Oracle investe 1,4 miliardi in formazione sulle competenze digitali in tutta Europa

Commissione Europea e DigitalEurope lanciano una delle 10 azioni della New Skills Agenda for Europe presentata a giugno 2016. In contemporanea la multinazionale dell’informatica presenta il suo piano per la formazione in Europa

Una partnership che ha l’obiettivo di rafforzare le competenze informatiche e di programmazione a tutti i livelli nella forza lavoro europea. Una Digital Skills and Jobs Coalition (per contribuire a soddisfare l’elevata domanda di competenze digitali in Europa), guidata dalla Commissione Europea e da DigitalEurope (organizzazione di cui fanno parte più di 60 aziende tech che mira a garantire la partecipazione del settore per lo sviluppo e l’attuazione delle politiche UE in materia), ma soprattutto con una pluralità di protagonisti al suo interno. Tra cui Oracle. La multinazionale dell’informatica ha annunciato un investimento triennale, per un totale di 1,4 miliardi di dollari fra contributi diretti e in beni, a supporto della formazione informatica negli stati membri dell’Unione Europea. La Digital Skills and Jobs Coalition è una delle 10 azioni della New Skills Agenda for Europe della Commissione Europea presentate a giugno 2016: ha l’obiettivo di sviluppare un ampio bacino di talenti digitali e di garantire che i singoli individui e la forza lavoro in Europa siano dotati di competenze digitali adeguate.

Digital Skills

credits ivsz.hu

Europa competitiva ha bisogno di competenze digitali

«La competitività dell’Europa e la sua capacità di innovazione hanno bisogno di professionisti dotati di competenze digitali – ha dichiarato John Higgins, Direttore Generale di DigitalEurope – negli ultimi dieci anni la domanda di lavoratori con competenze informatiche e di programmazione è cresciuta del 4% ogni anno. L’impegno di Oracle per portare l’informatica nelle classi dell’Unione Europea ci aiuterà a rendere più forte la nostra economia digitale».
Per Oracle «è fondamentale ispirare e coinvolgere studenti di ogni parte del mondo nella formazione informatica – ha aggiunto Alison Derbenwick Miller, Vice Presidente di Oracle Academy – nei mesi scorsi Oracle ha preso impegni significativi nelle iniziative della Casa Bianca CS for All e Let Girls Learn. Quanto annunciamo conferma il nostro impegno nel diffondere l’educazione digitale e favorire la diversity nel settore tecnologico».

1000 nuovi istruttori di CS, Java e Database

Ma quali sono gli obiettivi? La finalità di Oracle è formare in Europa mille nuovi istruttori di CS, Java e Database, e di offrire Oracle Academy agli studenti di altre mille scuole e università europee nei prossimi tre anni. Oracle Academy è il principale programma filantropico dell’azienda in ambito educativo, che offre formazione informatica a quasi 3.100.000 studenti di 110 paesi del mondo. Attualmente, circa mille istituti scolastici e Università europee collaborano con il programma.

Formazione per insegnanti e studenti

Oracle Academy promuoverà diversi programmi nei prossimi tre anni, fra cui: invitare i gruppi di lavoro impegnati a livello nazionale nella promozione dei digital skills a collaborare con Oracle Academy per offrire formazione informatica a insegnanti e studenti dei paesi dell’Unione Europea. Offrire nuovi curriculum di istruzione superiore dedicati alle tecnologie emergenti. Parificare l’intero curriculum di Oracle Academy al quadro europeo delle qualifiche (EQF – European Qualifications Framework).

Al via a Milano la Fashion Week. Cinque startup che vogliono innovare nella moda

Dal 20 al 25 settembre nel capoluogo lombardo eventi e passerelle per mettere in mostra le ultime tendenze in fatto di abiti, scarpe e accessori. Ma non bisogna perdere di vista chi cerca di modernizzare il settore con la tecnologia. Qui qualche esempio

A ottobre debutta Aml bitcoin, la criptovaluta che contrasta i crimini finanziari

Marcus Andrade ha proposto di introdurre questa modalità di pagamento nel porto di San Francisco. La trasparenza e la sicurezza garantite dal sistema hanno attirato l’attenzione delle istituzioni negli Stati Uniti che potrebbero portare alla sua legittimazione

Il brevetto di Harvard arriva in Italia con la batteria di Green Energy Storage

Il sistema, basato su una molecola estraibile dai vegetali, consente di accumulare energia, riducendo l’impatto ambientale e i costi di produzione. L’idea di business è diventata un caso di successo anche per l’overfunding su Mamacrowd

Food delivery, cosa ordinano gli studenti | La ricerca

Al vertice delle preferenze svettano i piatti americani seguiti dalla cucina asiatica e da quella italiana. In Italia trionfano pizza, burger e sushi. E il 75% spende oltre 20 euro per un ordine

L’Open Innovation Contest 2018 di NTT Data fa tappa anche in Italia

Aperte fino al 10 ottobre le candidature per le startup che vogliano partecipare al processo di selezione italiano. Dieci imprese si presenteranno al pitch day del 16 febbraio 2018 a Milano e una sola arriverà alla finale del 22 marzo 2018 a Tokyo