immagine-preview

Gen 9, 2018

Lavorare tutti, lavorare meglio

Motivazione e formazione. Questo è quanto vogliono i Millennial dal loro posto di lavoro. Se ben motivati, i giovani possono essere una risorsa enorme

Lavoro e Millennial, un tema che le cronache affrontano solo da due punti di vista: le poche possibilità per i 20-30enni, oppure l’offerta di alcune aziende che rimane senza risposta a causa della mancanza di specifiche competenze (il più delle volte tecniche o digitali) o perché le posizioni proposte sono troppo “artigianali” o manifatturiere per i giovani italiani.

C’è un altro aspetto però molto importante e poco trattato: quello delle aziende che non riescono ad attrarre o a mantenere al loro interno giovani talenti. Questi Millennial sono troppo selettivi? Oppure è cambiato qualcosa nell’interpretazione del lavoro? Propendo per la seconda ipotesi.

La distanza tra domanda e offerta

Il perché è semplice: quando si apre una posizione in una delle aziende del mio gruppo siamo invasi da candidature di professionisti che hanno esperienze più mature rispetto a quanto richiesto. Scelgono di avere uno stipendio anche più basso solo per poter avere l’opportunità di lavorare in un’azienda che permette loro di esprimere il proprio talento e mettersi liberamente in gioco. La volontà è quindi quella di uscire da meccanismi di realtà sovrastrutturate o tradizionali in cui imperano procedure rigide che lasciano poco spazio all’espressione di sé.

 

Da qui due nuovi quesiti: come possono le aziende attirare i talenti Millennial? E come possono i ragazzi capire in tempo i propri talenti su cui puntare e investire?

Partiamo dal secondo. Qui la risposta dovrebbe arrivare dalla scuola, che deve senza dubbio continuare a proporre un’istruzione culturale ma utilizzarla anche per riconoscere e alimentare le attitudini del singolo studente in un’ottica di competenze sul posto di lavoro. Come? Non solo utilizzare i programmi ministeriali per indagare fra le soft skill degli studenti, ma sfruttare l’Alternanza Scuola Lavoro e come viene affrontata e vissuta dal ragazzo, in uno scambio fra professore e tutor aziendale.

Soluzioni pratiche un mondo (del lavoro) migliore

Non amo le ricerche ma ce n’è una di Manageritalia che sottolinea come più di tre quarti degli studenti ritenga che la scuola debba certificare caratteristiche e competenze anche personali degli studenti, per potersi presentare ai colloqui con indicazioni comprovate delle loro soft skill.

Il tempo è fondamentale e non perché “sia denaro” ma perché è l’unica cosa che non potrà mai tornare indietro e quindi va sfruttata al meglio

Le aziende, contemporaneamente, cosa possono fare per attrarre i talenti? Spogliarsi dalla cultura del lavoro anni ’70 e ’80 che ancora le riveste, lasciando spazio sufficiente ai loro collaboratori di potersi esprimere e gestire meglio il tempo lavoro.

 

Come? Iniziando a eliminare le innumerevoli e infinite riunioni che dettano il ritmo lavorativo degli uffici mondiali. Se non sono fondamentali, meglio evitarle. Il tempo è fondamentale e non perché “sia denaro” ma perché è l’unica cosa che non potrà mai tornare indietro e quindi va sfruttata al meglio. I Millennial lo sanno e preferiscono sfruttare il tempo per formarsi come professionisti e come persone.

 

La “formazione” è proprio l’aspetto maggiormente indicato dai Millennial per la scelta del posto di lavoro. In particolare chiedono che il loro manager di riferimento non sia un semplice capo, ma un motivatore e formatore, che condivida con loro trucchi del mestiere e programmi di crescita a medio termine. Per loro il rispetto dell’autorità non passa più per la gerarchia imposta, ma per il rispetto umano della persona e per la stima professionale sia tecnica sia di coordinamento.

Ad oggi, secondo un altro studio dell’HRPA, solo il 29% dei Millennial si dichiara coinvolto dal proprio impiego e addirittura il 60% cambierebbe immediatamente posto di lavoro se solo ne trovasse uno in grado di offrirgli percorsi professionali attinenti al proprio talento. Il restante 21% ha già cambiato posto di lavoro nel corso dell’ultimo anno perché ha trovato quanto appena descritto. L’elevato turnover, come si sa, è un costo enorme per le aziende e blocca la crescita del fatturato e del profitto delle stesse.

 

Ecco quindi cosa ci vorrebbe: più educazione al lavoro nell’istruzione e maggiore formazione di competenze nel lavoro. Per i Millennial la scuola non finisce con la Maturità o la tesi di Laurea.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter