Le oche, robot Scratch, 40 ninja. Coderdojo Roma in Campidoglio | Le immagini

Sessione speciale per la palestra di coding dedicata ai più piccoli: bambine e bambini hanno trasformato le loro idee in un’animazione ispirata alla Roma Antica. Protagonisti anche droni (mini) e robot

«Ci siamo? Riuscite tutti a far andare avanti e indietro le oche? Datemi feedback. Ricordate che dobbiamo far comparire il gallo?». Le oche sono quelle dei romani (gli antichi ovviamente), la stanza è quella della Protomoteca del Campidoglio, chi parla è Serena, del team di mentor del Coderdojo Roma che ha portato 40 bambini, piccoli ninja è meglio, nel cuore dell’amministrazione di Roma, dove si prendono le decisioni per la città. Un luogo di civiltà, prima che un posto dove si fa politica. E’ il penultimo giorno della CodeWeekEU, la Settimana Europea del Codice, è il Linux Day, la giornata dedicata al software libero, c’era l’assessora Flavia Marzano (alla guida dell’Assessorato Roma Semplice di Roma Capitale) che ha voluto fortemente questo appuntamento, c’era la sindaca Raggi («sono venuta come mamma»), c’era Paolo Mirabelli che dopo la Maker Faire Rome e la sua House of Drones proprio non ce la fa a stare lontano da Roma: ha incantato tutti facendo volare un mini drone tra le statue e muovere robot Scratch (un automa programmato con i mattoncini).

Coderdojo

Ma soprattutto c’erano sono loro, i piccoli ninja. Che fra “pinna di squalo” e super merenda si sono divertiti (neanche poco) programmando fra versi di oche e di galli: testa china, portatile acceso, sedie dorate e tavoli con tovaglia rosso pompeiano. Tutto questo mentre nella stanza accanto mamme e papà hanno partecipato ad un approfondimento sulla cyber security tenuto da Emma Pietrafresa e Gabriella Paolini. Il punto è che le parole possono poco. Per raccontare la storia del Codedojo Roma al Campidoglio (più o meno un Campidojo) abbiamo scelto una selezione di immagini.

Leggi anche: Coding e realtà virtuale a Villa Ada: Coderdojo Roma compie 3 anni

Approccio consapevole alla tecnologia

«CoderDojo Roma è un esperimento di innovazione sociale che ha creato in pochi anni un luogo di riferimento per molti bambini e per le loro famiglie – ha scritto Agnese Addone, responsabile di Coderdojo Roma – l’attività di noi mentor ha generato momenti di confronto e ricerca sulla didattica innovativa e sperimentale, per incentivare nei bambini l’approccio consapevole alla tecnologia, e nei genitori una maggiore sensibilità verso il mondo dei social e del loro corretto utilizzo».

Coderdojo

In Campidoglio il mini drone e robot scratch

[iframe id=”https://www.youtube.com/embed/xoONY6sjD60″]

Agnese, Flavia, Loredana…

[iframe id=”https://www.youtube.com/embed/Gfa0_7YNw_E”]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sognatori, imprenditori, innovatori. A Nana Bianca una pizza con StartupItalia! per costruire #SIOS17

Lo startup studio di Firenze ha ospitato l’incontro pizza e birra tra startupper in vista del prossimo Open Summit. Idee, progetti e storie di nuove imprese, tutte insieme allo stesso tavolo

Aumenta la RAM e aumenta pure il prezzo. Ecco il nuovo One Plus 5

È il più costoso smartphone mai venduto dall’azienda cinese che lo equipaggia di tutto punto per cercare di fare il grande salto. Le caratteristiche sono da primo della classe e le differenze con i competitor si riducono

Se la scelta di mangiare verdure dipende da come è scritto il menu

Meglio «bocconcini di zucchine caramellate» o «zucchine verdi nutrienti»? Uno studio pubblicato sulla rivista Jama Internal Medicine ha dimostrato che mettere in risalto le qualità benefiche di alcuni vegetali non sempre invoglia i clienti dei ristoranti a sceglierli

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito