Chi era Gianni Degli Antoni, che già negli anni ’80 parlava di e-learning e registro elettronico

Gianni Degli Antoni si è spento a 81 anni: fu uno dei primi professori di informatica in Italia e un precursore della scuola digitale. Il ricordo di chi l’ha conosciuto

Alla fine degli anni Sessanta parlava di cibernetica. Negli anni Ottanta aveva lanciato l’idea del registro elettronico e raccontava della possibilità di introdurre l’informatica nella didattica. Lui è sempre stato avanti: Gianni Degli Antoni, l’eccentrico professore che ha cambiato il volto dell’Università Statale di Milano e la storia di migliaia di ragazzi, se n’è andato all’età di 81 anni. L’avevo conosciuto all’inizio del mio percorso da giornalista. Era arrivato a Crema come un innovatore e lo è stato. Aveva avuto il coraggio di creare in una piccola città di provincia uno dei tre dipartimenti di informatica. Il primo corso di laurea in informatica iniziò nell’anno accademico 1995-96 in una sede provvisoria. L’anno successivo, il 12 dicembre 1996, il Polo Didattico e di Ricerca di Crema venne inaugurato ufficialmente negli edifici precedentemente occupati dalla Olivetti. Nel luogo dove era nata la prima macchina da scrivere elettrica del mondo, dove si era passati dalla meccanica all’elettronica, ora quel fisico piacentino arrivato dalla Normale di Pisa, era pronto a lanciare una nuova sfida.

Leggi anche:  Anno 1986, Degli Antoni: «E’ il momento del registro elettronico ». Oggi ancora 1 scuola su 2 non lo usa link

gianni

La prima volta che lo incontrai non mi resi conto di aver di fronte uno degli uomini chiave dell’Accademia italiana ma capii subito che quel professore era un genio. Non solo sembrava tale dall’aspetto fisico, da quei lunghi capelli bianchi che lo facevano somigliare ad Albert Einstein ma era un genio perché sapeva essere profetico. Prima di qualsiasi riforma della scuola, di qualsiasi scelta della politica, aveva capito che era necessario unire impresa e Università; stringere rapporti tra le scuole primarie, secondarie e l’ateneo. Aveva deciso di puntare tutto sui giovani, su quel rapporto che sapeva creare con i suoi studenti. Gianni Degli Antoni, aveva messo un piede a Crema, uno a Milano e uno nel mondo perché aveva intuito prima di altri che avremmo dovuto guardare alla Cina. La globalizzazione lui l’aveva anticipata.

Il professore aveva una marcia in più: ogni volta che lo incontravi sapeva spiegare anche ai più ignoranti l’applicazione della tecnologia nella nostra vita. E’ stato capace di tradurre una disciplina in un alfabeto alla portata di tutti. Degli Antoni aveva la vista lunga, sapeva guardare oltre l’oggi; non si fermava di fronte alla miopia della politica incapace di investire in questo settore in Italia. Lui è andato avanti.

Il suo curriculum è la sua storia: dalla fondazione dell’istituto di cibernetica nel 1977 alla nascita del Centro Televisivo Universitario alla creazione dell’Associazione italiana per la multimedialità. Gianni Degli Antoni ha trascorso i suoi 81 anni da innovatore tanto da essere riconosciuto tale dall’Onu nel 2009. Una volta lasciata l’Università di Crema, in città non si era più visto. Era stato capace di mettersi da parte. Di lasciare il posto ad altri. Da un decennio non lo si sentiva.  Di lui, son certo, si ricorderanno per sempre i ragazzi che hanno avuto il dono di conoscerlo, di assistere ad una sua lezione.

compuscuola

2 Commenti a “Chi era Gianni Degli Antoni, che già negli anni ’80 parlava di e-learning e registro elettronico”

  1. Lorenzo

    Ricordo l’esperienza di Little Italy, mondo virtuale testuale, tecnicamente un MOO (Multi user dungeon Object Oriented). Una delle prime community virtuali italiane strutturate con regole, ambienti, interazioni. Una vera città virtuale. Li dentro ho conosciuto persone di immenso valore che tutt’ora frequento.

    Rispondi
  2. Vera Santarelli

    Unico nel panorama dei pensatori GDA , sta nel tener assieme anime e pensieri dentro un disegno unitario e utopico…

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Anno 1986: «E’ il momento del registro elettronico ». Oggi ancora 1 scuola su 2 non lo usa

Giovanni Degli Antoni, accademico e informatico, era stato profetico ma ancora oggi molte scuole non hanno il registro elettronico e neanche la rete

Facebook e YouTube lavorano contro la propaganda terroristica sulle loro piattaforme

Il social per eccellenza e il portale di videosharing si attrezzano per fare fronte alla minaccia estremista con un misto di tecnologia e buon senso: il riconoscimento automatico spesso non basta a eliminare i contenuti pericolosi

Il food italiano parte alla conquista della Cina con la startup Ventuno

Le sorelle Di Franco hanno inventato un modo per presentare l’italian food all’estero: eleganti box a tema regionale con prodotti locali. E ora la piattaforma sarà una delle dieci finaliste dell’Italian Scaleup Initiative in China

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito