Dal Gameboy all’iPhone, Super Mario arriva su iOS

Stesso aspetto e stesse avventure per l’idraulico di Nintendo. Sarà possibile acquistare il videogame a un prezzo di 10 dollari e farlo girare sui dispositivi mobile di casa Apple: è la nuova era dei videogiochi

Sono lontani i tempi in cui Super Mario correva solo (o quasi) sugli schermi dei Gameboy o delle consolle Nintendo. L’idraulico più simpatico dei videogiochi sbarca anche su iOS, il sistema operativo della Apple. E permetterà così anche agli utenti di iPhone e iPad di divertirsi con le avventure del piccolo personaggio in salopette blu tra le tubazioni del Regno dei Funghi. Il videogioco si chiamerà Super Mario Run e sarà leggermente differente dalla versione originale. Nulla, però, che impedisca di riconoscere le fattezze del protagonista nato dalla mente di Shigeru Miyamoto.

Leggi anche: La storia di Nintendo attraverso le sue console, dal TvGame a Switch

supermario

Dal Gameboy allo smartphone

Super Mario Run si muove da solo sullo schermo. I livelli e le sfide da superare sono più o meno gli stessi della versione originale con l’unica eccezione che è come se si tenesse il dito fisso sul d-Pad. Le ambientazioni e i movimenti di Mario vengono riproposti in maniera fedele con le stesse caratteristiche che il videogioco ha sempre avuto sin da quando si chiamava ancora Donkey Kong. Quando uscì, nel 1981, si trattava del primo esempio di videogame a piattaforme destinato a rivoluzionare i prodotti del settore e soprattutto a rendere un’icona di costume l’idraulico di origini italo-americane. Secondo Dave Thier di Forbes, che ha provato in anteprima  il gioco in un Apple Store, Super Mario Run non è un tentativo lanciato sul mercato tanto per testare le reazioni in attesa di ulteriori miglioramenti. È un rilascio molto accurato che non tradisce le aspettative legate al modus operandi di casa Nintendo.

Free ma non troppo

Per giocare con Super Mario Run non sarà sufficiente scaricare l’applicazione. O meglio, il download gratuito è permesso per la versione di prova, ma per poter godere dell’intero gioco si dovranno pagare 10 dollari. La scelta strategica di Nintendo permette così al videogame di distinguersi dai costosi giochi in circolazione e da quelli completamente gratuiti. Super Mario Run, infatti, non deve piegarsi alle logiche dei giochi gratis e può sempre cercare di combattere i tentativi dei giocatori che con astuzia cercano di non acquistare il prodotto. Alla Nintendo basterà rilasciare una serie aggiuntiva di livelli a pagamento per assicurarsi nuove entrate economiche.

Vecchi e nuovi giocatori

La nuova prospettiva che si apre a questo punto è lo sviluppo di videogiochi storici come Super Mario sui dispositivi mobile. Nintendo ci ha messo svariati anni per provarci. Ora si propone di attirare in questo modo un pubblico nuovo e più giovane, ma probabilmente anche di riportare i vecchi utenti gameboy a divertirsi tra salti tripli, funghi e tubi direttamente sullo schermo touch.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sognatori, imprenditori, innovatori. A Nana Bianca una pizza con StartupItalia! per costruire #SIOS17

Lo startup studio di Firenze ha ospitato l’incontro pizza e birra tra startupper in vista del prossimo Open Summit. Idee, progetti e storie di nuove imprese, tutte insieme allo stesso tavolo

Aumenta la RAM e aumenta pure il prezzo. Ecco il nuovo One Plus 5

È il più costoso smartphone mai venduto dall’azienda cinese che lo equipaggia di tutto punto per cercare di fare il grande salto. Le caratteristiche sono da primo della classe e le differenze con i competitor si riducono

Se la scelta di mangiare verdure dipende da come è scritto il menu

Meglio «bocconcini di zucchine caramellate» o «zucchine verdi nutrienti»? Uno studio pubblicato sulla rivista Jama Internal Medicine ha dimostrato che mettere in risalto le qualità benefiche di alcuni vegetali non sempre invoglia i clienti dei ristoranti a sceglierli

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito