arrivare alla verità, mentre Giove ha in mano i fulmini. La terza statuetta è quella di Galileo Galilei, lo scienziato che ha scoperto tantissimo sul pianeta gigante. Galileo ha usato un telescopio per osservare Giove e i suoi satelliti (chiamate lune di Galileo in suo onore). Anche la versione Lego di Galileo porta con sé un telescopio nella sonda. 

juno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

A Dubai entra in servizio Reem, il primo poliziotto robot

Frutto della collaborazione tra il dipartimento di polizia della città degli Emirati Arabi, Google e IBM, il moderno Robocop potrà interagire con i cittadini grazie all’intelligenza artificiale e sarà sempre in connessione con i colleghi umani per segnalare situazioni sospette

Magnocavallo (Tannico): La Digital Transformation? Marcia in più per il settore vitivinicolo

Con il ceo della startup parliamo di Gli Impatti della Digital Transformation sul settore Agrifood, il report di Cisco Italia e Dti. «Chi fa investimenti importanti sulle tecnologie produttive spesso riesce ad avere prodotti con qualità uniforme e di alto livello»