Dal Gameboy all’iPhone, Super Mario arriva su iOS

Stesso aspetto e stesse avventure per l’idraulico di Nintendo. Sarà possibile acquistare il videogame a un prezzo di 10 dollari e farlo girare sui dispositivi mobile di casa Apple: è la nuova era dei videogiochi

Sono lontani i tempi in cui Super Mario correva solo (o quasi) sugli schermi dei Gameboy o delle consolle Nintendo. L’idraulico più simpatico dei videogiochi sbarca anche su iOS, il sistema operativo della Apple. E permetterà così anche agli utenti di iPhone e iPad di divertirsi con le avventure del piccolo personaggio in salopette blu tra le tubazioni del Regno dei Funghi. Il videogioco si chiamerà Super Mario Run e sarà leggermente differente dalla versione originale. Nulla, però, che impedisca di riconoscere le fattezze del protagonista nato dalla mente di Shigeru Miyamoto.

Leggi anche: La storia di Nintendo attraverso le sue console, dal TvGame a Switch

supermario

Dal Gameboy allo smartphone

Super Mario Run si muove da solo sullo schermo. I livelli e le sfide da superare sono più o meno gli stessi della versione originale con l’unica eccezione che è come se si tenesse il dito fisso sul d-Pad. Le ambientazioni e i movimenti di Mario vengono riproposti in maniera fedele con le stesse caratteristiche che il videogioco ha sempre avuto sin da quando si chiamava ancora Donkey Kong. Quando uscì, nel 1981, si trattava del primo esempio di videogame a piattaforme destinato a rivoluzionare i prodotti del settore e soprattutto a rendere un’icona di costume l’idraulico di origini italo-americane. Secondo Dave Thier di Forbes, che ha provato in anteprima  il gioco in un Apple Store, Super Mario Run non è un tentativo lanciato sul mercato tanto per testare le reazioni in attesa di ulteriori miglioramenti. È un rilascio molto accurato che non tradisce le aspettative legate al modus operandi di casa Nintendo.

Free ma non troppo

Per giocare con Super Mario Run non sarà sufficiente scaricare l’applicazione. O meglio, il download gratuito è permesso per la versione di prova, ma per poter godere dell’intero gioco si dovranno pagare 10 dollari. La scelta strategica di Nintendo permette così al videogame di distinguersi dai costosi giochi in circolazione e da quelli completamente gratuiti. Super Mario Run, infatti, non deve piegarsi alle logiche dei giochi gratis e può sempre cercare di combattere i tentativi dei giocatori che con astuzia cercano di non acquistare il prodotto. Alla Nintendo basterà rilasciare una serie aggiuntiva di livelli a pagamento per assicurarsi nuove entrate economiche.

Vecchi e nuovi giocatori

La nuova prospettiva che si apre a questo punto è lo sviluppo di videogiochi storici come Super Mario sui dispositivi mobile. Nintendo ci ha messo svariati anni per provarci. Ora si propone di attirare in questo modo un pubblico nuovo e più giovane, ma probabilmente anche di riportare i vecchi utenti gameboy a divertirsi tra salti tripli, funghi e tubi direttamente sullo schermo touch.

Al via a Milano la Fashion Week. Cinque startup che vogliono innovare nella moda

Dal 20 al 25 settembre nel capoluogo lombardo eventi e passerelle per mettere in mostra le ultime tendenze in fatto di abiti, scarpe e accessori. Ma non bisogna perdere di vista chi cerca di modernizzare il settore con la tecnologia. Qui qualche esempio

A ottobre debutta Aml bitcoin, la criptovaluta che contrasta i crimini finanziari

Marcus Andrade ha proposto di introdurre questa modalità di pagamento nel porto di San Francisco. La trasparenza e la sicurezza garantite dal sistema hanno attirato l’attenzione delle istituzioni negli Stati Uniti che potrebbero portare alla sua legittimazione

Il brevetto di Harvard arriva in Italia con la batteria di Green Energy Storage

Il sistema, basato su una molecola estraibile dai vegetali, consente di accumulare energia, riducendo l’impatto ambientale e i costi di produzione. L’idea di business è diventata un caso di successo anche per l’overfunding su Mamacrowd

Food delivery, cosa ordinano gli studenti | La ricerca

Al vertice delle preferenze svettano i piatti americani seguiti dalla cucina asiatica e da quella italiana. In Italia trionfano pizza, burger e sushi. E il 75% spende oltre 20 euro per un ordine

L’Open Innovation Contest 2018 di NTT Data fa tappa anche in Italia

Aperte fino al 10 ottobre le candidature per le startup che vogliano partecipare al processo di selezione italiano. Dieci imprese si presenteranno al pitch day del 16 febbraio 2018 a Milano e una sola arriverà alla finale del 22 marzo 2018 a Tokyo