Gli insegnanti hanno bisogno di riposo a Natale: 5 consigli per farlo davvero

Una ricerca della City University di Londra ha dimostrato con l’esperienza dei docenti intervistati che il relax durante la pausa natalizia aiuta a recuperare energie e a evitare crolli psicologici all’inizio del successivo periodo scolastico

Le vacanze di Natale sono il primo vero intervallo dell’anno scolastico in cui studenti e insegnanti possono riposarsi. E soprattutto i docenti dovrebbero usare questo periodo per ricaricarsi ed evitare che lo stress delle ore passate in classe logori la loro capacità di interagire con gli allievi. Lo dice una ricerca della City University di Londra. Ma soprattutto lo suggerisce il buon senso, visto che continuare a preoccuparsi del lavoro anche quando si è in ferie non aiuta a recuperare energie.

teacher-burnout

Foto: Edutopia.org

La ricerca sul riposo degli insegnanti

I ricercatori dell’università inglese guidati dal Dottor Paul Flaxman e da Sonja Carmichael hanno intervistato 90 insegnanti nel Regno Unito, invitandoli a rispondere a delle domande alla fine di 8 settimane consecutive. Hanno così coperto i periodi antecedenti alla pausa natalizia e quelli immediatamente successivi. Lo studio è stato poi replicato anche in Quebec, Canada. Dalle risposte dei docenti è apparso evidente che coloro che non riescono a staccare completamente dai loro incarichi professionali hanno più difficoltà a riposarsi e a prepararsi nel modo migliore per il mese di gennaio. Nella maggior parte dei casi il relax necessario per gli insegnanti fa bene soprattutto alla loro salute psicologica. Appagare alcuni bisogni mentali come il senso di competenza, di autonomia e la connessione con altre persone li dispone in maniera positiva a ricominciare il lavoro con i ragazzi. E, in alcuni casi, seguire un buon percorso di riposo aiuta a evitare possibili crolli emotivi certo non adatti a chi svolge la funzione dell’educatore. Per staccare davvero con il lavoro, però, non basta solo l’intenzione a volte. È per questo che il Guardian ha raccolto alcuni consigli di esperti che gli insegnanti possono cercare di mettere in pratica per riposarsi a Natale.

1. Anche pochi giorni bastano

I docenti tendono ad accumulare nelle vacanze di Natale impegni come la correzione dei compiti in classe. «È necessario, però, riservare per se stessi almeno pochi giorni di riposo assoluto per recuperare davvero le forze», dice la neuroscienziata Claudia Aguirre.

2. Disabilitare le notifiche mail

Non essere schiavi di ogni suono che provenga dallo smartphone aiuta a dedicare più tempo e in maniera più rilassata alla propria famiglia. E, perché no, anche a tenersi occupati in attività di puro intrattenimento come fare giochi da tavola o leggere un buon libro.

relax-reading

Foto: Mpardo.photo da Flickr

3. Distrarsi tenendosi attivi

James Hilton, esperto di psicologia positiva e gestione dello stress, consiglia di cercare delle distrazioni per non ritrovarsi a pensare continuamente alla scuola. Uno dei modi può essere l’attività fisica, oppure lavorare con l’immaginazione per collocarsi in un altro luogo. Ad aiutare questo processo ci sono esercizi di respirazione nei quali si cerca di utilizzare il più possibile il diaframma.

4. Ritagliare del tempo per sé stessi

È importante riservare del tempo a ciò che si desidera fare durante le vacanze. Questo pensiero, però, non deve diventare un altro impegno da assolvere. In ogni cas,o non bisogna lasciarsi andare all’ozio totale che può essere controproducente. Meglio fissarsi dei piccoli obiettivi giornalieri che aiutino a preparare il mese di gennaio in tranquillità e che diano un senso di appagamento. Una volta completato il compito del giorno, ci si può dedicare alle attività che più si preferisce fare.

5. Aumentare la consapevolezza del relax

Il professor Gail Kinman suggerisce di vivere i momenti di relax con estrema consapevolezza. Questo significa non pensare al lavoro quando non si è impegnati e non parlare di lavoro con i colleghi che spesso diventano amici. Se proprio è necessario lavorare durante le vacanze, meglio farlo di prima mattina così da poter poi dedicare il restante tempo al riposo.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aumento di capitale per Satispay, già raccolti 14 milioni. Obiettivo: mercato estero

Risorse da record per la startup italiana dei pagamenti digitali fondata da Alberto Dalmasso, Dario Brignone e Samuele Pinta. I fondi raccolti saranno destinati all’internazionalizzazione del prodotto. A partire dalla Germania

Chi compra l’usato guadagna 900 euro all’anno. Intervista alla CEO di Subito.it

Secondo l’Osservatorio 2016 Second Hand Economy condotto da DOXA, la compravendita dell’usato cresce di €1 miliardo nel 2016 e ora vale l’1,1% del PIL. Abbiamo sentito Melany Libraro per capire come cambiano le abitudini degli italiani

La centrifuga di Iscleanair ripulisce l’aria dagli inquinanti senza usare filtri

La scaleup, che è inserita nel programma di accelerazione Eit Digital, propone un dispositivo in grado di migliorare la qualità degli ambienti interni ed esterni, sfruttando l’abbattimento in acqua. La sua soluzione può aiutare anche la rigenerazione urbana

Quanto sono sicuri i tuoi sistemi? Ecco cosa ci dice il rapporto Verizon sulle violazioni informatiche

Ransomware e phishing sono in aumento, i settori finanziario e sanitario tra i più colpiti, ma anche le piccole imprese non stanno tranquille. Entusiasmo, distrazione, curiosità e incertezza sono i cavalli di Troia