Docenti digitali a raccolta: WeSchool apre la propria piattaforma a 100 prof

La piattaforma per la didattica collaborativa lanciata dalla startup Oilproject ha aperto una call per 100 docenti che avranno la possibilità di usare gratuitamente WeSchool nelle proprie classi per 4 mesi

WeSchool, la piattaforma per la didattica collaborativa lanciata lo scorso maggio dalla startup Oilproject di Marco De Rossi, ha aperto una call per i docenti interessati a sperimentare metodi per lezioni collaborative con il supporto delle tecnologie digitali. Come si legge dalla sua pagina Facebook, WeSchool metterà a disposizione gratuitamente la propria piattaforma a 100 prof delle scuole secondarie di primo e secondo grado, per 4 mesi, dal 15 settembre al 31 dicembre 2016. I docenti avranno la possibilità di provare tecniche di insegnamento innovative come la classe capovolta, il blended learning e la lezione collaborativa dove tutti gli studenti sono immersi in un ambiente nel quale si può integrare qualsiasi contenuto multimediale (dal video di youtube al Google Docs). I docenti interessati ad aderire al programma di prova devono inviare una email entro il 25 settembre a [email protected] indicando il proprio nome, scuola e numero degli studenti che verrebbero coinvolti.

Leggi anche: Arriva WeSchool, la piattaforma per creare lezioni collaborative: “Diamo i superpoteri ai prof”

Schermata 2016-09-01 alle 13.08.10

I prof potranno usare la piattaforma WeSchool con le proprie classi, indipendentemente dalla materia o dal numero di studenti per classe. Durante i 4 mesi del programma il team della startup sarà disponibile per supporto tecnico nell’uso della piattaforma e ogni docente avrà un proprio referente che lo guiderà nell’approccio alla lezione digitale e nella strutturazione dei test personalizzati (sulla piattaforma si possono creare varie tipologie di verifiche, quiz, video-quiz ed esercizi).

Il programma si rivolge a tutti i docenti interessati ad ampliare le proprie conoscenze nella didattica digitale, e segue le linee tracciate dal Piano Nazionale Scuola Digitale che ha inserito lo scorso anno la figura dell’animatore digitale nelle scuole, per facilitare la diffusione delle tecnologie in ambiente scolastico.

WeSchool è stata lanciata il 17 maggio scorso, con una interfaccia colorata e intuitiva, destinata a raggiungere tutti i docenti, e non solo quelli che hanno già dimestichezza con la tecnologia. La piattaforma permette di integrare molti contenuti diversi e di ricevere feedback immediati sul lavoro e sulla comprensione degli studenti. Su WeSchhol si possono creare gruppi di studio e viene dato molto risalto alla gamification, cioè al processo che porta gli studenti a percepire la lezione e gli esercizi come un gioco divertente, o un processo creativo invece che come un obbligo.

@carlottabalena

Tecnologia solidale, le iniziative di crowdfunding per i terremotati del Centro Italia

Un aiuto subito, Marchecraft, Adesso pedala. Sono alcune delle iniziative pensate per sostenere le popolazioni colpite dal terremoto del 24 agosto 2016 e che hanno già permesso i primi interventi di ricostruzione ad Amatrice e Norcia

Le finaliste di .itCup2017: con EasyTax Assistant affrontare le tasse non fa più paura

Un’applicazione mobile che segue il contribuente nella gestione della propria fiscalità. Il segreto: informazioni e strumenti semplici da utilizzare. Dopo soli 2 mesi gli utenti sono già 1700 e ora la statup è in finale nella competizione di Registro.it