Università: in Giappone l’intelligenza artificiale supera i test a numero chiuso

I ricercatori del progetto Todai Robot Projects hanno realizzato un’intelligenza artificiale che ha ottenuto un punteggio abbastanza alto per passare le dure selezioni dei test nazionali per l’ammissione all’Università di Tokyo per l’anno accademico 2015/2016. Ed entro il 2021 puntano ad eccellere.

Un robot che sta per essere ammesso all’Università di Tokyo. Non ci troviamo in uno dei romanzi di Asimov, ma stiamo parlando dell’ultimo traguardo giapponese per quanto riguarda l’intelligenza artificiale. Il progetto “Todai Robot Projects” è nato nel 2011 dalla volontà dell’Istituto Nazionale di informatica giapponese, per velocizzare gli studi sull’intelligenza artificiale, che erano a un punto morto e privi di obiettivi davvero ambiziosi. I ricercatori che prendono parte al progetto puntano in alto: dopo aver ottenuto un punteggio abbastanza alto ai test nazionali per l’ammissione universitaria per l’anno accademico 2015/2016, mirano ora a eccellere nei test d’ingresso dell’Università di Tokyo per il 2021. L’Università di Tokyo è la migliore del paese, conosciuta per l’alto livello di selezione effettuato in sede di test, che può fregiare ben undici premi Nobel tra gli ex studenti.

Leggi anche: Ecco l’asilo “più bello del mondo”, realizzato come lo farebbe un bambino

robot traffic

Umani vs robot

In alcuni test effettuati nel 2013 e nel 2014 il robot aveva ottenuto punteggi sotto la media. Nelle prove di quest’anno il punteggio del robot è stato di 53,8 punti, contro i 43,8 punti ottenuti in media da una persona. L’AI ha risposto a quesiti concernenti la matematica, la fisica, l’inglese e la storia. I risultati migliori sono stati ottenuti in storia e in matematica, grazie al miglioramento delle capacità di processazione del linguaggio del robot. Caratteristiche non ancora abbastanza forti, però, da garantire al robot un punteggio sufficientemente alto in fisica. Yusuke Miyao, ordinario a capo del progetto, spiega: «Dobbiamo capire che ci sono diversi parametri di difficoltà tra un robot e una persona. Un robot può facilmente  diventare il migliore giocatore di shogi (un gioco giapponese) del mondo, perché esistono regole chiare, cosa che per una persona è quasi impossibile. Per un’intelligenza artificiale, invece, è difficile passare i test universitari, perché non esiste una regola chiara e univoca. Se pensiamo al tipo di processazione dell’informazione, il superamento dei test universitari è più semplice per un essere umano».

Che cosa sbagliano le macchine nei test d’ingresso

Miyao, in una recente intervista, ha spiegato come molti dei problemi che per noi potrebbero risultare elementari, per il computer possono essere particolarmente complessi. Un problema elementare come “c’è una fabbrica che ha una capacità produttiva di tre auto al giorno, in quanti giorni realizzerà 12 auto?”, per un computer si rivela particolarmente difficile, perché non è in grado di creare quasi simultaneamente una formula per la risoluzione, come invece saprebbe fare un bambino. L’intelligenza artificiale non è in grado di cogliere i concetti di “fabbrica” e “auto”, relazionandoli nel modo giusto per risolvere un problema; per un robot, insomma, è molto più semplice risolvere degli integrali che un problema nel quale sono presenti concetti di senso comune. Stando a quanto spiegato da Miyao, molte delle difficoltà che i robot possono incontrare durante i test riguardano, ad esempio, le domande sugli studi sociali, per cui si presuppone l’uso della memoria. Il computer, infatti, ha difficoltà a capire se gli elementi presenti nel testo di un problema sono nozioni che già possiede. Un altro limite è posto dalle domande di etica, che presuppongono la conoscenza del senso comune. Inoltre, le domande presenti nei test universitari spesso includono immagini e grafici, elementi che l’intelligenza artificiale non è ancora in grado di riconoscere e utilizzare adeguatamente.

donne

Campioni di formule, ma occhio al linguaggio naturale

I computer sono in grado di eccellere quando i problemi vengono presentati tramite delle formule. Il campo dello scibile, però, non si può esaurire in mere formule e laddove è il linguaggio naturale a predominare, la conoscenza e l’interpretazione umana resta ancora imbattuta. La lettura di un testo, ad esempio, che presuppone una mappatura emotiva e situazionale, è una prova che, ad oggi, può essere superata egregiamente dagli esseri umani, ma non dalle macchine.

Il tema dell’intelligenza artificiale ha da sempre affascinato scrittori, registi e filosofi. Molti, come Ray Kurzweil, direttore del reparto ingegneria di Google,  vedono nei robot la determinante  di un tenore di vita senza precedenti, dove malattie, problemi esistenziali e la stessa morte saranno eliminati. Di diverso avviso è, ad esempio, il filosofo svedese Nick Bostrom, che afferma come la creazione di una superintelligenza ponga una serie di questioni etiche  e delle implicazioni che potrebbero anche sfuggire al nostro controllo. Le evidenze, come indica l’esperimento giapponese, sono che ad oggi esistono settori della conoscenza dove la processazione dell’informazione umana rimane imbattuta.  Tra pessimismo e ottimismo, sembrano molto adeguate al contesto, le parole usate da Francesca Rossi, ricercatrice dell’Università di Padova ed esperta di intelligenza artificiale, in un recente articolo: “L’idea di macchine intelligenti può portare alla paura che tali macchine possano agire in modo indipendente dagli esseri umani e uscire dal loro controllo. Dato che le questioni morali ed etiche sono difficili da formalizzare, si ritiene difficile che si possano dotare le macchine intelligenti di regole precise di comportamento che rispettino certi codici etici e morali. Questo porta alla paura che le macchine intelligenti possano danneggiare gli esseri umani sulla base di  errori o sbagliate interpretazioni della moralità. Nonostante questo, anche senza rendercene conto, siamo già oggi circondati da macchine intelligenti, che ci supportano in molte attività della nostra giornata, e non siamo tuttavia governati da tali macchine, ma solo aiutati nelle nostre attività”.

Ti potrebbe interessare anche

Google lancia un corso gratuito per capire l’intelligenza artificiale

Il corso in “deep learning”, si rivolge a studenti di programmazione informatica che vogliono migliorare nel settore dell’apprendimento delle macchine. Tenuto dagli ingegneri Google, è gratuito e dura 3 mesi

A 9 anni un braccio meccanico, a 16 l’app antiviolenza. «Da bimbo ero un maker e non lo sapevo»

Leonardo Falanga ha costruito un braccio meccanico quando era solo un bambino: da allora si è appassionato alla robotica e non si è più fermato. E’ arrivato in finale alla scorsa edizione di Innovation Game con un’app che previene la violenza sulle donne. E’ uno degli speaker della Maker Faire Rome 2015 e in questo post spiega cosa significa per lui la filosofia maker

A Pisa 400 professori vanno a scuola di robotica

Oltre 400 docenti toscani hanno intrapreso un corso di formazione di robotica educativa all’Istituto di biorobotica della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa

Google lancia Tez, l’app per pagare via smartphone (anche a ultrasuoni)

Esordisce in India una nuova app per pagare e trasferire denaro attraverso il conto bancario sfruttando le onde sonore che identificano il pagatore e il beneficiario. Presto la tecnologia arriverà in altri Paesi emergenti

Il brevetto di Harvard arriva in Italia con la batteria di Green Energy Storage

Il sistema, basato su una molecola estraibile dai vegetali, consente di accumulare energia, riducendo l’impatto ambientale e i costi di produzione. L’idea di business è diventata un caso di successo anche per l’overfunding su Mamacrowd

L’Open Innovation Contest 2018 di NTT Data fa tappa anche in Italia

Aperte fino al 10 ottobre le candidature per le startup che vogliano partecipare al processo di selezione italiano. Dieci imprese si presenteranno al pitch day del 16 febbraio 2018 a Milano e una sola arriverà alla finale del 22 marzo 2018 a Tokyo