Adriel, 16 anni, ha hackerato una stampante e creato un test low-cost per disturbi cardiaci

Adriel Sumathipala ha trovato un modo per monitorare le malattie cardiache hackerando una semplice stampante a inchiostro. Il ragazzo è tra i 20 finalisti della Google Science Fair

“Ho sempre amato costruire cose. Quando ero piccolo ho creato un allarme per il letto usando delle lattine e delle corde”. Adriel Sumathipala di Ashburn, Virginia, descrive se stesso come uno stagnino, una persona che ama aggiustare le cose usando le macchine o parti di esse. Il sedicenne dice che è una dote di famiglia: suo nonno, che è morto per un attacco di cuore prima ancora che Adriel nascesse, amava anche lui costruire cose. Così, crescendo, dall’allarme per il letto è passato a oggetti un po’ più utili. Per esempio ha automatizzato tutta la sua casa usando Arduino, ed altre cose del genere. Il progetto più ambizioso, però, l’ha portato ad essere tra i 20 finalisti della Google Science Fair 2015: un sistema per riconoscere e monitorare malattie cardiache. 

google

Tra i piccoli scienziati di Google

Il ragazzo è uno dei 20 piccoli genii che sono arrivati in finale alla Google Science Fair di quest’anno (in corsa c’era anche un italiano di cui vi avevamo parlato qui, che non è rientrato nella rosa dei finalisti). Google annuncerà il podio dei progetti migliori a settembre: il vincitore avrà un viaggio di 10 giorni alle isole Galapagos e una borsa di studio di 50 mila dollari. Quando Adriel ha saputo che anche lui e la sua famiglia correvano il rischio di contrarre la stessa malattia cardiaca del nonno, si è impegnano a seguire un regime salutare fatto di esercizio fisico e alimentazione equilibrata. Ma Adriel era un po’ depresso dal fatto che non aveva modo per misurare quanto i suoi sforzi di condurre una vita sana avessero effettivamente impatto sul suo cuore: per monitorarlo, infatti, aveva bisogno di fare i costosi test di laboratorio che misurano i livelli di colesterolo. Così il teenager ha deciso di realizzare un test low-cost, rapido e facile da utilizzare.

L’ispirazione

“C’è una diverso tipo di ispirazione che ci viene dal bisogno di aiutare le persone che amiamo di più – ha scritto Adriel – non viene in un momento di realizzazione, di epifania, di una lampadina che si accende. E’ una continua e illimitata ispirazione.

Il tipo di ispirazione che mi ha spinto a fare tardi la notte in laboratorio, che mi ha fatto andare avanti nonostante gli innumerevoli fallimenti, e che mi ha distolto dall’abbandonare una volta per tutte il mio lavoro”.

Da una stampante al test

Invece di misurare il colesterolo, il test di Adriel misura le lipoproteine a bassa densità (Ox-LDL), un marcatore biologico che ha una forte correlazione con le malattie cardiache e quindi sembra essere ancora più idoneo per identificarle. “Ho riconosciuto un metodo diagnostico che può offrire importanti dati a dottori e pazienti, e così porre le basi per un trattamento personalizzato rivoluzionario” ha scritto Adriel. Con l’aiuto del suo insegnante di biologia, Adriel ha trascorso due anni provando a costruire questo sistema diagnostico. Alla fine ci è riuscito hackerando una semplice stampante a inchiostro: ha depositato gli enzimi in due sensori Ox-LDL che ha sviluppato. Il sensore della carta indica se gli enzimi hanno un’alta o bassa concentrazione del bio-marcatore Ox-LDL (indicatore della malattia). Secondo Adriel questo sistema potrebbe abbassare il costo di un test a 2 centesimi di dollaro, con i risultati pronti in pochi minuti invece che in giorni. 

@carlottabalena

Ti potrebbe interessare anche

Andrea, 19 anni, progetta un farmaco anti-Ebola e va in finale alla Google Science Fair

Andrea Senacheribbe è l’unico italiano arrivato in finale alla fiera di Google dedicata a giovani scienziati under 20. In palio, premi per 130 mila dollari

“Quel puntino nero è un pianeta”: l’ha scoperto Tom, 15 anni

Durante uno stage con un professore di Astrofisica, Tom Wagg si è accorto di un punto nero nel fascio di luce di una stella. Due anni dopo ha avuto la conferma: ha scoperto un nuovo pianeta

3 dodicenni sardi hanno creato una LIM fai-da-te

Con una consolle di gioco, un proiettore e un pc, Davide, Fabio e Marco di un Istituto di Sestu (Cagliari) hanno creato una LIM autoprodotta e low cost. La dirigente scolastica Alessandra Patti ci racconta come hanno fatto

Dal Mit un nuovo dispositivo che estrae acqua potabile dall’aria

Alimentato dalla sola energia solare, il sistema potrebbe aiutare a risolvere i problemi di approvvigionamento idrico nel mondo: con un materiale innovativo e una tecnologia all’avanguardia può funzionare anche in aree aride, dove l’umidità non supera il 20 per cento

La Nato aprirà un centro di Info warfare, a Helsinki

“Il centro – ha detto il ministro degli Esteri finlandese Timo Soini in conferenza stampa – è stato realizzato per sensibilizzare alle minacce ibride e a come queste possano sfruttare le vulnerabilità delle moderne società occidentali.