I paesi nordici stanno pensando di rimandare i nonni a scuola. La proposta di Poul Nielson

Il progetto in un rapporto del Nordic Council: l’innovazione tecnologica e l’allungamento della vita lavorativa richiedono un “serio aggiornamento delle proprie competenze” passati i 60 anni

E se per i nonni e le nonne tornare sui banchi di scuola fosse obbligatorio? Ci stanno pensando alcuni Paesi nordici e scandinavi, quelli raccolti nel Nordic Council, fra cui Danimarca, Finlandia, Islanda, Norvegia, Svezia, isole Fær Øer , Groenlandia e le finlandesi (ma di lingua svedese) isole Aland. La proposta è contenuta del rapporto firmato da Poul Nielson, al settimo punto del suo documento dedicato al futuro del lavoro. Il suo progetto vede nel prossimo futuro gli anziani essere obbligatoriamente coinvolti in un programma educativo e continuativo. Tutto per continuare a rimanere competitivi e sul mercato con l’allungarsi della vita media. L’idea, insomma, è rendere quella fase solo l’ultimo anello di una catena che inizia da piccoli: «La combinazione dei rapidi sviluppi tecnologici con il graduale incremento dell’età pensionabile aumenta il fabbisogno di nuove forme di educazione» ha spiegato il politico danese, membro del Nordic Council of Ministers, all’Eu Observer.

Communism-Class-(3)

Aggiornare le competenze anche dopo 65 anni

Il punto non è tanto per chi ha ricevuto una buona preparazione quanto per quelle fasce di lavoratori fra i 60 e i 65 anni che a breve si troveranno di fronte altri cinque o dieci anni di lavoro. «Devono avere la possibilità di aggiornare seriamente le loro competenze – ha scritto Nielson – come rendere obbligatoria l’istruzione a un nuovo livello».

lifelong-learning-academyjpg-63fa4462dc5a58ee

Il progetto è già realtà in certe zone di quella macroarea così avanzata sotto il profilo sociale. In Danimarca, per esempio, le università popolari forniscono approfondimenti su diversi temi. Un po’ come in Italia, dove il sistema è tuttavia diffuso a macchia di leopardo. Ma il problema esiste: nel 2060 la popolazione ultraottantenne triplicherà dai 23,7 milioni del 2010 ai 62,4 milioni. Nonni e nonne dovranno tornare a studiare.

Road to #SIOS17 | Musement: ecco come quattro italiani hanno ripensato al modo di fare vacanza

Tre amici e un’intuizione geniale: storia della startup italiana che ripensa le esperienze di viaggio. In attesa del nuovo StartupItalia! Open Summit di dicembre 2017 intervista a Claudio Bellinzona di Musement, una delle dieci startup finaliste dell’ultimo SIOS

La nuova sneaker di Vivobarefoot è fatta solo con le alghe

L’azienda britannica è pronta a lanciare sul mercato delle calzature anfibie in collaborazione con Bloom Foam. Sono le prime al mondo prodotte a partire dalla vegetazione delle acque inquinate

NotPetya: quando un solo malware è responsabile di miliardi di perdite. I numeri rivelati dalle aziende

I dati pubblicati delle aziende nei rapporti periodici forniscono informazioni sull’impatto del malware. Il gigante del trasporto e della logistica, AP Moller-Maersk, ha annunciato che l’attacco ha causato perdite per almeno 200 milioni di dollari