Il workshop di Natale del Miur per animatori digitali e studenti

Il 22 dicembre il ministero dell’Istruzione ha organizzato una giornata natalizia per docenti e studenti con laboratori sulla realtà virtuale e un concerto di musica digitale con i tablet

Il 22 dicembre il Ministero dell’Istruzione ha organizzato il Digital Christmas, una giornata di workshop dedicati ai giochi di luce, alla realtà virtuale e alla creazione di musica in modo virtuale, coordinati da esperti con riconosciuta esperienza a livello nazionale e internazionale. A partire dalle ore 10, la Sala della Comunicazione, la Sala Ovale e la Sala Ferro di cavallo, al secondo piano del Ministero, in viale Trastevere 76/a, ospiteranno insegnanti e studenti che per l’intera giornata lavoreranno insieme e si confronteranno sui temi del mondo digitale e virtuale.

schermata-2016-12-21-alle-12-49-18

In particolare, la Sala della Comunicazione ospiterà il workshop “Light play – Giocare con la luce”, durante il quale saranno esplorati la luce, i colori, l’ombra, il movimento e il loro rapporto attraverso i quali i 30 docenti partecipanti potranno approfondire alcuni fenomeni scientifici e le proprietà fisiche di alcuni materiali.

Nella Sala Ferro di cavallo, altri 25 insegnanti discuteranno di realtà virtuale, con la realizzazione pratica e la fruizione, attraverso postazioni di realtà virtuale applicate alla didattica, di un virtual tour del Miur. La Sala Ovale, infine, ospiterà un gruppo di studenti per lavorare alla realizzazione e registrazione virtuale di un brano musicale.

Nel corso della giornata, inoltre, saranno premiate le scuole che hanno partecipato al concorso per la Settimana del PNSD, verrà acceso l’Albero di Natale olografico, che sarà realizzato al Miur, quale esperienza della scuola “Ettore Majorana” di Brindisi e si terrà il Concerto di Natale di musica digitale con i tabletL’evento in Sala della Comunicazione potrà essere seguito anche a distanza grazie alla diretta sul sito www.istruzione.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La Spagna dice no al vino blu e multa la startup Gik

La bevanda, ottenuta con l’aggiunta di due pigmenti naturali, viene considerata una violazione alle regole del settore enologico. L’azienda ha deciso di cambiare leggermente la composizione del suo prodotto per aggirare il divieto di vendita