Chi è Valeria Fedeli, il nuovo ministro dell’Istruzione

Stefania Giannini ha lasciato il posto a Valeria Fedeli: ex-sindacalista, ha alle spalle una lunga lotta per i diritti dei lavoratori e delle donne

E’ Valeria Fedeli, il neo ministro dell’Istruzione, università e ricerca. Dopo Stefania Giannini in viale Trastevere arriva un’altra donna, ex sindacalista e fino a ieri vice presidente del Senato. Lombarda di nascita (è di Treviglio, provincia di Bergamo), 67 anni, ha iniziato la sua carriera nella Cgil negli anni Settanta per poi trasferirsi nella capitale dove ha ricoperto importanti ruoli: dal 2000 al 2010 ha guidato la segreteria generale dei lavoratori tessili diventando anche presidente del sindacato tessile europeo. A palazzo Madama è arrivata nel 2013 con Matteo Renzi ed ha subito conquistato il posto di vicepresidente vicario della presidente Laura Boldrini oltre ad un ruolo nella commissione Difesa del Senato. Chi la conosce bene e ha lavorato con lei nella Cgil dice che sa fare squadra. Così chi si è trovato fianco a fianco al Senato nelle battaglie a favore delle donne, ammette di aver lavorato bene con lei. Nel suo sito si presenta così: “Sindacalista pragmatica, femminista, riformista di sinistra”.

valeria-fedeli-vicepresidente-del-senato_1

L’impegno per i diritti delle donne

Lei stessa scrive: “Il pubblico impiego e il tessile sono state due grandi scuole in cui ho imparato a praticare la difesa concreta dei lavoratori costruendo innovazione e governo dei processi di cambiamento”. In Europa, nel mondo sindacale, si è vista riconosciuta e apprezzata e dopo 34 anni di esperienza in Cgil nel 2012 è diventata anche vice presidente nazionale di Federconsumatori. Di lei impossibile dimenticare l’impegno per le donne: è stata chiamata come esperta al ministero del Lavoro e delle pari opportunità ed è stata tra le fondatrici di “Se non ora quando”.

La sfida della scuola

Ora dovrà occuparsi di una tematica nuova: la scuola. Il tema dell’istruzione non risulta essere almeno nel suo curriculum personale ma sono in molti a riconoscerle serietà. A lei spettano nei prossimi mesi, pochi o tanti che siano, portare avanti partite importanti, forse più significative della stessa “Buona Scuola”: i decreti delegati che in teoria andrebbero approvati entro il prossimo 18 gennaio. Stiamo parlando di temi come la formazione iniziale e l’immissione in ruolo dei docenti; la promozione dell’inclusione scolastica degli studenti con disabilità; la revisione dei percorsi dell’istruzione professionale; l’istituzione del sistema integrato di educazione e di istruzione dalla nascita fino a sei anni: la promozione e diffusione della cultura umanistica, valorizzazione del patrimonio e della produzione culturali, musicali, teatrali, coreutici e cinematografici e l’adeguamento della normativa in materia di valutazione e certificazione delle competenze degli studenti, nonché degli esami di Stato.

Il nodo del contratto

Già da oggi il ministro Fedeli dovrà pensare alla questione mobilità e contratto degli insegnanti perché domani i suoi ex colleghi del sindacato sono pronti a bussare alla porta di viale Trastevere per aprire un tavolo nella speranza che il nuovo interlocutore, cosciente delle battaglie per i lavoratori, sia disposta ad ascoltare. La scuola, grazie anche al Governo Renzi, non è più fuori dall’agenda politica ma è uno dei settori sui quali sono puntati gli occhi dell’opinione pubblica. Alla neo ministro gli auguri di buon lavoro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Missione VITA, Paolo Nespoli torna nello spazio

L’astronauta italiano sarà per la terza volta in orbita attorno alla Terra, per la seconda volta ospite della Stazione Spaziale Internazionale. Il suo compito a bordo della ISS sarà svolgere esperimenti di fisiologia e biochimica per studiare il comportamento della vita nello spazio

Google, Facebook e marketing digitale: così il turismo in Portogallo fa numeri e dà lavoro

Visibilità nelle ricerche online e offerte personalizzate. Ecco come il Paese lusitano ha fatto delle proprie bellezze un business, con un fatturato 2016 di 11 miliardi (e 40 mila posti di lavoro in oltre 4 mila aziende)

Un robot subacqueo ha ispezionato i reattori di Fukushima

Per analizzare l’entità dei danni del terremoto del 2011 nella centrale nucleare di Fukushima, gli scienziati stanno usando un piccolo robot a forma di pesce che ha restituito le prime immagini del reattore

Questa startup di Wylab trova borse di studio per atleti | Usa College Sport

Selezionare borse di studio per atleti nelle università statunitensi, questa la mission del progetto di Deljan Bregasi: «Abbiamo relazioni con 2000 diverse università e possiamo comunicare con migliaia di allenatori di 14 sport diversi»

Come rapire Martina, 5 anni, usando i dati su Facebook. Il video da 200mila visualizzazioni in 24 ore

Matteo Flora ha dimostrato com’è possibile che un profilo Facebook creato dai genitori a una bambina possa rivelare dati preziosi utilizzabili come un’arma da un rapitore. Il video è diventato virale in poche ore