Facebook ha lanciato il “Portale dei genitori” per chi ha figli che navigano il social network

Una nuova sezione con linee guida su sicurezza, cyberbullismo e prevenzione, dedicata ai genitori. I quali, per la privacy, non possono accedere all’account dei figli

Una grossa fetta dell’affollato pubblico di Facebook è composta da minorenni. Il social non offre numeri ufficiali su quale sia la percentuale di under 18 nei quasi due miliardi di utenti globali, ma è lecito supporre che siano tanti, visto che, dopo i consigli per contrastare il fenomeno del bullismo, il social ha lanciato anche un “Portale per i genitori” per affiancare quanti hanno figli minorenni che navigano su Facebook.

schermata-2016-12-14-alle-13-07-02

I genitori non possono accedere all’account del figlio minorenne

Su Facebook ci si può iscrivere ufficialmente dai 13 anni in su, ma di fatto è difficile impedire l’iscrizione anche a chi si trova sotto questa soglia d’età. Ad ogni modo, anche un 13enne potrebbe trovarsi in difficoltà navigando da solo su un social network come Facebook, correndo il rischio di incappare in qualche contatto indesiderato con estranei. Ad oggi, una volta che un minorenne apre un account su Facebook, i genitori non possono fare altro che stargli vicino nella navigazione, dal momento che le regole del social chiariscono che solo il proprietario dell’account può avere le credenziali e accedere al proprio profilo: quindi Facebook non può fornire ai genitori l’accesso all’account del figlio, in nessun caso. Tra le Faq del social c’è proprio la domanda “Posso monitorare le attività di mio figlio su Facebook o eliminare il suo account?”. La risposta è no, per la legge sulla privacy. Anche in caso di abusi, Facebook chiarisce: “Se tuo figlio è stato vittima di un’attività illecita su Facebook, ti invitiamo a chiedergli di accedere al suo account e segnalarlo“.

Il portale che offre le linee guida

Facebook sembra voler venire incontro ai genitori con il nuovo portale a loro dedicato, dove ci sono delle linee guida in fatto di sicurezza e alcuni consigli degli esperti. La sezione è pensata per chi utilizza Facebook per la prima volta, soprattutto per i più giovani: ci sono indicazioni basilari, ma anche dritte su come scegliere una password sicura o come bloccare o segnalare un contenuto indesiderato o un account aperto da un ragazzo con meno di 13 anni. Il portale per i genitori è stato lanciato in 50 lingue: una indicazione di quanto il pubblico dei più piccoli stia a cuore al social di Mark Zuckerberg. Per una ragione non proprio trascurabile: diversi report hanno evidenziato come Facebook non sia più il social più amato dai teenagers, che ultimamente preferiscono Snapchat e Instagram. Avvicinare i genitori potrebbe essere una mossa per conquistare anche i figli.

@carlottabalena

Road to #SIOS17 | Musement: ecco come quattro italiani hanno ripensato al modo di fare vacanza

Tre amici e un’intuizione geniale: storia della startup italiana che ripensa le esperienze di viaggio. In attesa del nuovo StartupItalia! Open Summit di dicembre 2017 intervista a Claudio Bellinzona di Musement, una delle dieci startup finaliste dell’ultimo SIOS

La nuova sneaker di Vivobarefoot è fatta solo con le alghe

L’azienda britannica è pronta a lanciare sul mercato delle calzature anfibie in collaborazione con Bloom Foam. Sono le prime al mondo prodotte a partire dalla vegetazione delle acque inquinate

NotPetya: quando un solo malware è responsabile di miliardi di perdite. I numeri rivelati dalle aziende

I dati pubblicati delle aziende nei rapporti periodici forniscono informazioni sull’impatto del malware. Il gigante del trasporto e della logistica, AP Moller-Maersk, ha annunciato che l’attacco ha causato perdite per almeno 200 milioni di dollari