Digital skills, determinante la preparazione degli insegnanti (e investire sulla loro formazione)

Dall’analisi del Joint Information Systems Committee la chiave di volta per stimolare l’interesse e l’attenzione degli alunni è innanzitutto un’elevata preparazione dell’insegnante. Il modello Lancaster University

I nativi digitali sono esperti di tecnologia e sanno gestire adeguatamente gli strumenti digitali. Ma è proprio così? Uno spunto interessante rispetto a questa affermazione arriva dalla Gran Bretagna e dai dati di un sondaggio condotto dal Jisc (il Joint Information Systems Committee), organizzazione che si occupa di digitale (con un focus particolare su scuola e ricerca). Secondo il rapporto, solo il 65% dei 22.500 studenti universitari intervistati ha dichiarato di ricevere un adeguato supporto all’utilizzo degli strumenti digitali quando ne ha bisogno. La maggior parte dei ragazzi, inoltre, si è dimostrata più motivata ad approfondire la conoscenza degli strumenti digitali quando il docente dimostrava un adeguato know how in materia. La chiave di volta per stimolare l’interesse e l’attenzione degli alunni, spiegano gli esperti, è innanzitutto

un’elevata preparazione dell’insegnante favorisce l’instaurarsi di un ambiente digitale fluido, in cui vi è un’adeguata circolazione delle competenze e una maggiore predisposizione all’apprendimento

digital skills

Il modello Lancaster University

La Lancaster University sembra essere un modello in questo senso: l’università ha infatti adottato un approccio “dot.everything”: ogni singolo processo, dalle ammissioni alla valutazione degli studenti passando per la gestione delle buste paga, viene gestito online. Ma non bisogna ripensare solo alle funzioni digitali, anche gli spazi della formazione digitali vengono ridefiniti. Grazie alla digitalizzazione, gli spazi non sono più fissi ma modulari e flessibili; in un intervento durante la Digifest, evento inglese dedicato all’educazione digitale, Liz Ellis dell’associazione Open University ha chiarito che gli spazi e le interfacce digitali delle applicazioni si uniranno in forme integrate e flessibili.

Investire sulla formazione

Quindi, aveva raccomandato l’esperta, piuttosto che investire in nuovi spazi ove allocare le tecnologie digitali, sarebbe lungimirante formare adeguatamente il personale, perché possano trasmettere agli studenti le competenze digitali necessarie. Se l’università deciderà di intraprendere questo percorso, si avrà un’occasione reale per svolgere un’attività di formazione a tutti i livelli.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Petit Pli, gli abiti progettati per crescere insieme ai bambini

Petit Pli è una tuta sportiva neutra e impermeabile il cui tessuto si allunga e si adatta perfettamente a bambini dai 6 mesi ai 3 anni. In questo modo i genitori non saranno costretti a comprare di continuo vestiti per i loro figli in crescita

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti