Confermato il bonus cultura da 500 euro anche per i nati nel 1999

La legge di Bilancio ha esteso il bonus di 500 euro da spendere in libri e musei anche per chi compirà 18 anni nel 2017

Cinquecento euro da spendere in libri, musei e musica, anche per chi compirà 18 anni nel 2017. Il bonus cultura è stato confermato, dunque, anche per i nati nel 1999 che potranno accedere alla piattaforma che il governo ha lanciato appositamente per il bonus cultura, 18app. La Legge di Bilancio 2017 (L.11 dicembre 2016, n. 232, comma 626), in vigore dal 1 gennaio 2017, ha esteso il bonus anche per chi diventerà maggiorenne nel 2017, con modalità che saranno stabilite attraverso modifiche al Decreto del Presidente del Consiglio del 15 settembre 2016, n.187.

500

Il bonus cultura è stato introdotto con lo scopo di promuovere la cultura e il patrimonio artistico del paese ed è ufficialmente operativo attraverso la piattaforma online dal 3 novembre 2016. I buoni saranno utilizzabili fino al 31 dicembre 2017, negli esercenti che si saranno registrati sulla piattaforma.

Il bonus può essere utilizzato per acquistare biglietti di cinema, teatri e concerti, eventi culturali come fiere e festival, accessi a musei e parchi archeologici e per acquistare libri, ebook, audiolibro e musica. Per accedere all’app è necessario iscriversi a SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale), ovvero avere una carta d’identità digitale, che si può richiedere a partire dal giorno del diciottesimo compleanno (qui come funziona). SPID accerterà i dati anagrafici del beneficiario mentre la gestione pratica del bonus avviene attraverso l’applicazione web, 18App, a cui ci si registra con le credenziali SPID. 

La registrazione alla piattaforma è stata prorogata dal 31 gennaio 2017 al 30 giugno 2017.

La scadenza vale anche per gli esercenti, mentre ancora non sono chiari i termini di registrazione per chi compirà la maggiore età nel 2017. La somma autorizzata per i bonus culturale dalla Legge di stabilità 2016 (28 dicembre 2015 n.208) è di 290 milioni di euro.

2 Commenti a “Confermato il bonus cultura da 500 euro anche per i nati nel 1999”

  1. Maria Timp

    Bravi…..poi noi dobbiamo mandare l sms per ricostruire le scuole dei terremotati. Non riusciranno con questi stratagemmi a comprarsi il voto dei diciottenni.

    Rispondi
    • Gianmarco Antifora

      Penso sia semplicemente un’incentivo alla cultura, Cosa che in Italia non si vede molto nei giovani.
      Dare l’opportunità di comprarsi un libro e di farlo crescere intellettualmente non può fare che bene.

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le 6 startup finaliste di .itCup Registro 2017

Dalle 110 candidature arrivate per la sesta edizione della .itCup organizzata dal Registro.it sono stati selezionati i progetti innovativi che parteciperanno alla .itCup School a Pisa. E che il 26 ottobre saranno in finale a Roma

Negli Stati Uniti arriva il primo avvocato-robot al mondo. Ed è gratuito

Il robot, che si chiama DoNotPay, in realtà è un’intelligenza artificiale in forma di chatbot e offre consulenza gratuita a chi non può permettersi un legale in carne e ossa. Nei due anni di sperimentazione ha contestato 375mila multe per il parcheggio

McDonald’s firma una linea di abbigliamento e la consegna a casa con UberEats

La famosa catena di fast food ha pensato per il 26 luglio a una campagna per celebrare il Global Delivery Day: in quella data chi ordinerà con UberEats si verà recapitare a casa un articolo con riferimento al marchio del Big Mac

I vincitori della prima edizione: “Siamo cresciuti grazie a Start To Be Circular”

Grazie alla call di Fondazione Bracco la startup Orthoponics ha acquisito le giuste competenze per conquistare il mercato. Scadenza il 3 di novembre. In palio un premio del valore di 10.000 euro e l’ingresso nell’incubatore SpeedMiUp

Botnet, Microsoft combatte Fancy Bear in tribunale

Per fronteggiare l’offensiva cibernetica che si presume giunga dalla Russia, a Redmond hanno scelto un’arma non convenzionale. I cyber-criminali sono colpiti a suon di carte bollate, e la loro botnet smantellata in tribunale