Al via la Carta del Docente: 9.000 registrati fra enti di formazione e musei

A pochi giorni dall’attivazione della piattaforma web della Carta del Docente, sono circa 9 mila gli enti di formazione ed esercenti registrati. Dal 30 novembre al via l’accesso anche per gli insegnanti

L’applicazione web cartadeldocente.istruzione.it è accessibile a tutti: la piattaforma, che è stata aperta prima per la registrazione degli esercenti e poi anche agli insegnanti, è lo strumento che consente di utilizzare, attraverso un borsellino elettronico, i 500 euro per l’aggiornamento dei docenti. A pochi giorni dall’apertura, sono oltre 9.000 gli enti e gli esercenti accreditati sulla piattaforma. In particolare, si tratta di 251 fra musei ed aree archeologiche, 510 tra enti di formazione, università ed altri esercenti, 8.406 Istituzioni scolastiche (per la parte della formazione). Enti ed esercenti potranno continuare a registrarsi in qualsiasi momento sulla piattaforma, non c’è limite temporale. A loro supporto una serie di link di approfondimento, domande frequenti e un help desk.

de_eerste_schilderijenzaal_van_teylers_museum_foto_kees_hageman

I docenti potranno utilizzare i 500 euro generando sull’apposita piattaforma buoni di spesa per varie spese, qui la lista completa.

Per accedere alla piattaforma serve ottenere l’identità digitale SPID presso uno dei gestori accreditati. L’acquisizione delle credenziali SPID si può fare in qualunque momento, non c’è scadenza. Si tratta di un codice unico che consentirà di accedere, con un’unica username e un’unica password, ad un numero considerevole e sempre crescente di servizi pubblici. Sulla piattaforma è disponibile il numero di un call center dedicato all’utilizzo della Carta per supportare gli insegnanti per problemi di ordine tecnico (Assistenza tecnica 800.863.119 dal lunedì al sabato, dalle 08.00 alle 20.00).

I buoni di spesa generati dai docenti daranno diritto ad ottenere il bene o il servizio presso gli esercenti o gli enti di formazione registrati con la semplice esibizione su smartphone o tabletLa stampa sarà ovviamente possibile, ma non necessaria.

Diane Jooris usa la realtà virtuale per aiutare i malati di cancro. La storia

Oncomfort, azienda americana, crea software che abbassano i livelli di stress e di dolore dei pazienti affetti da cancro. La fondatrice del progetto racconta a StartupItalia! la sua esperienza che l’ha portata a pensare a questa particolare terapia