Da ottobre partono i corsi per sviluppatori Apple a Napoli: si selezionano 200 studenti

E’ partito il conto alla rovescia per la iOS Developer Academy di Apple, che aprirà al nuovo campus dell’Università Federico II a San Giovanni a Teduccio. I corsi saranno gratuiti

L’Università di Napoli Federico II ha annunciato che ospiterà la prima iOS Developer Academy in Europa grazie ad una nuova partnership con Apple che fornirà a centinaia di studenti le competenze pratiche e la formazione sullo sviluppo di app per il suo ecosistema digitale. La iOS Developer Academy aprirà a ottobre 2016 con oltre 200 studenti che parteciperanno al primo anno. Gli studenti frequenteranno un corso di nove mesi, progettato e supportato da Apple, con una struttura dedicata presso il nuovo campus a San Giovanni a Teduccio. La struttura include laboratori e accesso ai più recenti prodotti hardware e software Apple.

Il bando

Gli studenti che vogliono candidarsi devono andare qui, sul sito dell’Università. La iOS Developer Academy è gratuita e sarà aperta agli studenti provenienti dall’Italia e da tutta Europa, con borse di studio disponibili per alcuni studenti a copertura delle spese primarie. QUI tutte le altre info.

apple

al Campus San Giovanni a Teduccio la iOS Developer Academy

Anche gli insegnanti possono candidarsi

Ai candidati sarà chiesto di fare un test online in italiano o in inglese, superato il quale potranno accedere alla fase successiva che prevede un colloquio. I candidati non devono necessariamente avere una formazione in information technology, perché il corso è stato progettato per supportare un mix di futuri sviluppatori che spazia in diversi settori. L’Università di Napoli Federico II ha anche in piano di assumere degli insegnanti per l’Accademia nei prossimi mesi, con profili che vanno da sviluppatori esperti di app a designer e docenti di programmazione. I docenti che desiderano candidarsi possono consultare QUI il sito dell’Università.

Sviluppo software e progettazione di app

Durante il primo semestre, i corsi avranno l’obiettivo di migliorare ed elevare le competenze degli studenti nello sviluppo software su iOS; durante il secondo semestre gli studenti parteciperanno a corsi sulla creazione di startup e progettazione di app, e collaboreranno fra loro per la creazione di app che potrebbero eventualmente arrivare all’App Store.

Competenze necessarie per avere successo

«Siamo veramente felici di lavorare con l’Università di Napoli Federico II per lanciare la prima iOS Developer Academy in Europa – ha detto Luca Maestri, CFO di Apple – alcuni degli sviluppatori più creativi al mondo arrivano dall’Europa, e siamo certi che questo centro aiuterà la prossima generazione ad acquisire le competenze necessarie per avere successo». Soddisfazione è stata espressa anche dal Rettore Gaetano Manfredi. «Con questa iniziativa – ha dichiarato – Federico II continua a rispondere alle esigenze formative legate alle nuove tecnologie, che devono rappresentare un complemento ai programmi tradizionali che la nostra Università continuerà ad offrire con lo stesso impegno e la stessa qualità di sempre. Siamo lieti che Apple ci abbia scelto come partner per creare la iOS Developer Academy e non vediamo l’ora di lavorare con l’azienda nella selezione di studenti e docenti per questo corso eccezionale».

1,2 milioni di posti di lavoro con le app

Il piano di creare una iOS Developer Academy specializzata a Napoli è stato annunciato per la prima volta a gennaio da Tim Cook, CEO di Apple, e dal presidente del Consiglio Matteo Renzi per contribuire ad aumentare il numero di sviluppatori app preparati, in Italia e Europa. Con oltre 2 milioni di app, l’App Store ha creato un settore nuovo con oltre 1,2 milioni di posti di lavoro creati in Europa dal 2008. Agli sviluppatori in Europa sono stati corrisposti quasi 10 miliardi di euro per la vendita delle loro app nel mondo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L’incredibile storia di Mashape e Augusto Marietti (che ha fatto bene a lasciare l’Italia quando gli dicevano “sei troppo giovane”)

A 18 anni aveva inventato Dropbox prima di Dropbox, ma nessuno lo finanziò. Poi, quando con 2 amici ha lanciato Mashape, un marketplace dove gli sviluppatori vendono “pezzi” di software, ha scelto di lasciare l’Italia, destinazione San Francisco. L’idea piace, e ci credono anche il papà di Uber e quello di Amazon e oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari. No, non è un film: è la storia di Augusto Marietti

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup