Digital skills, determinante la preparazione degli insegnanti (e investire sulla loro formazione)

Dall’analisi del Joint Information Systems Committee la chiave di volta per stimolare l’interesse e l’attenzione degli alunni è innanzitutto un’elevata preparazione dell’insegnante. Il modello Lancaster University

I nativi digitali sono esperti di tecnologia e sanno gestire adeguatamente gli strumenti digitali. Ma è proprio così? Uno spunto interessante rispetto a questa affermazione arriva dalla Gran Bretagna e dai dati di un sondaggio condotto dal Jisc (il Joint Information Systems Committee), organizzazione che si occupa di digitale (con un focus particolare su scuola e ricerca). Secondo il rapporto, solo il 65% dei 22.500 studenti universitari intervistati ha dichiarato di ricevere un adeguato supporto all’utilizzo degli strumenti digitali quando ne ha bisogno. La maggior parte dei ragazzi, inoltre, si è dimostrata più motivata ad approfondire la conoscenza degli strumenti digitali quando il docente dimostrava un adeguato know how in materia. La chiave di volta per stimolare l’interesse e l’attenzione degli alunni, spiegano gli esperti, è innanzitutto

un’elevata preparazione dell’insegnante favorisce l’instaurarsi di un ambiente digitale fluido, in cui vi è un’adeguata circolazione delle competenze e una maggiore predisposizione all’apprendimento

digital skills

Il modello Lancaster University

La Lancaster University sembra essere un modello in questo senso: l’università ha infatti adottato un approccio “dot.everything”: ogni singolo processo, dalle ammissioni alla valutazione degli studenti passando per la gestione delle buste paga, viene gestito online. Ma non bisogna ripensare solo alle funzioni digitali, anche gli spazi della formazione digitali vengono ridefiniti. Grazie alla digitalizzazione, gli spazi non sono più fissi ma modulari e flessibili; in un intervento durante la Digifest, evento inglese dedicato all’educazione digitale, Liz Ellis dell’associazione Open University ha chiarito che gli spazi e le interfacce digitali delle applicazioni si uniranno in forme integrate e flessibili.

Investire sulla formazione

Quindi, aveva raccomandato l’esperta, piuttosto che investire in nuovi spazi ove allocare le tecnologie digitali, sarebbe lungimirante formare adeguatamente il personale, perché possano trasmettere agli studenti le competenze digitali necessarie. Se l’università deciderà di intraprendere questo percorso, si avrà un’occasione reale per svolgere un’attività di formazione a tutti i livelli.

Google lancia Tez, l’app per pagare via smartphone (anche a ultrasuoni)

Esordisce in India una nuova app per pagare e trasferire denaro attraverso il conto bancario sfruttando le onde sonore che identificano il pagatore e il beneficiario. Presto la tecnologia arriverà in altri Paesi emergenti

Il brevetto di Harvard arriva in Italia con la batteria di Green Energy Storage

Il sistema, basato su una molecola estraibile dai vegetali, consente di accumulare energia, riducendo l’impatto ambientale e i costi di produzione. L’idea di business è diventata un caso di successo anche per l’overfunding su Mamacrowd

L’Open Innovation Contest 2018 di NTT Data fa tappa anche in Italia

Aperte fino al 10 ottobre le candidature per le startup che vogliano partecipare al processo di selezione italiano. Dieci imprese si presenteranno al pitch day del 16 febbraio 2018 a Milano e una sola arriverà alla finale del 22 marzo 2018 a Tokyo