Miur e H for Human di H-Farm insieme per la diffusione del digitale nelle scuole

Il ministero e la Fondazione hanno stretto un accordo per una collaborazione su formazione docenti, alternanza scuola-lavoro, innovazione digitale e imprenditorialità

Un accordo per allargare la cultura del digitale nelle scuole, per offrire agli insegnanti percorsi di formazione completi, incentivare l’alternanza scuola-lavoro e la diffusione dell’imprenditorialità nelle scuole. Sono questi i punti cardine dell’accordo firmato dal ministero dell’Istruzione e H for Human, la Fondazione con cui H-Farm realizza le sue iniziative sociali, firmato dal ministro Stefania Giannini e dal Presidente della Fondazione, Carlo Carraro. Non è la prima volta che il ministero si avvicina ad H-Farm: una collaborazione era già stata avviata in occasione dell’organizzazione della H-ack School, il primo hackathon completamente dedicato al mondo della scuola che si è tenuto a Milano nel 2015.

2

«L’obiettivo è quello di realizzare piani formativi integrati, – ha commentato Giannini – così da soddisfare da un lato la domanda crescente, dall’altro le vocazioni di ciascun territorio. Questo protocollo, la partnership con la Fondazione H for Human, con H-FARM e con il progetto di H-Campus ne sono una perfetta sintesi. Sono certa inoltre che i risultati e gli impatti di questa collaborazione potranno essere valorizzati anche in ambito internazionale».

Secondo Carlo Carraro, presidente della fondazione H for Human «attraverso questo accordo potremo sviluppare al meglio la vocazione della Fondazione di H-Farm e del progetto H-Campus – spiega – Abbiamo costruito uno spazio di formazione innovativo che attraverso il digitale ripensa il modo di imparare e insegnare. Introduce nuovi modi di apprendere ed avvicina la scuola al mondo del lavoro. Il protocollo ci aiuterà a mettere a disposizione queste conoscenze tanto degli studenti che degli insegnanti del territorio».

Diane Jooris usa la realtà virtuale per aiutare i malati di cancro. La storia

Oncomfort, azienda americana, crea software che abbassano i livelli di stress e di dolore dei pazienti affetti da cancro. La fondatrice del progetto racconta a StartupItalia! la sua esperienza che l’ha portata a pensare a questa particolare terapia