“Quel puntino nero è un pianeta”: l’ha scoperto Tom, 15 anni

Durante uno stage con un professore di Astrofisica, Tom Wagg si è accorto di un punto nero nel fascio di luce di una stella. Due anni dopo ha avuto la conferma: ha scoperto un nuovo pianeta

Newcastle-under-Lyme è una cittadina di 74 mila abitanti nella contea dello Staffordshire, in Inghilterra. Qui vive Tom Wagg: a 15 anni è andato alla Keele University per fare uno stage durante la scuola, una prima esperienza in un contesto professionale, guidato dal professore di astrofisica Coel Hellier. Mentre guardava il cielo con il telescopio, Tom si accorge di una macchiolina nera in mezzo al fascio di luce che proviene da una stella lontana. Un puntino nero. Capisce che può trattarsi di un pianeta. Mentre gli scienziati delle Università di Ginevra e di Liegi analizzavano il puntino nero che Tom aveva scoperto, lui è sempre rimasto in contatto con il professor Coel Hellier. Oggi Tom ha 17 anni ed ha avuto la conferma: quello che aveva scoperto era effettivamente un pianeta mai osservato prima, composto principalmente di gas, con le stesse caratteristiche di Giove.

Star-boy-583834

Sebbene gli abbiano dato atto della scoperta, Tom non ha potuto dare il suo nome al pianeta che ha scoperto, che sarà invece deciso da una gara coordinata dall’International Astronomical Union. Il nuovo pianeta è stato temporalmente nominato WASP-142b, perché è la 142esima scoperta del  progetto Wide Angle Search for Planets (WASP), i cui dati sono stati usati da Tom per fare la sua scoperta.

“Quando ho scoperto che poteva essere un pianeta sono rimasto scioccato” ha detto Tom. Il suo professore, invece, è rimasto impressionato dallo stage “brillante” del ragazzo, e dalle sue capacità di osservazione che lo hanno portato ad accorgersi del piccolo puntino nero. “Gli umani sono molto più bravi a fare cose come queste piuttosto che gli algoritmi” – ha detto il professore – “non è così raro scoprire nuovi pianeti, ma non è mai successo durante uno stage scolastico”. 

Tom ha ammesso di esserci rimasto male per non aver potuto dare il suo nome al pianeta: “Mi dispiace ma capisco la necessità di una gara. Spero che quanto mi è successo trasmetta il messaggio che tutti possono scoprire un pianeta se hanno l’accesso ai dati, come li ho avuto io, e se sanno cosa cercare”. Tom ora studia fisica, matematica e latino al liceo e punta a continuare con gli studi scientifici anche all’università.

Ti potrebbe interessare anche

Raymond, 17 anni, scopre come contenere le epidemie sugli aerei: e vince il premio Intel

L’edizione 2015 dell’International Science and Engineering Fair (Isef), il contest di Intel che premia ricerche fatte da ragazzi delle scuole superiori, è stata vinta da Raymond Wang con un sistema per ridurre la trasmissione di malattie in volo

16 competenze da sviluppare a scuola (secondo il World Economic Forum)

Nel report “New Vision for Education” vengono elencate le skill da avere per trovare lavoro più facilmente in un’economia dell’innovazione. Partendo dal fatto che più di un terzo delle aziende globali non riesce a trovare personale con le capacità richieste

A 16 anni inventano l’app anti-violenza che soccorre le donne a rischio abusi

L’app “Never Alone” è nata da un’idea di 3 studenti di un liceo scientifico di Nocera Inferiore: collega in tempo reale il telefono della donna con la stazione della Polizia

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

DevSecOps: lo sviluppo software agile attento alla sicurezza

Sviluppatori, esperti di sicurezza, reparto IT: tutti devono collaborare per creare software davvero sicuro. Un concetto che si concretizza nel DevSecOps, un modo moderno e veloce per arrivare dall’idea alla produzione senza correre rischi