Arianna Huffington: «Vi spiego perché i bambini devono dormire di più»

L’appello di Arianna Huffington, che sul tema ha pubblicato un libro: più ore di sonno possono favorire il comportamento e l’apprendimento

Forse troppo spesso chiediamo uno sforzo eccessivo ai bambini che vanno a scuola. Lezioni, esami, scadenze, compiti da consegnare, aspettative da soddisfare. Forse quello di cui avrebbero bisogno sarebbe, semplicemente, una buona dormita.

A dirlo è Arianna Huffington, fondatrice del sito omonimo, che sull’argomento ha persino scritto un libro, “The Sleep Revolution”. «Quando noi adulti siamo stanchi – spiega – ci comportiamo da persone stanche, mentre i bambini reagiscono in maniera opposta: diventano iperattivi e difficilmente controllabili. Abbiamo un sacco di esempi di ragazzini a cui è stato diagnosticato un deficit di attenzione, quando in realtà si trattava soltanto di carenza di sonno».

main_2622374b

E non è l’unica a pensarla così

Della stessa opinione Charles Best, Ceo di DonorsChoose, sito che raccoglie donazioni di privati che vogliono sostenere dei progetti all’interno delle scuole: «Anche io ho avuto molti studenti che pensavo fossero turbolenti e indisciplinati, mentre in molti caso avrebbero solo avuto bisogno di dormire un po’ di più». Da quanto emerge dalla loro conversazione, almeno la metà dei bambini che hanno difficoltà a concentrarsi e a comportarsi in maniera civile vanno a scuola senza aver dormito abbastanza.

«Ormai diamo tutti per acquisito che i bambini devono avere una buona alimentazione e devono fare movimento fisico, ma il terzo elemento, fondamentale, è che devono riposare un numero adeguato di ore» insiste Arianna Huffington. La privazione del sonno ha effetti diretti non soltanto sulla capacità di apprendimento, ma anche su altri aspetti della vita degli studenti e dei loro insegnanti: «La nostra salute e il sistema immunitario ne risentono immediatamente. Anche per questo vediamo intere classi che prendono influenze, febbri e altre malattie».

The-Sleep-Revolution-Arianna-Huffington

La gara del sonno

Il libro della Huffington ha spinto molti insegnanti a interrogarsi su questo tema. Kathleen Nolan, un’insegnante di una scuola elementare del Queens, ha creato uno “sleep challenge”, una sorta di gara del sonno tra i suoi allievi, ottenendo risultati notevoli non solo su comportamento e attenzione, ma anche sul processo di apprendimento. «E’ fantastico che ci sia finalmente consapevolezza di tutto questo – conclude Arianna Huffington – vedo che c’è un cambiamento nel modo di pensare di molte persone».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Con congedi parentali più lunghi le mamme mantengono il lavoro nel tech: Google insegna

Un congedo parentale adeguatamente retribuito e sufficientemente lungo riduce di molto l’abbandono del posto di lavoro da parte delle neo mamme. Google l’ha dimezzato

Risolve il cubo di Rubik in 5 secondi: è Feliks, 19 anni, e due volte campione del mondo

L’australiano Feliks Zemdegs ha vinto per la seconda volta i campionati mondiali di cubo di Rubik in Brasile, risolvendo il rompicapo in 5,69 secondi. Per pochissimo non ha battuto il record del mondo

Una mamma crea una battaglia navale con la tavola periodica per insegnare ai figli la chimica

Karyn Tripp è una homeschool mom, cioè una mamma che fa scuola ai suoi figli in casa. Per insegnare la chimica ha trovato un modo creativo e divertente: giocare a battaglia navale

«I test a scuola non ci insegnano a vivere». Parola di Barack Obama

Negli Usa si è aperto un dibattito sui test standardizzati, avviato da una lettera aperta che il presidente Barack Obama ha rivolto a genitori e insegnanti

Un metodo per stampare in 3D con la polvere di Marte

L’idea quasi fantascientifica della colonizzazione dello spazio ha ispirato i ricercatori della Northwestern University che hanno pensato a un modo per realizzare strumenti necessari alla vita umana con la fabbricazione digitale sfruttando le risorse del suolo extraterrestre

La Nato aprirà un centro di Info warfare, a Helsinki

“Il centro – ha detto il ministro degli Esteri finlandese Timo Soini in conferenza stampa – è stato realizzato per sensibilizzare alle minacce ibride e a come queste possano sfruttare le vulnerabilità delle moderne società occidentali.