A 16 anni inventano l’app anti-violenza che soccorre le donne a rischio abusi

L’app “Never Alone” è nata da un’idea di 3 studenti di un liceo scientifico di Nocera Inferiore: collega in tempo reale il telefono della donna con la stazione della Polizia

Non tutti i ragazzi di 16 anni un giorno si svegliano e decidono di fare qualcosa per contrastare la violenza sulle donne. Loro sì. Vengono da Nocera Inferiore (Salerno), e si chiamano “3i”, “che stanno per informatica, immaginazione e innovazione” spiega Leonardo Falanga, portavoce del team. I tre sedicenni hanno ideato e sviluppato l’app “Never alone”: un’app che lancia un segnale di pericolo alla polizia semplicemente premendo un bottone. L’app è pensata per le donne che sono già state vittime di abusi o che sono a rischio di violenze nell’ambito famigliare, ma potrebbe essere usata da qualsiasi donna. L’idea è stata la vincitrice dello Startup Junior Club nell’ottava puntata del programma di Repubblica Next “The Innovation Game”. Pertanto proseguirà la sua corsa verso la Silicon Valley (meta del viaggio-premio per il finalista tra le idee in gara).

violenza

“L’idea della nostra app nasce dai fatti di cronaca che tutti i giorni sentiamo nei telegiornali o addirittura che abbiamo sotto gli occhi, e che portano la violenza sulle donne al centro dell’attenzione. Abbiamo cercato di trovare una soluzione”. I tre ragazzi studiano al liceo scientifico “Sensale” di Nocera Inferiore: hanno ideato Never Alone da soli, e ci hanno lavorato 6 mesi. 

“L’app è composta da due software: uno per la trasmissione e uno per la ricezione. Quando la ragazza scarica l’app, deve necessariamente accettare il trattamento ai dati personali, per consentire l’accesso da remoto al proprio telefono”: Never Alone, infatti, funziona semplicemente premendo un bottone che mette in contatto il telefono della donna con la stazione di Polizia o con un centro antiviolenza. La Polizia può valutare il caso e decidere se accendere il microfono del telefono della ragazza.

Secondo i ragazzi, oggi, non esiste un’app simile: “Il nostro prodotto è innovativo: quello a cui teniamo è portare un cambiamento nella vita di tante donne che magari sono vittime dell’uomo che amano. In più, ci siamo informati, e per la Polizia non sarebbe un problema adottare il nostro sistema: usano già tecniche simili per altri contesti di emergenza”.

Un Commento a “A 16 anni inventano l’app anti-violenza che soccorre le donne a rischio abusi”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Il volante anti-sonno che ti salva la vita è roba da studente

Il dispositivo Helios, da montare in auto, emette un suono se si staccano le mani dal volante per un tempo prolungato. L’idea ha vinto la prima puntata della competizione tra startup giovanili promossa da Repubblica Next

Elp, la scatola (fatta a scuola) che ricorda ai nonni quando prendere le medicine

Una classe dell’Istituto tecnico Fermi di Pontedera ha costruito un dispositivo che aiuta le persone con malattie croniche a ricordare di prendere le medicine quotidiane

Da un liceo di Brindisi un sistema salva-acque: “Così ripuliamo il mare”

Undici ragazzi hanno inventato Recol, un processo che trasforma le acque di scarico delle navi in olio combustibile, sale e acqua distillata: da rimettere sul mercato

Le 6 startup finaliste di .itCup Registro 2017

Dalle 110 candidature arrivate per la sesta edizione della .itCup organizzata dal Registro.it sono stati selezionati i progetti innovativi che parteciperanno alla .itCup School a Pisa. E che il 26 ottobre saranno in finale a Roma

Negli Stati Uniti arriva il primo avvocato-robot al mondo. Ed è gratuito

Il robot, che si chiama DoNotPay, in realtà è un’intelligenza artificiale in forma di chatbot e offre consulenza gratuita a chi non può permettersi un legale in carne e ossa. Nei due anni di sperimentazione ha contestato 375mila multe per il parcheggio

McDonald’s firma una linea di abbigliamento e la consegna a casa con UberEats

La famosa catena di fast food ha pensato per il 26 luglio a una campagna per celebrare il Global Delivery Day: in quella data chi ordinerà con UberEats si verà recapitare a casa un articolo con riferimento al marchio del Big Mac

I vincitori della prima edizione: “Siamo cresciuti grazie a Start To Be Circular”

Grazie alla call di Fondazione Bracco la startup Orthoponics ha acquisito le giuste competenze per conquistare il mercato. Scadenza il 3 di novembre. In palio un premio del valore di 10.000 euro e l’ingresso nell’incubatore SpeedMiUp

Botnet, Microsoft combatte Fancy Bear in tribunale

Per fronteggiare l’offensiva cibernetica che si presume giunga dalla Russia, a Redmond hanno scelto un’arma non convenzionale. I cyber-criminali sono colpiti a suon di carte bollate, e la loro botnet smantellata in tribunale