I paesi nordici stanno pensando di rimandare i nonni a scuola. La proposta di Poul Nielson

Il progetto in un rapporto del Nordic Council: l’innovazione tecnologica e l’allungamento della vita lavorativa richiedono un “serio aggiornamento delle proprie competenze” passati i 60 anni

E se per i nonni e le nonne tornare sui banchi di scuola fosse obbligatorio? Ci stanno pensando alcuni Paesi nordici e scandinavi, quelli raccolti nel Nordic Council, fra cui Danimarca, Finlandia, Islanda, Norvegia, Svezia, isole Fær Øer , Groenlandia e le finlandesi (ma di lingua svedese) isole Aland. La proposta è contenuta del rapporto firmato da Poul Nielson, al settimo punto del suo documento dedicato al futuro del lavoro. Il suo progetto vede nel prossimo futuro gli anziani essere obbligatoriamente coinvolti in un programma educativo e continuativo. Tutto per continuare a rimanere competitivi e sul mercato con l’allungarsi della vita media. L’idea, insomma, è rendere quella fase solo l’ultimo anello di una catena che inizia da piccoli: «La combinazione dei rapidi sviluppi tecnologici con il graduale incremento dell’età pensionabile aumenta il fabbisogno di nuove forme di educazione» ha spiegato il politico danese, membro del Nordic Council of Ministers, all’Eu Observer.

Communism-Class-(3)

Aggiornare le competenze anche dopo 65 anni

Il punto non è tanto per chi ha ricevuto una buona preparazione quanto per quelle fasce di lavoratori fra i 60 e i 65 anni che a breve si troveranno di fronte altri cinque o dieci anni di lavoro. «Devono avere la possibilità di aggiornare seriamente le loro competenze – ha scritto Nielson – come rendere obbligatoria l’istruzione a un nuovo livello».

lifelong-learning-academyjpg-63fa4462dc5a58ee

Il progetto è già realtà in certe zone di quella macroarea così avanzata sotto il profilo sociale. In Danimarca, per esempio, le università popolari forniscono approfondimenti su diversi temi. Un po’ come in Italia, dove il sistema è tuttavia diffuso a macchia di leopardo. Ma il problema esiste: nel 2060 la popolazione ultraottantenne triplicherà dai 23,7 milioni del 2010 ai 62,4 milioni. Nonni e nonne dovranno tornare a studiare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L’incredibile storia di Mashape e Augusto Marietti (che ha fatto bene a lasciare l’Italia quando gli dicevano “sei troppo giovane”)

A 18 anni aveva inventato Dropbox prima di Dropbox, ma nessuno lo finanziò. Poi, quando con 2 amici ha lanciato Mashape, un marketplace dove gli sviluppatori vendono “pezzi” di software, ha scelto di lasciare l’Italia, destinazione San Francisco. L’idea piace, e ci credono anche il papà di Uber e quello di Amazon e oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari. No, non è un film: è la storia di Augusto Marietti

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup